La Gabbia | Puntata 18 maggio 2016

La Gabbia: la puntata del 18 maggio 2016

  • 21.18

    Inizia la puntata.

  • 21.18

    In apertura la candid camera del finto senatore Codazzo.

  • 21.26

    Paragone annuncia che La Gabbia farà incursioni nel MatteoRisponde adesso in corso.

  • 21.33

    In un servizio si parla di bonus bebè.

  • 21.42

    Giordano: “Il Jobs act non serve a nulla perché non ha creato nuovi posti di lavoro”.

  • 21.45

    Giordano insiste: “Renzi racconta di aver risolto ogni problema ma non ha risolto nulla”. Beha: “Se Renzi dicesse che più di questo non riesce a fare forse ci sarebbe più simpatico”.

  • 21.46

    Beha: “La formazione, la scuola in questo Paese è considerata cacc@”.

  • 21.48

    Mughini: “Il problema non è che abbassino le tasse ma che non le aumentino. Quest’anno le tasse non sono aumentate”. Giordano: “Quest’anno le tasse locali sono aumentate”.

  • 21.50

    In un servizio la storia del necrologio dell’imprenditore strozzato dallo Stato.

  • 21.54

    Mughini contesta il titolo del servizio: “Non è stato strozzato dallo Stato. Non era stato pagato dai suoi clienti, cioè da altri italiani”.

  • 21.57

    Si torna alla diretta Facebook di Renzi, che elenca le tasse ridotte dal suo governo.

  • 21.58

    Giordano: “In realtà la pressione fiscale è scesa forse di uno 0,01% del totale”. E parla di pensioni d’oro da tagliare.

  • 22.00

    Per Mughini quella di Giordano è “demagogia”. Il giornalista replica: “Bisogna ricalcolare le pensioni in base ai contributi versati. Ma cosa dici? Parla di Juventus e non di cose che non sai”.

  • 22.01

    Mughini: “90 mila euro al mese? Ma li prenderanno in 3. Madonna mia!”.

  • 22.03

    Secondo Giordano, “tagliando le pensioni sopra i 5000 euro si recuperano due miliardi”.

  • 22.05

    Chi vincerà a Milano e a Roma? Gli ospiti dicono la loro.

  • 22.07

    Giordano: “La candidatura di Sala a Milano è stato un errore di Renzi”.

  • 22.08

    Mughini: “Se questa nostra chiacchierata tra amici deve diventare l’ennesima nenia anti Renzi io mi appisolo”.

  • 22.09

    In un servizio si parla delle tasse locali che “esplodono”.

  • 22.13

    Marchini in collegamento.

  • 22.14

    Marchini: “Le tasse vanno abbassate, bisogna rimettere i soldi nelle tasche dei cittadini. E si può fare”.

  • 22.17

    Mughini: “Io sull’autobus di Roma non ho mai visto un controllore. I controllori non ci sono perché mancano i soldi per pagarlo”.

  • 22.19

    Giordano: “Le tasse locali sono aumentate”. Mughini: “Le tasse sono cresciute fino al 2015, dici stupidaggini, porcaccia miseria”.

  • 22.20

    Paragone riporta l’ultimo annuncio di Renzi: 500 euro agli studenti dopo le elezioni. Mughini: “La nenia anti Renzi non può durare 24 ore!”.

  • 22.23

    Mughini: “Leggo i giornali, non sono analfabeta, ma porco Giuda!”. Beha: “In che senso Giuda?”

  • 22.24

    Giordano a Mughini: “Ammetti che hai detto una stupidaggine, capita!”.

  • 22.29

    Giordano: “Alle promesse di Renzi non ci credo più”. Mughini: “La comunicazione di Renzi su Facebook? Ma cosa vuoi che me ne freghi!”.

  • 22.36

    In un servizio si racconta la “voragine senza fine dei trasporti romani”.

  • 22.37

    Le condizioni degli autobus di linea. E la denuncia di un dipendente Atac.

  • 22.42

    Il 77enne Giovanni che non paga il biglietto Atac.

  • 22.44

    Marchini: “Anche io sono stato portoghese, ma solo a New York. Privatizzazione Atac? Impossibile, l’azienda va messa prima a posto”.

  • 22.45

    Marchini: “Il parco auto Atac per il 70% è da rinnovare. Bisogna fare cassa con l’evasione, non serve il controllore, basta il sistema di pagamento elettronico”.

  • 22.49

    Le immagini della contestazione di Salvini in un campo rom a Roma.

  • 22.50

    Pivetti: “La ruspa sui poteri forti? Se commettono reati serve intervenire”.

  • 22.52

    Marchini: “Io clericale? Sono un credente, non sono un anticlericale, ma non sono diventato un clericale. Imu alla Chiesa? Sì, assolutamente”.

  • 22.53

    Marchini annuncia che Manuela Di Centa si occuperà di sport nella sua (eventuale) giunta.

  • 23.02

    In studio alcuni lavoratori di Domestic & General, azienda che ha annunciato la delocalizzazione.

  • 23.04

    In onda il servio sulle aziende straniere che “rubano le eccellenze italiane”. Il caso dei pastori in Abruzzo e del falso pecorino.

  • 23.12

    Piercamillo Falasca: “Ttip è una grande opportunità”. Cambi: “È un grande inganno, dimostra che il mondo è ormai in mano alla finanza”.

  • 23.14

    Falasca: “Non voglio un’Europa periferia del mondo, voglio un’Europa dinamica”.

  • 23.15

    Cambi: “Con Ttip entreranno gli Ogm”. Falasca: “È una bufala, sugli Ogm decideremo noi come Europa da soli”.

  • 23.18

    In onda lo spezzone del monologo di Crozza sul Ttip.

  • 22.26

    Cambi: “Stiamo cercando di barattare la tutela del Dop con l’abbassamento delle tutele sul resto”. Falasca: “Voi volete un Paese di straccioni”.

  • 23.32

    In un servizio si parla della “grande beffa dei mutui in franchi svizzeri”. Il caso di Monica, maestra d’asilo di 35 anni, che ora ha un debito di 230 mila euro.

  • 23.38

    Elio Lannutti, presidente di Adusbef, e il giornalista Leopoldo Gasbarro in studio.

  • 23.39

    Gasbarro: “Dobbiamo capire che sul sistema bancario sono cambiate tutte le regole del gioco”.

  • 23.40

    Secondo Lannutti, gli italiani “sono cucinati dai banchieri e dalle autorità vigilanti che sono colluse col sistema. Consob e Banca d’Italia devono andare in galera”.

  • 23.43

    Gasbarro: “Siamo un popolo di ignoranti, bisogna ammetterlo”. Poi aggiunge: “A chi attribuisco maggiori responsabilità tra risparmiatori e banche? 50 e 50!”.

  • 23.45

    Gasbarro: “I banchieri che sbagliano in galera? Perché no!”. Secondo Lannutti i risparmiatori hanno solo l’1% di responsabilità.

  • 23.46

    Il retroscena di Nessuno sulla nuova Costituzione sponsorizzata dalle banche.

  • 23.51

    Secondo Nessuno, JP Morgan scrive le riforme e Renzi le esegue.

  • 23.53

    Lannutti invoca l’istituzione del “tribunale internazionale per crimini economici”. Gasbarro: “Sono d’accordo, bisogna prendere i colpevoli”.

  • 00.01

    Un servizio racconta il “lato oscuro” delle Coop.

  • 00.08

    Antonio Amorosi: “Le coop fatturano 151 miliardi di euro, cifra superiore a molti Stati europei. Costruiscono il loro fatturato soprattutto sulla base di agevolazioni fiscali. Molte non pagano le tasse”.

  • 00.12

    In onda un servizio sulla “guerra degli abusivi per difendere le loro case”. Il caso di Licata.

  • 00.20

    In un servizio si parla di truffe via internet.

  • 00.26

    In un servizio la testimonianza di una “ladra professionista”: italiana, 35enne, ruba “per campare”.

  • 00.31

    Finisce la puntata.

La Gabbia torna in onda questa sera su La7 alle ore 21.10 con la conduzione di Gianluigi Paragone. Il programma va in onda in diretta dagli studi di Milano. Su Blogo il liveblogging.

La Gabbia: anticipazioni e ospiti puntata stasera 17 maggio 2016

In primo tasse, elezioni amministrative, privilegi delle banche e Ttip.

Tra gli ospiti Oliviero Beha, giornalista; Mario Giordano, Direttore TG4, Alfio Marchini, candidato sindaco Roma Lista Marchini; Giampiero Mughini, giornalista; Piercamillo Falasca, economista; Carlo Cambi, giornalista; Elio Lannutti, presidente di Adusbef; Antonio Amorosi, autore di “Coop Connection”; Leopoldo Gasbarro, giornalista.

Non mancherà la Skassakasta, la rock band con la quale il conduttore chiuderà la puntata. Presente nel cast anche Giuseppe Longinotti, che dà vita a divertenti candid camere.

La Gabbia: come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate de La Gabbia, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il consueto liveblogging.

La Gabbia: second screen

La Gabbia ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter @LaGabbiaTw

I Video di Blogo