Rosalba Forciniti: “Federica Pellegrini non conosce l’umiltà”

Rosalba Forciniti sul bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012 e un duro attacco a Federica Pellegrini e Filippo Magnini sul settimanale Gioia

Medaglia di bronzo nel judo femminile, categoria 52 kg, alle ultime Olimpiadi di Londra 2012, Rosalba Forciniti ha raccontato, al settimanale Gioia, come si è ritrovata a combattere sul tatami fin dalla tenera età:

Ho 26 anni. I dolori inziano a farsi sentire. Il judo è uno sport che ti logora. Hai sempre le mani addosso. Da bambina ero una piccola selvaggia. Sono cresciuta per strada perché i miei lavoravano. Poi hanno aperto una palestra dove facevano judo. Mamma non voleva che andassi. Diceva: “Se ti mando, Rosà, è finita! Neanche se ti lego alla sedia, ti tengo”. Il judo mi ha insegnato cose che, per strada, non avrei mai imparato. Da piccola, se uno correva più veloce di me, gli tiravo una gomitata. E, poi l’ordine: quando combatti devi avere piedi e mani puliti, i capelli raccolti. Niente trucco, orecchini, piercing, unghie colorate. Non le dico la fatica.

L’atleta ha dedicato la vittoria al padre:

La dedicava andava fatta a mio padre. Per tutti i sacrifici e le rinunce economiche che ha fatto per me. Prendeva la macchina e mi seguiva ovunque. Mi diceva: “Voglio investire su di te, Rosalba. Ma non mi devi deludere mai”. Ogni gara che perdevo mi piangeva il cuore. Ma a Londra so di averli ripagati. Lui e mamma.

Il ricordo più bello dei Giochi Olimpici?

Il villaggio olimpico. Passavo le sere a chiacchierare con i ragazzi del pugilato e della scherma. Avrei parlato anche con un calzino in bocca. Sembravamo tutti fratelli. Montano lo devo inarrivabile ed invece è più semplice di me. Noi eravamo una squadra: judo, scherma, pugilato ed una parte del nuoto. La Pellegrini, invece, il suo fidanzato e pochi altri erano l’Italia 2. Anche perché hanno perso. A stento salutavano e sembravano ti facessero una cortesia. Il suo ragazzo magari due parole le avrebbe fatte ma lei se ne andava e lui dietro. Sembrava condizionato. A me spiace che la Pellegrini abbia perso, come atleta le auguro ogni bene. Ma umanamente non mi piace: non conosce l’umiltà

Una sfida tra primedonne dello sport?!

Foto © Getty Images