La Gabbia | Puntata 27 aprile 2016

La Gabbia: la puntata del 27 aprile 2016

  • 21.18

    Inizia la puntata.

  • 21.18

    Paragone: “Gli 80 euro per i pensionati non ci sono nel Def. Le promesse vanno e vengono”.

  • 21.19

    Il primo servizio si occupa proprio degli 80 euro ‘fantasma’ ai pensionati.

  • 21.20

    Problema tecnico, il servizio viene interrotto.

  • 21.26

    Nel servizio si parla anche delle pensioni di reversibilità.

  • 21.29

    Castelli: “Le promesse di questo governo non vanno mai a buon fine, la gente lo ha capito”.

  • 21.29

    Matteo Ricci del Pd: “Nella prossima legge di stabilità si cercherà una soluzione per le pensioni minime e ci si occuperà la flessibilità in uscita. Gli 80 euro per le pensioni? Non è una idea abbandonata. Ma bisogna fare bene i conti. Che si fanno in autunno con la legge di stabilità”.

  • 21.31

    Casalegno: “2 milioni di italiano percepiscono meno di 500 euro al mese. Ricci, si può sopravvivere così?”.

  • 21.32

    Ricci a Casalegno: “Io guadagno 2400 euro al mese. Lei guadagna molto più di me! Lei si ricicla dallo spettacolo alla politica-spettacolo. Lei non sa nemmeno di cosa sta parlando!”

  • 21.34

    Casalegno replica: “A me non viene nemmeno rimborsata la spesa sanitaria. Non offenda! Sono bionda, ma non cretina”.

  • 21.35

    In un servizio si parla di spese sanitarie e di anziani.

  • 21.44

    Castelli: “Questo governo non fa tagli diretti alla sanità, ma chiede alle regioni un contributo”. Ricci: “Sulla sanità non ci sono stati tagli, non mi risulta che le Regioni sia siano rivoltate per la legge di stabilità”.

  • 21.47

    Castelli insiste: “Questo governo punta su petrolieri e affaristi, ma a pensionati, cittadini e imprese dà più di un calcio”.

  • 21.48

    Beha: “Da Renzi ci si aspettava che cambiasse il Paese”.

  • 21.49

    Casalegno: “Faticare ad arrivare a metà mese, a curarsi è umiliante”.

  • 21.50

    Casalegno: “Agli italiani vengono chiesti sacrifici, ma i politici non lo fanno”.

  • 21.50

    In un servizio si raccontano gli anziani in coda al banco dei pegni.

  • 21.54

    Per avere un prestito bisogna impegnare i propri gioielli.

  • 22.01

    In un servizio la storia del muratore Alberto che viene pagato con i voucher.

  • 22.09

    Castelli: “I voucher possono andare bene per i giovanissimi, ma sono improponibili per chi ha famiglia. È un modo per eludere. Ci vuole il reddito di cittadinanza”.

  • 22.10

    Falasca: “Il mercato non è flessibile, il costo del lavoro regolare è pari al 50% di quello che i lavoratori ricevono in busta paga. I voucher sono uno strumento che aiuta a far emergere il lavoro. Se ci sono abusi vanno contrastati, ma non demonizziamo i voucher”.

  • 22.13

    Borghi: “Se la disoccupazione aumenta e c’è il record di voucher significa che i voucher non hanno creato lavoro. Altrimenti ci sarebbe un aumento degli impiegati”.

  • 22.15

    Ricci: “È il secondo anno consecutivo che la disoccupazione cala. E con il governo Renzi sono aumentati gli occupati”.

  • 22.16

    Borghi replica: “Non dire balle!”.

  • 22.19

    Ricci insiste: “Grazie al Jobs Act i Co. Co. Co. e i Co. Co. Pro. sono diventati a tempo indeterminato”

  • 22.21

    Secondo Meluzzi, “l’unico modo per rimettere in circolazione i capitali è l’inflazione”. In onda il retroscena di Nessuno sulle pensioni nelle mani di banche e assicurazioni.

  • 22.23

    Secondo Nessuno, dietro il gran ballo delle pensioni c’è l’idea di privatizzare il futuro degli italiani.

  • 22.26

    Ricci: “Quando si discute di pensioni occorre cautela. La flessibilità in uscita è un tentativo che va fatto anche se non è automatico che crei posti di lavoro per i giovani”.

  • 22.27

    Castelli: “I giovani sono in prigione, non riescono ad entrare nel mondo del lavoro. E il governo affida la vita delle persone a banche e assicurazioni”.

  • 22.30

    I voucher sono il nuovo sfruttamento.

  • 22.37

    In studio i dipendenti della Frascold che in occasione dell’80esimo compleanno del titolare (e dell’azienda stessa) hanno ricevuto un aumento di stipendio.

  • 22.38

    In onda un servizio sui lavoratori stranieri regolari che contribuiscono alle pensioni italiane.

  • 22.42

    Borghi: “Un nuovo ingresso di immigrati come potrebbe aiutare a far aumentare l’occupazione? Oggi c’è disoccupazione, se arriva uno o è mantenuto o ruba”.

  • 22.45

    Casalegno: “Bisogna far credere ai giovani che si può ancora sognare. I giovani vivono in uno stato di pessimismo, non vedono un futuro lavorativo”.

  • 22.48

    In un servizio si racconta il caso della frazione CasaMatti, dove sono stati mandati 25 africani richiedenti asilo.

  • 22.56

    Gli immigrati ci ‘servono’ per pagare le pensioni?

  • 23.02

    In onda un servizio che racconta – con ironia – il fenomeno degli anziani italiani che si innamorano delle badanti.

  • 23.10

    Meluzzi: “Il lavoro e il sess0 sono le maggiori forme di integrazione nella storia dell’umanità”.

  • 23.12

    Borghi: “La reversibilità per il futuro deve essere riservata solo alle coppie che procreano. Perché qui il problema è che non si fanno figli”.

  • 23.14

    Piercamillo Falasca: “Dobbiamo lasciare i giovani liberi di farsi anche una pensione privata”.

  • 23.20

    Marsili suggerisce di prendere i soldi dall’abolizione dei vitalizi e dalla riduzione degli stipendi dei parlamentari. In un servizio si tratta il caso di Zonin, “padre padrone” della popolare di Vicenza.

  • 23.23

    Borghi commenta la vicenda della Popolare di Vicenza: “Questi sono i veri truffati e la Banca di Italia lo sapeva”.

  • 23.24

    In un servizio si parla di furti in strada e si indica come difendersi dagli stessi.

  • 23.38

    In studio si parla dei 300 posti di lavoro a rischio nella Fondazione Arena di Verona.

  • 23.39

    In un servizio si tratta il caso di Boco: stipendi d’oro e case scontate ai dirigenti sindacali.

  • 23.45

    Cirino Pomicino, in collegamento, disse: “Togliere i vitalizi è un’aggressione a famiglie e vedove”.

  • 23.47

    Pomicino spiega: “Il sacrificio si può chiedere, ma il punto è aumentare le pensioni più basse”.

  • 23.51

    Pomicino: “Mi avevano detto che sarei stato intervistato, io non partecipo al dibattito”.

  • 23.53

    Pomicino non risponde alle domande di Paragone. Ed è scontro aperto.

  • 23.56

    Pomicino: “Il problema è la finanziarizzazione dell’economia nazionale e internazionale”.

  • 23.58

    Pomicino: “Le baby pensioni sono state fatte nel 1973, io non ero ancora in politica”.

  • 00.01

    Pomicino: “La prima Repubblica cresceva, ora invece c’è più debito pubblico e l’Italia si impoverisce”.

  • 00.04

    Pomicino convinto che serva una politica di grandi investimenti pubblici.

  • 00.13

    In un servizio si parla della pizza made in Italy. Ma in Italia due pizze su tre sono ottenute con ingredienti in arrivo da Paesi molto lontani.

  • 00.21

    In un servizio si parla di pestici in frutta e verdura.

  • 00.27

    Viene riproposto un servizio sulle insidie del sushi low cost (all you can eat).

  • 00.35

    La candid camera del finto senatore Codazzo, in versione vegano.

  • 00.41

    Finisce la puntata.

La Gabbia torna in onda questa sera su La7 alle ore 21.10 con la conduzione di Gianluigi Paragone. Il programma va in onda in diretta dagli studi di Milano. Su Blogo il liveblogging.

La Gabbia: anticipazioni e ospiti puntata stasera 27 aprile 2016

Tra gli ospiti Claudio Borghi Aquilini, Lega Nord; Oliviero Beha, giornalista; la showgirl Elenoire Casalegno; Alessandro Meluzzi, politico/psichiatra/criminologo; Piercamillo Falasca, direttore di Strade; Lorenzo Marsili, Diem; l’ex ministro Paolo Cirino Pomicino; Matteo Ricci, PD; Carlo Sibilia, M5S.

Non mancherà la Skassakasta, la rock band con la quale il conduttore chiuderà la puntata. Presente nel cast anche Giuseppe Longinotti, che dà vita a candid camere.

La Gabbia: come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate de La Gabbia, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il consueto liveblogging.

La Gabbia: second screen

La Gabbia ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter @LaGabbiaTw

I Video di Blogo