Virus – Il contagio delle idee | Puntata 21 aprile 2016

Virus | La puntata del 21 aprile 2016.

  • 21:22

    Inizio trasmissione. La puntata di stasera inizia con gli Sgarbi di Virus. Sgarbi parla della chiusura di Villa Piccolo di Capo D’Orlando: “La burocrazia è la morte. Restituiamo dignità alla cultura”.

  • 21:30

    Omaggio a Prince, cantante scomparso questa sera. Poco dopo, riascoltiamo le parole di Renzi sulla magistratura. In studio ci sono Alessia Morani e Antonio Ingroia. Ingroia: “Renzi non ha il pregio dell’originalità. Renzi dice le stesse cose di Berlusconi e Cossiga”. Morani: “Tra Renzi e Berlusconi, ci sono differenze sostanziali. Berlusconi parlò della magistratura con termini incredibili”. Ingroia: “E’ la politica che si autodifende e difende solo i potenti. Per i poveracci in carcere, nessuno si muove”. Morani: “Non è normale che in un paese ci sia un processo lungo 20 anni”.

  • 21:38

    Ingroia: “E’ impossibile che ci sia un processo lungo 20 anni. Renzi faccia una riforma per avere processi più brevi. Diminuire le ferie ai magistrati è una presa in giro nei confronti dei cittadini”. Morani: “C’è una riforma del processo penale impantanata al senato. Le cose che Ingroia chiede, ci sono. Bisogna rimettere in modo la macchina della giustizia”. Va in onda intervista ad Antonio Di Pietro: “Piercamillo Davigo è quello che vedi: sintetico, ironico e preparatissimo. Sono orgoglioso di aver lavorato con lui”.

  • 21:46

    Ingroia: “C’è la responsabilità politica e la responsabilità penale. Se ci fosse un meccanismo automatico in caso di avviso di garanzia ai politici, ci sarebbe una barbarie. La politica deve verificare i fatti. La responsabilità politica è un’altra cosa”. Morani: “Non si devono fare processi anticipati. Il ministro Guidi ha fatto bene a dimettersi. Le intercettazioni private sono state un esempio di barbarie”. Ingroia: “Non era un’intercettazione tra privati”. In collegamento c’è Marco Lillo che parla del libro Il potere dei segreti: “Ci sono conversazioni inedite di Berlusconi, Maroni, Salvini, Tronca…”.

  • 21:54

    Morani: “Ci sono buone prassi come l’autoregolamentazione di Pignatone e Spataro. Alcuni magistrati la fanno e altri no”. Ingroia: “Non mi fido delle circolari di Pignatone e Spataro. Io pretendo che siano depositate tutte le intercettazioni”. Morani: “La riservatezza delle persone è un diritto sacrosanto”. Va in onda un servizio dedicato all’inchiesta di Viggiano. In collegamento c’è Franco Debenedetti: “Ci sono state iniziative giudiziarie penali che hanno alterato il corso della vita di aziende”.

  • 22:02

    Ingroia: “Se chiedessimo al magistrato di ragionare in termini di opportunità, gli chiederemmo di fare politica”. Morani: “Basterebbe applicare il buon senso come è successo nel caso dell’Expo”.

  • 22:10

    Va in onda un servizio dedicato alla visita del Papa a Lesbo. In studio ci sono Pierluigi Battista e Corradino Mineo. In collegamento c’è Maurizio Belpietro. Battista: “L’Europa non esiste. I paesi europei vanno per conto loro. C’è un senso di disorientamento frastornato in questa Europa. Senza dimenticarci che c’è una guerra. Anche su questo, non c’è una politica comune dell’Europa”.

  • 22:18

    Mineo: “L’Europa deve accogliere la parte di migranti che ha assoluta necessità. Il problema della guerra non è irrisolvibile”. Battista: “Queste persone scappano dall’Isis ma scappano anche da Assad”. Mineo: “Se fossi stato al posto degli Usa, avrei bombardato Assad. Gli Usa non l’hanno fatto e si è creata la guerra civile. Ora siamo in questa situazione”. Belpietro: “Stiamo facendo finta di niente. Non c’è nessuna intenzione di sporcarsi le mani. Lì c’è una guerra tra tutti quanti e non si riesce più a gestire nulla. Abbiamo mosso un vespaio e ora ci arrivano i profughi”. Va in onda un filmato dedicato al centro di accoglienza di Boveglio, paese in provincia di Lucca, e alla storia di due ragazzi nigeriani che hanno rifiutato il centro a causa della mancanza di Internet.

  • 22:26

    Battista: “Nel caso della Turchia che ha denunciato il comico tedesco, il problema non sono le teste tagliate ma le lingue tagliate. Si sta creando un clima di intimidazione”. Mineo: “Senza Internet, queste persone sono completamente sradicati. Nella satira, preferisco scegliere il buon gusto, non per paura dei musulmani. Quello del Papa, è stato un gesto simbolico”. Belpietro: “Merkel e Erdogan erano alla manifestazione di Charlie Hebdo e ora mandano a processo un comico. E’ la grande ipocrisia, è la fine dell’Europa. La Merkel ha dimostrato tutta la sua debolezza. In alcuni centri di accoglienza, i migranti hanno ricevuto anche la parabola. I profughi, quelli veri, non li sappiamo nemmeno ospitare”.

  • 22:34

    In collegamento c’è Paolo Scaroni: “Nel caso Regeni, l’Italia e l’opinione pubblico ha diritto di sapere cosa è successo. Se Regeni fosse stato ucciso dai servizi segreti, non avremmo mai ritrovato il cadavere”. Battista: “In Egitto, ci sono sempre state le torture e le pene di morte con processi sommari”. Scaroni: “La scoperta del gas in Egitto è una scoperta importantissima soprattutto per l’Egitto. Poi ne beneficia anche Eni. Viggiano? E’ un giacimento importante. Il rispetto ambientale è sempre stata la priorità di Eni”.

  • 22:48

    Va in onda un servizio dedicato a Donald Trump. Battista: “Il fenomeno Trump dimostra che anche in America la distinzione tra sinistra e destra si sta frantumando. Il contrasto è tra chi sta dentro e chi sta fuori”. Mineo: “Il partito Repubblicano in America non c’è più. E’ stato minato dal Tea Party. La politica dell’establishment sta crollando dappertutto”. Belpietro: “Non stiamo comprenendo bene il fenomeno Trump visto che ha vinto a New York. Trump è fuori dalle regole, è contro l’establishment politico, non economico. Hillary Clinton ha coccolato le primavere arabe e ha prodotto questo disastro”.

  • 22:56

    Va in onda un servizio dedicato alle multe. In studio c’è Stefano Parisi e Piero Fassino. Parisi: “Con la giunta Pisapia, a Milano, c’è stato un accanimento sui cittadini con le multe. Pisapia ha più che raddoppiato le tasse. Ci sono autovelox quasi nascosti, non bisogna usarli per far cassa”. Fassino: “I cittadini mi chiedono di essere rigoroso contro chi non rispetta le regole di convivenza. Non c’è nessuno che si mette a multare tanto per farlo”. Parisi: “Non sto parlando di impunità. L’autovelox deve essere avvisato. Le multe, col tempo, dovrebbero diminuire. Se aumentano, c’è qualcosa che non va”.

  • 23:04

    Fassino: “Al centro della campagna elettorale, ci sono i temi amministrativi. Il governo non c’entra niente”. Parisi: “A Milano, c’è qualcosa che riguarda anche il governo nazionale. A Milano, il governo ha fatto degli errori come la legge sulla metropolitana”. Parisi: “A Milano, c’è stato il problema della viabilità negli ultimi 5 anni. Nella città, vanno aumentati i servizi pubblici e la fluidità del traffico”. Fassino: “Torino è diventata più bella di quanto era prima. Riguardo l’immigrazione, i cittadini stranieri di Torino sono legali e integrati. Qualche situazione di criticità è normale”.

  • 23:12

    Va in onda un servizio dedicato ai musulmani a Milano. Parisi: “La sinistra milanese ha sottovalutato il problema dell’immigrazione e dei profughi. Ci sono aree di frattura sociale. Il problema va gestito. Un piano d’emergenza non esiste”. Fassino: “Noi come Anci abbiamo proposto un piano al governo. Serve una gestione che coinvolga tutti i comuni italiani”. Parisi: “Moschea a Milano? Serve una legge nazionale, il sindaco non può essere lasciato solo”. Fassino: “A Torino, abbiamo un sistema di moschee pubbliche, riconosciute e visibili”.

  • 23:20

    Il Corpo a Corpo è dedicato alla legittima difesa. La domanda è: Deve essere sempre legittimo sparare al ladro che entra in casa? Gli ospiti in studio sono Massimiliano Fedriga e David Ermini. Fedriga: “Noi non diciamo che bisogna sparare in casa. Le forze dell’ordine devono essere attrezzate. E’ inaccettabile, però, che chi si difende diventa il carnefice”. Ermini: “Non può esistere che il magistrato non possa mettere becco quando un cittadino spara”.

  • 23:28

    Fedriga: “Per difendere le vittime, sei mesi non bastano. I petrolieri li avete accontentati subito”. Ermini: “Un cittadino deve sempre difendersi”. Fedriga: “La proporzionalità non è misurabile”. Ermini: “Con il turbamento psichico, superiamo la proporzionalità”. Fedriga: “La proporzionalità, però, rimane nella legge. Un giudice non può capire se c’è stato grave turbamento psichico”. Va in onda un servizio dedicato a una casalinga in America che dorme con una pistola vicino.

  • 23:36

    Fedriga: “Non c’è rischio che la gente inizierà a farsi giustizia da sola”. Ermini: “Se passa la legge della Lega, un magistrato aprirà comunque un fascicolo dopo l’omicidio”. Fedriga: “In Italia, i furti in abitazione sono aumentati. Con la proporzionalità, una vittima ha dovuto risarcire il ladro rom”. Va in onda un servizio dedicato alla vicenda di Adriano Uboldi. In collegamento c’è Roberto Zancan: “La legittima difesa deve essere sempre legittima. Stacchio non è stato ancora prosciolto”.

  • 23:44

    Ermini: “La legge attuale sulla legittima difesa è della Lega”. Zancan: “A me hanno sparato addosso più di una volta. Nessun giudice può mettersi nei panni di una vittima. Se sono costretto, sparo”. Ermini: “Nel caso di Zancan e Stacchio, la legittima difesa è evidente. Noi dobbiamo intervenire nel caso delle storture”. Fedriga: “Noi non alimentiamo la paura e la rabbia. E’ colpa delle norme sbagliate”. Ermini: “Abbiamo aumentato le pene: si andrà in galera senza attenuanti”.

  • 23:52

    Intervista a Raffaella Leone: “Abbiamo restaurato C’era una volta in America e abbiamo aggiunto 25 minuti in più. Sono 4 ore di film. La tv sta accelerando ma il fascino della sala non finirà mai. Stiamo preparando un documentario sulla vita di Berlusconi, tratto dal libro di Friedman”.

  • 23:57

    La puntata di stasera finisce qui.

Virus – Il contagio delle idee è un programma d’approfondimento giornalistico, in onda su Rai 2, ogni giovedì a partire dalle ore 21:15.

Il programma, oltre alle interviste con gli ospiti in studio e in collegamento e ai reportage, è composto da una serie di rubriche come il Fact-Checking di Pagella Politica, la Social Room con Greta Mauro, gli Sgarbi di Virus con Vittorio Sgarbi, il Corpo a Corpo e l’intervista in chiusura di puntata.

Virus | Rai 2 | Anticipazioni puntata 21 aprile 2016

Questa sera, andrà in onda la 30esima puntata della terza edizione.

In questa puntata, si parlerà dello scontro tra Matteo Renzi e la magistratura, delle polemiche sulle politiche migratorie, dopo il viaggio del Papa a Lesbo e il dibattito in Europa, e del verdetto delle primarie di New York.

Gli ospiti in studio e in collegamento saranno Pierluigi Battista, editorialista de Il Corriere della Sera, Maurizio Belpietro, direttore di Libero, Paolo Scaroni, Alessia Morani del Partito Democratico e Franco Debenedetti.

Ci sarà anche un faccia a faccia tra Piero Fassino, candidato del centrosinistra per la riconferma a sindaco di Torino, e Stefano Parisi, candidato sindaco del centrodestra a Milano.

Ne Il Corpo a corpo, si parlerà di pensioni e di patto generazionale. Gli ospiti in studio saranno Cesare Damiano, senatore Partito Democratico e Presidente della Commissione Lavoro alla Camera, ed Elisa Serafini, giornalista e blogger, attivista Tea Party.

Raffaella Leone, produttrice cinematografica, figlia di Sergio Leone, sarà la protagonista dell’intervista finale.

Virus | Rai 2 | Dove vederlo

Virus – Il contagio delle idee andrà in onda questa sera su Rai 2 a partire dalle ore 21:15.

In streaming, il programma è visibile sul sito Rai.tv.

La puntata intera sarà disponibile il giorno dopo sempre sul sito Rai.tv, nella sezione Rai Replay.

Virus | Rai 2 | Second Screen

Il programma di Rai 2 ha un sito ufficiale.

Virus – Il contagio delle idee è presente anche su Facebook con una pagina ufficiale

La trasmissione ha anche un account ufficiale su Twitter: @virusrai2. E’ possibile commentare la puntata con il seguente hashtag: #VirusRai2.

Per il liveblogging, invece, il consueto appuntamento è su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:15.

I Video di Blogo.it