Referendum Trivelle, 17 aprile: cosa succede se vince il sì e cosa se vince il no

Gli scenari e le conseguenze che si aprono dopo il voto sul referendum trivelle: cosa succede se vince il sì?

Referendum trivelle del 17 aprile, cosa succede se vince il sì? E cosa succede invece se vince il no? Gli scenari che si aprono in seguito al referendum sono complessi, tanto che non pochi hanno sollevato il dubbio sulla opportunità di trattare argomenti energetici con ricadute anche geopolitiche (per quanto limitate) attraverso lo strumento del referendum. Ma prima di tutto, va detto che la cosa più probabile è che il referendum non ottenga il quorum, il che lascerà le cose invariate (esattamente come succederebbe se vincesse il no, ipotesi però altamente improbabile).

Referendum Trivelle, cosa succede se vince il sì

Le 35 concessioni di estrazione nelle acque delle varie regioni italiane entro 12 miglia dalle coste non potranno essere prorogate automaticamente. A questo punto, nel momento in cui scadranno le concessioni, dovranno cessare le attività di estrazione. Le concessioni, però, hanno “date di scadenza” molto diverse tra di loro: tra il 2016 e il 2034.

Referendum Trivelle, cosa succede se vince il no

Molto semplicemente, le 35 concessioni di estrazioni potranno essere rinnovate e quindi continuare nel loro lavoro di estrazione fino al momento in cui si esauriranno i giacimenti. E quando questo accadrà nessuno lo può prevedere con precisione.

Questo per quanto riguarda le conseguenze secche. Perché poi è evidente che ci sono molti altri fattori da prendere in considerazione: la disoccupazione – che non riguarda solo i gestori delle piattaforme (che sono pochi e lavorano in remoto) – ma anche l’indotto generato. Dall’altra parte ci sono le ricadute sul turismo e la volontà di tentare una nuova strada energetica. L’impatto sull’ambiente, quindi, ma anche quello sul paesaggio. Tantissime variabili che non conteranno più nulla nel momento in cui, come prevedibile, il quorum non verrà raggiunto.

Ultime notizie su Referendum

Tutto su Referendum →