Piazzapulita | Puntata 4 aprile 2016

Piazzapulita | La puntata del 4 aprile 2016.

  • 21:18

    Inizio trasmissione. L’editoriale di Corrado Formigli: “Comincia una settimana di fuoco per il governo Renzi, con le mozioni di sfiducia dopo le dimissioni del ministro Guido. Stasera ci poniamo domande sul conflitto di interessi”. Va in onda la copertina di Antonino Monteleone.

  • 21:33

    In studio ci sono Alessia Rotta, Peter Gomez e Alan Friedman. In collegamento c’è Matteo Salvini. Salvini: “I conflitti di interessi di Renzi iniziano ad essere troppi. Renzi deve spiegare agli italiani cosa ha fatto in questi 2 anni. Vorremmo serietà. Gli italiani hanno diritto a risposte”. Rotta: “Noi abbiamo fatto una legge sul conflitto di interesse. Il governo Berlusconi poteva farlo e non l’ha fatto. Non c’è nessun conflitto. Il caso Guido si è chiuso in poche ore. La scelta della Guidi come ministro è stata dettata dalla competenza. Poi, la Guidi ha fatto una cosa inopportuna”.

  • 21:41

    Salvini: “Mi fa sorridere Renzi quando dice che i poteri forti sono contro di lui. Finanzieri, banchieri e petrolieri hanno a che fare con Renzi. Il mio giudizio su Renzi è negativo. Questi legami sono inopportuni”. Friedman: “Il ministro Guidi ha sbagliato e ha dovuto dimettersi. La sua scelta come ministro, però, non mi ha scandalizzato. Il suo compagno è stato un pirla”. Gomez: “Renzi non intende parlare della salute dei cittadini in Basilicata”. Rotta: “Ci siamo occupati della salute dei cittadini con le norme sui disastri ambientali”.

  • 21:49

    Gomez: “La Guidi non è inopportuna. Ha fatto una cosa schifosa”. Rotta: “E’ in discussione una nuova legge sul conflitto di interesse”. Gomez: “O è una balla che il governo non sapesse niente o c’è qualcosa che non funziona nella catena di comando del governo Renzi”. Rotta: “Il ministro Guidi non è indagata. La politica non deve interferire con la magistratura”.

  • 21:57

    Salvini: “Per il ministero dello sviluppo economico, ci può stare un imprenditore. L’importante è la totale trasparenza che, in questo caso, non c’è stata. Le multinazionali stanno guadagnando sulle trivellazioni, a noi rimane zero. I contratti si rispettano ma non esiste che sia un contratto senza fine. Voterò sì al referendum”. Friedman: “I contratti vanno rispettati ma a patto che ci siano controlli ambientali. L’Italia ha bisogno di sicurezza energetica. L’Italia non deve essere ricattabile da Putin”. Gomez: “Total e Shell vogliono vendere il nostro petrolio all’estero”. Rotta: “Il referendum non parla di trivelle. Si parla di energia”. Salvini: “Mozione di sfiducia insieme ai 5 stelle? Da parte mia sì. A volte i grillini aiutano Renzi”.

  • 22:09

    In collegamento dalla Basilicata, c’è Luigi di Maio: “Qui tutti parlano delle dimissioni della Guidi, ma nessuno parla del corpo del reato politico. Nessuno parla del contenuto di quell’emendamento. Una multinazionale francese può fare in Italia quello che vuole. Il disastro ambientale, qui, è già in atto. Qui vengono, si prendono il petrolio e se ne vanno, lasciando i danni. Renzi ha scelto le lobby”. Rotta: “Le royalties delle estrazioni in mare hanno dato all’Italia 7 miliardi e sono soldi che rimangono. I grillini bloccano le campagne per le eoliche. I 5 stelle dicono no a tutto”.

  • 22:17

    Di Maio: “Il caso Guidi è sconcertante. Le imprese che non supportano il governo Renzi hanno bisogno di mille certificazioni. Un governo serio dovrebbe stanziare i soldi per le bonifiche”. Vanno in onda dichiarazioni di Ermete Realacci del PD: “Il ministro Guidi ha fatto bene a dimettersi. Non c’è nulla di penalmente rilevante ma c’era un rapporto di affari con il fidanzato”.

  • 22:25

    In collegamento dalla Basilicata c’è anche Mirella Liuzzi: “Quell’emendamento, se non ci fossimo stati noi dei 5 Stelle, sarebbe stato votato”. Rotta: “L’emendamento è stato modificato”. Va in onda un’intervista a Gaetano Colucci: “E’ una norma che facilita l’estrazione di idrocarburi da parte delle compagnia”. Si torna in studio. Friedman: “La Guidi si è dimessa con dignità. Lo Sblocca Italia vuole rendere l’Italia più appettibile a chi investe qui”. Gomez: “Nello Sblocca Italia, avrei inserito una bonifica che non è stata fatta”. Rotta: “La salute è garantita”. Di Maio: “Quando si parla di politiche energetiche, si dovrebbe parlare di risparmio per il cittadino”. Rotta: “Gli sgravi sulla bolletta ci sono”.

  • 22:40

    In collegamento c’è Valentina Petrini da Viggiano dove sono stati posti i sigilli ad un impianto Eni. Intervista al tenente Giuseppe Di Bello: “Sei anni fa, abbiamo fatto delle analisi e abbiamo trovato metalli pesanti e idrocarburi sopra la norma nell’acqua e nei terreni. Ho divulgato questi dati e l’assessore regionale all’ambiente mi ha denunciato”. In collegamento dalla Basilicata c’è Alessandro Di Battista.

  • 22:48

    In studio c’è Davide Tabarelli: “A Viggiano, c’è un tessuto economico sviluppato. L’Eni è la prima azienda industriale italiana e non va lì a rischiare danni ambientali. Bisognerebbe parlare della credibilità delle nostre istituzioni. L’Italia fa bene a puntare su queste opere. Questo è un paese che non cresce”. Di Battista: “Il governo Renzi è estremamente amico delle multinazionali del petrolio che, però, non sono cattive e crudeli. Quello che non rispetto è che Renzi inviti i cittadini a non andare al referendum. Il governo deve fare gli interessi della povera gente. Se dovessimo andare al governo, le trivellazioni in mare non si farebbero più”.

  • 22:56

    Rotta: “Il referendum non prevede trivellazioni”. Gomez: “Chi ha iniziato a trivellare in Sicilia, può fare altri buchi”. Rotta: “Non abbiamo bisogno di lezioni sulla politica energetica dal non pensiero dei 5 Stelle”.

  • 23:03

    Tabarelli: “Invito i grillini a fare una proposta di legge che vieti le automobili”. Di Battista: “E’ una provocazione divertente. Noi intendiamo fare un percorso politico che ci porti ad essere sempre meno dipendenti dalle auto”. Rotta: “Produrre posti di lavoro in Italia con la Jeep, evidentemente, non va bene”. Gomez: “Stiamo solo parlando di una norma che riguarda il famoso tubo. Non è tutto sbagliato. I dati delle rinnovabili sono buoni in Italia. Siamo all’anno zero. La Fiat non crede all’elettrico, le altre case automobilistiche continuano con la sperimentazione”. Va in onda un filmato dedicato ai danni ambientali in Basilicata.

  • 23:14

    Valentina Petrini intervista cittadini e agronomi di Viggiano: “Non abbiamo sentito lo Stato vicino a noi. Da quando c’è il petrolio, ci siamo impoveriti. Il nostro futuro deve essere agricultura e turismo”. Friedman: “La vera richiesta, qual è?”. I cittadini di Viggiano rispondono: “La priorità è la salute. Chiediamo una bonifica”.

  • 23:22

    Di Battista: “Chiediamo ad Alessia Rotta la trasparenza, chiediamo chi finanzia le fondazioni di Renzi”. Rotta: “Sui finanziamenti, i grillini non possono parlare. Il punto è fare sviluppo e fare bonifica”. Gomez: “Anche sull’Ilva, si dicevano che le analisi erano buone ma i cittadini morivano di tumore. Serve un ente indipendente”. Rotta: “I soldi per la bonifica di Bagnoli sono stati sbloccati”. Tabarelli: “Siamo un paese disordinato. Abbiamo la normativa più stringente in Europa per quanto riguarda l’ambiente. Il nostro è un paese che non valorizza quello che ha”. Gomez: “Abbiamo bisogno del petrolio ma gli imprenditori non sono tutti buoni”. Rotta: “Il governo Renzi ha inasprito i reati ambientali”.

  • 23:44

    Si parla di pensioni. Va in onda un filmato dedicato all’esodo di italiani pensionati in Tunisia. In collegamento c’è Chiara Saraceno. Salvini: “Non stiamo perdendo solo i 65enni che vogliono godersi una pensione. Stiamo perdendo tutte le altre energie migliori. In altri paesi, c’è un’aliquota fissa per tutti. Pagare tutti per pagare meno con la Flat Tax. La sfortunata non è la Fornero ma i milioni di cittadini danneggiati dall’infame legge Fornero”.

  • 23:52

    Salvini: “Andare in pensione dopo 41 anni di contributi è un diritto e non un privilegio”. Friedman: “Se diamo tutti i soldi ai vecchi, rubiamo alle nostre generazioni”. Salvini: “I vecchi hanno dato i soldi allo Stato, non regaliamo loro niente. La Fornero è una legge contro i giovani”. Saraceno: “Se un anziano avesse bisogno di assistenza sanitaria, la Tunisia non sarebbe tra i paesi migliori. La Flat Tax non esiste nemmeno in Svizzera. Per quanto riguarda l’anzianità contributiva, non si può pensare che 20 o 30 anni di contributi siano sufficienti”. Salvini: “La Lega votò contro la Fornero. Poi, in 4 anni non è successo niente. Chiedo a Renzi di occuparsi di pensioni e lavoro. Andare in pensione dopo 41 anni di pensione è un diritto”.

  • 00:01

    Friedman: “Spero che tra un anno si arrivi ad accettare la proposta Boeri. Si rischia di fregare altri italiani per favorire le persone vicine alla pensione”. Saraceno: “Salvini è un istigatore alla violenza. Se Salvini vuole riformare la legge Fornero, non è utile aggredire la Fornero. In Italia, ci sono persone che non aspettano altro che qualcuno accenda una miccia”. Salvini: “Non ho mai istigato all’odio. Nessuno tocchi la Fornero ma cambiamo la legge. Nessuno deve darmi del violento”. Friedman: “Salvini ha detto che vorrebbe menare la Fornero”. Salvini: “Non è vero”. Friedman: “Salvini strumentalizza le persone”. Salvini: “La gente ha fame. Chiedo a Renzi di occuparsi della Fornero”.

  • 00:15

    Si procede con il “Renzometro”: luce verde per la Banda Ultra Larga e la legge sul conflitto di interessi, luce rossa per le liberalizzazioni e per i truffati dalle banche. La puntata di stasera termina qui.

Piazzapulita è un programma d’approfondimento giornalistico, in onda su La7 ogni lunedì a partire dalle ore 21:10, condotto dal giornalista Corrado Formigli.

Piazzapulita | Anticipazioni puntata 4 aprile 2016

Questa serà andrà in onda la 25esima puntata di questa stagione.

Amaro Lucano è il titolo della puntata di stasera.

Gli ospiti in studio e in collegamento, saranno il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, Alessia Rotta del Partito Democratico, il direttore de Il Fatto Quotidiano.it Peter Gomez, il giornalista economico Alan Friedman, il presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli, la sociologa Chiara Saraceno, lo scrittore Massimo Fini, Magdi Allam e il sociologo Stefano Allievi.

Piazzapulita | Dove vederlo

Piazzapulita va in onda questa sera su La7 a partire dalle ore 21:10.

In streaming, il programma è visibile sul sito www.la7.it/dirette-tv.

La puntata intera sarà disponibile il giorno dopo sempre sul sito ufficiale di La7.

Piazzapulita | Second Screen

Il programma di Corrado Formigli ha un sito ufficiale.

Piazzapulita è presente anche su Facebook con una pagina ufficiale.

La trasmissione ha anche un account ufficiale su Twitter.

Per il liveblogging, invece, il consueto appuntamento è su Polisblog, magazine di Blogo, a partire dalle ore 21:10.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Piazzapulita

Tutto su Piazzapulita →