Dimissioni Guidi, Renzi: “Con noi l’Italia è cambiata”

Matteo Renzi difende il suo esecutivo dopo le dimissioni della ministra Guidi: “La musica è cambiata, è un fatto di serietà riconoscerlo”

Matteo Renzi dagli USA ha parlato per la prima volta del caso Guidi, definendo la telefonata intercettata con il fidanzato Gianluca Gemelli solo “inopportuna”. Secondo il Premier l’emendamento incriminato era infatti legittimo: “Tempa Rossa è un provvedimento giusto, che porta posti di lavoro. Il ministro Guidi non ha commesso nessun tipo di reato, nessun illecito. Ha fatto una telefonata che ha giudicato inopportuna. E effettivamente lo era. Con grande serietà si è dimessa“. Per il Premier, dunque, l’unico problema sarebbe la telefonata della Guidi, non il fatto che la stessa fosse in evidente conflitto di interessi e si trovasse nella posizione per prendere decisioni strategiche favorevoli all’attività del suo fidanzato.

Per Renzi, però, non ci sarebbe alcun problema di carattere politico. Anzi, secondo il Premier il caso Guidi dimostrerebbe la discontinuità con la politica del passato: “Di fronte agli italiani noi siamo un governo diverso dal passato… Chiedemmo le dimissioni del ministro Cancellieri per una telefonata e non arrivarono. Oggi c’è la dimostrazione che qualcosa in Italia è cambiato. Con noi le cose cambiano, chi sbaglia è giusto che vada a casa. La musica è cambiata, è un fatto di serietà riconoscerlo”.

Dello stesso avviso non sono i partiti di opposizione che stanno per presentare le mozioni di sfiducia per l’esecutivo.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →