Val Susa: scontri fra No Tav e forze dell’ordine

Seconda notte consecutiva di scontri in Val Susa. I No Tav proseguiranno con iniziative anche nella giornata di oggi

In Val Susa, nella zona della Val Clarea, è in corso una 4 giorni di mobilitazione per protestare contro la Torino-Lione. E quella di ieri è stata la seconda notte consecutiva di scontri tra attivisti No Tav e forze dell’ordine.

Questa notte, un centinaio di attivisti, radunatosi intorno al presidio permanente, si sono avvicinati ai cantieri dell’alta velocità. Qui hanno battuto i jersey che “difendono” la strade con bastoni e pietre. Verso mezzanotte, poi, c’è stato un primo attacco con fuochi d’artificio, e successivamente alle 3 di notte. In entrambi i casi le forze dell’ordine hanno risposto con un fitto lancio di lacrimogeni.

Anche durante la notte precedente si è creata una situazione analoga. La polizia ha disperso con i lacrimogieni una cinquantina di dimostranti che si erano incamminati sui sentieri della Valle, partendo da Giaglione.

Le iniziative No Tav proseguono nella giornata odierna. Si parte dal presidio di Venaus, dove domani è in programma un pranzo per Pasquetta.

Ultime notizie su NO-Tav

Tutto su NO-Tav →