Myanmar: Htin Kyaw alleato di Suu Kyi eletto presidente (video)

L’uomo di fiducia di San Suu Kyi eletto alla presidenza. Htin Kyaw è il primo civile a diventare presidente dopo mezzo secolo di dittatura

[blogo-video id=”381740″ title=”Elezioni Birmania” content=”” provider=”askanews” image_url=”http://engine.mperience.net/cdn/static/img/tmnews/20160315_video_11062627.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”20160315_video_11062627″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzgxNzQwJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PHNjcmlwdCB0eXBlPSJ0ZXh0L2phdmFzY3JpcHQiIHNyYz0iaHR0cDovL2VuZ2luZS5tcGVyaWVuY2UubmV0L0VuZ2luZVdpZGdldC9zY3JpcHRzL3dpZGdldF8xIj48L3NjcmlwdD48ZGl2IGNsYXNzPSJtcGVfd2lkZ2V0IiBkYXRhLW1wZT0ndHlwZT1wbGF5ZXJ8YXBwSWQ9MTl8dGFyZ2V0SWQ9MjAxNjAzMTVfdmlkZW9fMTEwNjI2Mjd8cGxheWVyT3B0aW9ucz17ImF1dG9wbGF5Ijoibm9uZSIsImFkdlVSTCI6Imh0dHA6Ly9vYXMucG9wdWxpc2VuZ2FnZS5jb20vMi92aWRlby5ibG9nby5pdC9hc2thbmV3cy9wbGF5ZXJAeDUwIiwidXNlSW1hU0RLIjp0cnVlfSc+PC9kaXY+PHN0eWxlPiNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zODE3NDB7cG9zaXRpb246IHJlbGF0aXZlO3BhZGRpbmctYm90dG9tOiA1Ni4yNSU7aGVpZ2h0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7b3ZlcmZsb3c6IGhpZGRlbjt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O30gI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM4MTc0MCAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM4MTc0MCBpZnJhbWUge3Bvc2l0aW9uOiBhYnNvbHV0ZSAhaW1wb3J0YW50O3RvcDogMCAhaW1wb3J0YW50OyBsZWZ0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDtoZWlnaHQ6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9PC9zdHlsZT48L2Rpdj4=”]


L’uomo di fiducia della leader della Lega nazionale per la democrazia, Aung San Suu Kyi, è diventato presidente di Myanmar. Si tratta dell’economista Htin Kyaw, primo civile eletto dopo 54 anni di dittature militari nella ex Birmania.

Htin Kyaw è stato nominato con 360 voti, sui 652 disponibili in parlamento. Sarà affiancato da due vicepresidenti: Myint Swe, il candidato dei militari che ottenuto 213 voti, e Henry Van Tio, collega di partito del presidente che è riuscito ad avere 79 preferenze.

Il neo presidente è stato una presenza silenziosa accanto a San Suu Kyi. L’ha accompagnata infatti nelle tappe fondamentali della sua battaglia non violenta, che le è valsa anche il premio Nobel nel 1991. La politica birmana avrebbe meritato certamente di ricoprire lei la carica più alta del paese, ma le norme vigenti glielo hanno impedito. La Costituzione infatti dispone che chi è genitore di figli con passaporto straniero non può essere eletto presidente: un divieto “su misura” voluto dalla giunta militare.

Htin Kyaw ha svolto studi economici ad Oxford. Tra gli anni ’70 e ’80 aveva lavorato anche presso il ministero dell’Industria. Poi è passato alla lotta politica. Con San Suu Kyi aveva dei rapporti così stretti che è stato perfino il suo autista negli anni di relativa libertà (in cui l’attivista birmana girava il Myanmar cercando di sensibilizzare la popolazione alla sua causa).

San Suu Kyi, al momento della proclamazione del presidente, ha semplicemente sorriso e ad applaudito, senza rilasciare dichiarazioni. Mentre Htin Kyaw si è limitato a dire che la giornata odierna è “una vittoria del popolo e della democrazia”.

Ora bisognerà vedere come si comporranno i nuovi equilibri politici, che sono ancora fragili. Se è vero infatti che i militari hanno tenuto lontano San Suu Kyi dalla carica della presidenza, allo stesso tempo un “suo” uomo è diventato la personalità più influente del paese. Gli attriti sicuramente non mancheranno.