Il Lombardia 2015: spettacolare Vincenzo Nibali! Quinto un incredibile Diego Rosa

Il raconto dell’ultima corsa del World Tour 2015.

  • 10:33

    Il Lombardia 2015 è ufficialmente partito. In tutto ci sono 198 corridori al traguardo perché non si sono presentati al foglio firma Sergey Tvetcov dell’Androni e Andrea Fedi della Southeast.

  • 10:38

    C’è un primo attacco di Manuel Belletti della Southeast e Giacomo Berlato della Nippo-Vini Fantini, ma il gruppo li riprende subito.

  • 10:52

    Al km 13 un nuovo attacco, questa volta di Jan Polanc della Lampre-Merida e Stefan Schumacher della CCC Spandi Polkowice, ma neanche a loro riesce la fuga.

  • 11:12

    Si è formato un gruppo in testa composto da Enrico Barbin (Bardiani), Pierpaolo De Negri (Nippo-Vini Fantini), Marco Canola (UnitedHealthcare), Matteo Busato (Southeast), Dennis Van Winden (LottoNL Jumbo), Simon Geschke (Giant Alpecin), Stefan Schumacher (CCC Sprandi), Jan Polanc (Lampre Merida), Jérôme Coppel (IAM Cycling) cui si sono aggiunti inumi secondo momento anche Cesare Benedetti (Bora Argon 18) e Oscar Gatto (Androni).

  • 11:15

    Dopo 31 km il vantaggio degli undici battistrada è già oltre il minuto, forse al gruppo sta bene questa fuga.

  • 11:22

    Ormai la fuga è lontana più di quattro minuti dal plotone.

  • 11:28

    Il vantaggio degli undici battistrada è salito ora a 5’ 42”.

  • 11:53

    Il distacco continua ad aumentare, adesso è di 7′ 27″.

  • 12:11

    Ricordiamo i nomi dei battistrada:

      Enrico Barbin (Bardiani)
      Pierpaolo De Negri (Nippo Vini-Fantini)
      Marco Canola (UnitedHealthcare)
      Matteo Busato (Southeast)
      Oscar Gatto (Androni Sidermec)
      Cesare Benedetti (Bora Argon 18)
      Dennis Van Winden (LottoNL-Jumbo)
      Simon Geschke (Giant Alpecin)
      Stefan Schumacher (CCC Sprandi)
      Jan Polanc (Lampre-Merida)
      Jérôme Coppel (IAM)
  • 12:13

    Tra gli spettatori del Lombardia oggi ci sono Ivan Basso e Paolo Bettini

  • 12:30

    In testa al gruppo c’è già da parecchi chilometri l’Astana di Vincenzo Nibali.

  • 12:41

    Il vantaggio degli undici uomini al comando ormai si è assestato intorno ai sette minuti e mezzo. Intanto piove sempre più forte.

  • 12:53

    In gruppo chiacchierano i due siciliani Vincenzo Nibali e Giovanni Visconti.

  • 13:08

    La situazione è ovviamente ancora invariata con gli undici fuggitivi davanti e oltre sette minuti di vantaggio sul gruppo.

  • 13:41

    I battistrada hanno guadagnato un altro minuto di vantaggio dopo il rifornimento fisso e ora il gap è di circa otto minuti e mezzo. Già più di 120 km sono stati percorsi, è stata superata la metà del percorso totale.

  • 13:58

    Gli undici al comando proseguono d’amore e d’accordo dandosi cambi regolari, mentre il gruppo è guidato ancora soprattutto dall’Astana.

  • 14:07

    Il vantaggio ora è leggermente sceso, è di nuovo di 7′ 30″.

  • 14:18

    All’arrivo fortunatamente c’è il sole.

  • 14:30

    In testa al gruppo da qualche chilometro ha cominciato a farsi vedere anche la Movistar e il distacco è sceso a 5′ 30″.

  • 14:45

    Poco prima dell’inizio della salita della Madonna del Ghisallo il distacco è sceso a 3′ 50″.

  • 14:51

    È cominciata la salita della Madonna del Ghisallo, mancano 75 km alla fine.

  • 14:55

    Lungo la salita il vantaggio del gruppo di testa, dal quale hanno perso contatto Gatto e Coppel, è di 2′ 34″.

  • 15:06

    Si è formato un gruppo di inseguitori composto da Tom Jelte Slagter (Cannondale-Garmin), Michal Kwiatkowski, Zdenek Stybar, Matteo Trentin, Carlos Verona e Lukasz Wisniowski dell’Etixx-Quick Step, Tim Wellens della Lotto-Soudal, Ion Izagirre della Movistar, Robert Gesink e Timo Roosen della LottoNL-Jumbo e Giacomo Nizzolo della Trek.

  • 15:10

    Benedetti e Canola sono rimasti da soli in testa alla corsa con 25″ di vantaggio sugli altri fuggitivi e 2′ 06″ sul gruppetto di Slagter, Kwiatkowski, Verona, Wellens, Izaguirre, Gesink e Coppel.

  • 15:12

    Allo scollinamento il vantaggio di Canola e Benedetti sul gruppo è di 3′ 06″.

  • 15:15

    Benedetti e Canola sono stati ripresi da Barbin, Polanc e Van Winden.

  • 15:21

    In testa sono sempre in cinque mentre gli ex fuggitivi e i contrattaccanti si sono uniti in un solo gruppo.

  • 15:26

    I ciclisti stanno per arrivare sul Muro di Sormano.

  • 15:28

    Barbin è rimasto un po’ indietro rispetto agli altri quattro battistrada. Intanto il gruppo è a 1′ 35″ rispetto ai corridori al comando della corsa.

  • 15:29

    L’Astana guida il gruppo principale, intanto Canola e Benedetti si sono un’altra volta staccati dagli altri battistrada, in salita sembrano i più brillanti.

  • 15:30

    Il gruppo guidato dall’Astana ha praticamente raggiunto i contrattaccanti.

  • 15:31

    Canola e Benedetti proseguono uno accanto all’altro.

  • 15:34

    I contrattaccanti guidati da Kwiatkovski hanno ripreso Canola e Benetti.

  • 15:35

    Kwiatkovski sta provando a staccarsi. Siamo a 50 km dal termine.

  • 15:37

    Tim Wellens è a pochi metri da Kwiatkovski, ma anche il gruppo guidato dall’Astana non è molto lontano.

  • 15:40

    Wellens e Kwiatkowski affrontano la discesa.

  • 15:43

    Kwiatkowski ha invitato le moto ad andare davanti affrontando un tratto con scarsa visibilità.

  • 15:45

    Nel gruppo inseguitore di Kwiatkowski e Wellens ci sono i tre Astana Nibali, Rosa e Landa, poi Valverde della Movistar, Chaves dell’Orica GreenEdge, Barguil della Giant, Dani Moreno della Katusha, Gesink della LottoNL-Jumbo, Poels del Team Sky, Pinot della FDJ, Benedetti della Bora Argon 18 e Slagter della Cannondale-Garmin.

  • 15:48

    Siamo a 43,6 km dal termine e i corridori sono ancora in discesa.

  • 15:49

    Kwiatkowski preferisce stare davanti a Wellens, per quasi tutta la discesa.

  • 15:50

    Ecco il gruppo di inseguitori guidato dagli Astana.

  • 15:51

    A poca distanza dal gruppo dell’Astana di Nibali c’è ne è un altro in cui c’è Rafal Majka della Tinkoff-Saxo. Non lontano anche un gruppetto con Damiano Cunego della Nippo-Vini Fantini.

  • 15:55

    1′ 50″ è il ritardo del gruppo di Majka e Cunego in cui c’è anche Gilbert rispetto ai due al comando e circa 1′ 30″ rispetto al gruppo di Nibali.

  • 15:56

    Siamo ora a 38 km dal traguardo.

  • 15:57

    Gran lavoro di Diego Rosa e Mikel landa in testa al gruppo.

  • 15:59

    Adesso siamo nel tratto pianeggiante.

  • 16:00

    Kwiatkowski e Wellens ora si stanno dando cambi regolari.

  • 16:03

    I due battistrada hanno 37″ di vantaggio sul gruppo Nibali, 1′ 06″ su Visconti, mentre 1′ 45″ è il ritardo del gruppo in cui ci sono Gilbert e Cunego.

  • 16:04

    Valverde non molla mai la ruota di Nibali che è terzo dietro i suoi compagni Rosa e Landa.

  • 16:06

    Nel gruppo guidato dall’Astana in totale ci sono 23 corridori.

  • 16:08

    Canola si è staccato dal gruppo Nibali, quindi sono ora in 22 all’inseguimento di Kwiatkowski e Wellens. Il gruppetto di Gilbert, invece, è composto da 13 uomini.

  • 16:11

    Siamo ora a 24 km dal traguardo.

  • 16:12

    Il vantaggio di Wellens e Kwiatkowski sul gruppo Nibali è ora di 16″.

  • 16:15

    Sta cominciando la salita di Civiglio e tra i primi due al comando e il gruppo Nibali ci sono solo una cinquantina di metri di distacco.

  • 16:16

    Wellens è già stato ripreso dal gruppo Nibali, c’è solo Kwiatkowski avanti, ma sta cedendo.

  • 16:17

    Diego Rosa porta Nibali e gli uomini alla sua ruota su Kwiatkowski.

  • 16:19

    Scatta Nibali a 19,3 km dal traguardo, ma Chaves si mette alla sua ruota e arrivano man mano anche gli altri, Valverde, Moreno, Pinot, Poels, ma poi torna anche Diego Rosa e si porta davanti.

  • 16:20

    Rosa non si era accorto di aver fatto il vuoto, ha dovuto rallentare per permettere a Nibali di riavvicinarsi.

  • 16:21

    Intanto in testa ora c’è Wout Poels, ma Diego Rosa sta di nuovo accelerando per riprenderlo.

  • 16:22

    Nibali attacca di nuovo, anche questa volta Chaves gli resta a ruota.

  • 16:23

    Stanno rientrando anche gli altri ora.

  • 16:23

    Adesso prova ad allungare Pinot, ma Rosa chiude anche su di lui.

  • 16:24

    Continui scatti in testa al gruppetto, sono sette in tutto: Rosa, Nibali, Nieve, Pinot, Valverde, Moreno, Chaves.

  • 16:25

    Pinot non riesce a fare il vuoto perché Rosa è francobollato alla sua ruota.

  • 16:26

    Bellissimo scatto di Nibali, dalle retrovie del gruppetto balza in testa, ma neanche lui riesce a fare il vuoto perché Pinot risponde subito. Resta un po’ indietro Nieve.

  • 16:29

    Mancao 17,5 km al traguardo a giocarsi la vittoria sono Nibali, Rosa, Pinot, Valverde, Moreno, Chaves e Nieve.

  • 16:29

    In discesa allunga Nibali, a tutta!

  • 16:31

    Valverde si lancia all’inseguimento di Nibali che ora ha circa 8″ di vantaggio.

  • 16:32

    Nel gruppetto dei sei contrattaccanti c’è ancora Diego Rosa, che è in seconda posizione per rompere in cambi in funzione di stopper a favore del suo capitano.

  • 16:34

    Se Nibali riesce a vincere sarà una vittoria da dividere a metà con Diego Rosa.

  • 16:35

    A 10 km dalla fine il vantaggio di Nibali è di 25″.

  • 16:35

    Ora lo Squalo è su un tratto pianeggiante. Ci sarà tra poco un’ultima salita.

  • 16:36

    Nibali continua ad andare a tutta, ora il suo vantaggio è di 30″.

  • 16:36

    Nel gruppetto degli inseguitori è riuscito a rientrare anche Gianluca Brambilla dell’Etixx-Quick Step.

  • 16:38

    Sale a 40″ il vantaggio di Nibali, nel gruppo che lo insegue non c’è un vero accordo e c’è Rosa che ovviamente fa (egregiamente) il guastafeste.

  • 16:39

    Anche Henao e Gallopin sono rientrati nel gruppo inseguitore proprio grazie al fatto che non trovando accordo non riescono a incrementare il loro distacco. Nibali comincia la salita di San Fermo della Battaglia.

  • 16:40

    Diego Rosa è davvero incredibile, sta svolgendo il ruolo di stopper in modo perfetto reagendo a tutti gli attacchi degli inseguitori di Nibali.

  • 16:40

    Thibaut Pinot prova ad attaccare in salita, mentre Chaves sembra avere qualche crampo.

  • 16:40

    Pinot non sembra in grado di fare il vuoto sugli altri inseguitori.

  • 16:41

    Ora in testa al gruppetto c’è Dani Moreno. Il vantaggio di Nibali è di mezzo minuto quando mancano 6,5 km al termine.

  • 16:41

    Moreno e Pinot scattano, forse questa volta riescono a staccare gli altri inseguitori.

  • 16:42

    Pinot non riesce a restare a ruota di Moreno.

  • 16:43

    Nibali ha ora solo 14″ di vantaggio su Moreno, 23″ su Pinot e 30″ sul resto del gruppo dei contrattaccanti.

  • 16:44

    Vincenzo Nibali sta per scollinare, poi sarà discesa fino all’ultimo chilometro.

  • 16:45

    Comincia la discesa per Nibali.

  • 16:46

    Ultimi 5 km, c’è sempre Nibali al comando.

  • 16:47

    Non abbiamo il riferimento cronometrico, ma probabilmente Nibali sta di nuovo guadagnando su Moreno, perché il ritmo in discesa è molto diverso tra i due.

  • 16:48

    Siamo a 2,8 km dal traguardo.

  • 16:49

    Il vantaggio di Nibali ora è di 12″ su Moreno, 26″ su Pinot, 34″ sugli altri inseguitori.

  • 16:50

    VINCENZO NIBALI HA VINTO IL LOMBARDIA 2015!!! Lo Squalo ha tagliato il traguardo a braccia alzate con una bandierina dell’Italia che gli si è accidentalmente appiccicata sul suo tricolore da campione nazionale.

  • 16:51

    Sul podio salgono Dani Moreno e Thibaut Pinot. Quarto Alejandro Valverde, quinto l’incredibile Diego Rosa.

Vincenzo Nibali ancora una volta tiene alto il nome del ciclismo italiano vincendo l’ultima classica monumento dell’anno, Il Lombardia, giunto alla sua edizione numero 109. Lo Squalo dello Stretto si è commosso all’arrivo, come gli capita solo nelle corse italiane e ha dedicato la vittoria alla moglie Rachele che compie gli anni proprio oggi. Ma metà della vittoria dello Squalo è del suo compagno dell’Astana Diego Rosa che è stato incredibile nel supportare il suo capitano in salita e nel fare il ruolo da stopper in discesa, quando Nibali ha attaccato facendo definitivamente il vuoto senza farsi più riprendere da nessuno.
Sul podio salgono lo spagnolo Dani Moreno del Team Katusha e il fancese Thibaut Pinot della FDJ, mentre Alejandro Valverde della Movistar è quarto proprio davanti a Diego Rosa. Nella top-ten c’è anche un altro italiano, Gianluca Brambilla dell’Etixx-Quick Step, decimo.

Da sette anni, cioè da quando Damiano Cunego vinse proprio il Lombardia, un italiano non vinceva una classica monumento, finalmente il digiuno è stato interrotto dal più forte azzurro degli ultimi anni, Vincenzo Nibali.

Classifica Il Lombardia 2015

Il Lombardia 2015: presentazione

Giro Lombardia 2015 in diretta 4 ottobre

Il Lombardia 2015 è l’ultima corsa del calendario UCI World Tour di questa stagione, anche se i giochi per la prima posizione nella classifica sono già fatti, con Alejandro Valverde della Movistar irraggiungibile già dal dopo-Vuelta. Seguiremo oggi in diretta su questa pagina di Blogo tutta la corsa organizzata da RCS, la cosiddetta Classica delle foglie morte perché si svolge in autunno, ma è spesso anche considerata una rivincita del Mondiale, perché arrivando dopo la corsa iridata permette a chi non è riuscito a conquistare l’ambita maglia da indossare tutto l’anno di riscattarsi.

Il percorso di quest’anno è inedito, parte da Bergamo e arriva a Como dopo ben 245 km caratterizzati da salite e strappi che induriranno le gambe dei ciclisti, già affaticate da una stagione lunga e faticosa.
I primi 40 km sono pianeggianti, mentre la prima salita del giorno arriva a Casazza, dove i corridori troveranno il Colle Gallo con i suoi 763 metri di dislivello. Dopo la discesa si torna in pianura arrivando in Brianza e qui c’è il Colle Brianza di 533 metri. La successiva difficoltà altimetrica è la salita della Madonna del Ghisallo di 754 metri di dislivello, posta a 64 km dall’arrivo con la sua pendenza che tocca picchi del 14%.

Dopo la discesa dal Ghisallo c’è una nuova salita, quella della Colma di Sormano che arriva a un’altitudine di 1124 metri che dopo qualche chilometro con pendenza non eccessive arriva, poco dopo Sormano, al Muro, una salita di 2 km al 15% di pendenza media ma con picchi che sfiorano addirittura il 30%: si tratta infatti di una strada molto stretta e ripida che metterà in grande difficoltà i ciclisti. Le ultime due salite sono quella verso Civiglio con pendenza media del 10% e infine quella di San Fermo della Battaglia che si trova negli ultimi chilometri, con una pendenza media del 7% e scollinamento a 5 km dall’arrivo. Segue poi una lunga discesa che si conclude a un chilometro dall’arrivo, quando la corsa potrebbe essere già decisa.

Alla partenza quest’anno c’è il vincitore della scorsa edizione, Daniel Martin della Cannondale-Garmin (già promesso all’Etixx-Quick Step per le prossime due stagioni). L’irlandese potrebbe tentare la doppietta già riuscita a Costante Girardengo (1921 e 1922), Gioanni Brunero (1923 e 1924), Alfredo Binda (addirittura un tris dal 1925 al 1927), Gino Bartali (1939 e 1940), Fausto Coppi (poker dal 1946 al 1949), Jo De Roo (1962 e 1963), Eddy Merckx (1971 e 1972), Michele Bartoli (2002 e 2003), Paolo Bettini (2005 e 2006) e in anni più recenti Damiano Cunego (2007 e 2008), Philippe Gilbert (2009 e 2010) e Joaquim Rodriguez (2012 e 2013). Quest’ultimo sarà assente a causa di un infortunio al ginocchio in allenamento che lo ha costretto a rinunciare a una delle sue corse preferite. Ci sarà invece Alejandro Valverde (Movistar) che, dopo due secondi posti consecutivi, è quest’anno considerato il favorito numero 1 per la vittoria.

Occhio ovviamente agli ex vincitori Cunego (Nippo-Vini Fantini) e Gilbert (BMC), ma anche a chi questa corsa non l’ha ancora vinta, ma ce l’ha nettamente nelle proprie corde, ossia, oltre Valverde, Vincenzo Nibali (Astana) e il suo compagno Mikel Landa, Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale), Davide Rebellin (CCC Sprandi Polkowice), Michal Kwiatkowski (Etixx-Quick Step, già promesso al Team Sky) il suo compagno Zdenek Stybar, Thibaut Pinot (FDJ), Johan Esteban Chaves, Simon Gerrans o i gemelli Yates dell’Orica GreenEdge, Wilco Kelderman (LottoNL-Jumbo), Sergio Henao (Team Sky), Rafal Majka (Tinkoff-Saxo), Fränk Schleck (Trek Factory Racing), Alberto Rui Costa (Lampre-Merida) arrivato terzo l’anno scorso.

Il Lombardia 2015: planimetria

Il Lombardia 2015 planimetria

Il Lombardia 2015: altimetria

Il Lombardia 2015 - altimetria

In alto l’altimetria di tutta la tappa, qui di seguito il particolare delle salite

Il Lombardia 2015 salite

E questi gli ultimi chilometri

Il Lombardia 2015 ultimi km

Il Lombardia 2015: start list

Team Cannondale – Garmin
1. Martin Daniel
2. Bettiol Alberto
3. Cardoso André
4. Dombrowski Joe
5. Marangoni Alan
6. Moser Moreno
7. Slagter Tom-Jelte
8. Villella Davide

AG2R La Mondiale
11. Pozzovivo Domenico
12. Bakelants Jan
13. Bardet Romain
14. Dupont Hubert
15. Latour Pierre
16. Montaguti Matteo
18. Bonnafond Guillaume
18. Vuillermoz Alexis

Androni Giocattoli – Sidermec
21. Pellizotti Franco
22. Bandiera Marco
23. Frapporti Marco
24. Gatto Oscar
25. Stortoni Simone
26. Nardin Alberto
27. Tvetcov Serghei
28. Zilioli Gianfranco

Astana Pro Team
31. Nibali Vincenzo
32. Agnoli Valerio
33. Cataldo Dario
34. Landa Mikel
35. López Miguel Ángel
36. Rosa Diego
37. Scarponi Michele
38. Malacarne Davide

Bardiani – CSF Pro Team
41. Colbrelli Sonny
42. Barbin Enrico
43. Bongiorno Francesco Manuel
44. Chirico Luca
45. Pirazzi Stefano
46. Sterbini Simone
47. Tonelli Alessandro
48. Zardini Edoardo

BMC Racing Team
51. Gilbert Philippe
52. Atapuma John Darwin
53. Caruso Damiano
54. De Marchi Alessandro
55. Sánchez Samuel
56. Senni Manuel
57. Teuns Dylan
58. Velits Peter

Bora-Argon 18
61. Benedetti Cesare
62. Bárta Jan
63. Buchmann Emanuel
64. Konrad Patrick
65. Nerz Dominik
66. Mendes José
67. Salerno Cristiano
68. Voss Paul

CCC Sprandi Polkowice
71. Rebellin Davide
72. Hirt Jan
73. Honkisz Adrian
74. Owsian Lukasz
75. Paterski Maciej
76. Plucinski Leszek
77. Schumacher Stefan
78. Szmyd Sylwester

Team Colombia
81. Cano Alex
82. Castiblanco Jorge Camilo
83. Duarte Fabio
84. Pedraza Morales Walter Fernando
85. Quintero Carlos
86. Ramirez Brayan Steven
87. Rubiano Miguel Angel
88. Torres Rodolfo Andres

Etixx – Quick Step
91. Kwiatkowski Michal
92. Bouet Maxime
93. Brambilla Gianluca
94. Trentin Matteo
95. Stybar Zdenek
96. Vakoc Petr
97. Verona Carlos
98. Wiśniowski Łukasz

FDJ
101. Pinot Thibaut
102. Elissonde Kenny
103. Geniez Alexandre
104. Jeannesson Arnold
105. Morabito Steve
106. Roy Jérémy
107. Roux Anthony
108. Vichot Arthur

IAM Cycling
111. Clement Stef
112. Coppel Jérome
113. Denifl Stefan
114. Chevrier Clément
115. Frank Mathias
116. Pantano Jarlinson
117. Warbasse Larry
118. Wyss Marcel

Lampre – Merida
121. Ulissi Diego
122. Bono Matteo
123. Conti Valerio
124. Durasek Kristijan
125. Costa Rui
126. Koshevoy Ilia
127. Mori Manuele
128. Polanc Jan

Lotto Soudal
131. Gallopin Tony
132. Armée Sander
133. Benoot Tiesj
134. De Clercq Bart
135. Monfort Maxime
136. Dockx Gert
137. Vervaeke Louis
138. Wellens Tim

Movistar Team
141. Valverde Alejandro
142. Amador Andrey
143. Izagirre Ion
144. Moreno Javier
145. Rojas José Joaquín
146. Soler Marc
147. Sütterlin Jasha
148. Visconti Giovanni

Nippo – Vini Fantini
151. Cunego Damiano
152. Berlato Giacomo
153. Bisolti Alessandro
154. Chaparro Didier
155. De Negri Pier Paolo
156. Malaguti Alessandro
157. Grosu Eduard Michael
158. Yamamoto Genki

Orica GreenEdge
161. Gerrans Simon
162. Albasini Michael
163. Chaves Johan Esteban
164. Howson Damien
165. Keukeleire Jens
166. Meier Christian
167. Yates Adam
168. Yates Simon

Southeast
171. Belletti Manuel
172. Busato Matteo
173. Conti Samuele
174. Fedi Andrea
175. Finetto Mauro
176. Gavazzi Francesco
177. Ponzi Simone
178. Wackermann Luca

Team Giant – Alpecin
181. Dumoulin Tom
182. Barguil Warren
183. Craddock Lawson
184. Frohlinger Johannes
185. Geschke Simon
186. Haga Chad
187. Ludvigsson Tobias
188. Mezgec Luka

Team Katusha
191. Guarnieri Jacopo
192. Lagutin Sergey
193. Losada Alberto
194. Moreno Daniel
195. Trofimov Yuri
196. Vicioso Ángel
197. Vorganov Eduard
198. Zakarin Ilnur

Team LottoNL-Jumbo
201. Kelderman Wilco
202. Bennett George
203. Gesink Robert
204. Kruijswijk Steven
205. Lindeman Bert-Jan
206. Roosen Timo
207. Tankink Bram
208. Van Winden Dennis

Team Sky
211. König Leopold
212. Boswell Ian
213. Henao Sebastián
214. Henao Sergio Luis
215. Kennaugh Peter
216. Kiryienka Vasil
217. Nieve Mikel
218. Poels Wout

Tinkoff – Saxo
221. Majka Rafał
222. Bennati Daniele
223. Hansen Jesper
224. Hernández Jesús
225. Kišerlovski Robert
226. Pires Bruno
227. Poljanski Pawel
228. Sørensen Chris Anker

Trek Factory Racing
231. Schleck Fränk
232. Nizzolo Giacomo
233. Arredondo Julián David
234. Didier Laurent
235. Felline Fabio
236. Mollema Bauke
237. Popovych Yaroslav
238. Zubeldia Haimar

UnitedHealthcare
241. Reijnen Kiel
242. Bazzana Alessandro
243. Brajkovič Janez
244. Canola Marco
245. Euser Lucas
246. Putt Tanner
247. Ratto Daniele
248. Zurlo Federico

I Video di Blogo.it