Affari italiani: Comune (e Regione) chiedono lumi agli Aironi

La crisi degli Aironi si sta trasformando in un caso politico.

Un impianto sportivo che rischia di trasformarsi in una cattedrale nel deserto. Se gli Aironi perderanno la Pro 12 che ne sarà dello Zaffanella e del Lavadera? Una domanda che alcuni consiglieri comunali di Viadana si sono posti e una domanda che da alcuni giorni si pone anche la Regione Lombardia.

Come si può leggere su La Voce di Mantova di oggi, infatti, “I movimenti politici “Nonsoloverdi” e “Movimento 5 Stelle” hanno chiesto all’amministrazione comunale di Viadana di organizzare un consiglio comunale aperto per informare la cittadinanza sulla questione stadio Zaffanella. […] «Riteniamo – spiegano – che i 5 milioni di euro di investimenti (4 milioni della Regione Lombardia, 0,25 min della Provincia di Mantova e 0,75 min dal Comune di Viadana) previsti per adeguare lo stadio Zaffanella ed il centro Lavadera di Cogozzo abbiano bisogno di certezze. In un momento difficile come questo, dove i cittadini sono vessati da un’imposizione fiscale sempre maggiore ed attanagliati da una crisi economica che, al momento, non lascia intravedere spiragli, riteniamo che chiedere un’ulteriore sacrificio senza dare certezze sulla finalità delle opere sia una operazione alquanto inopportuna”.

Una questione che già da alcuni giorni gira tra le stanze del Pirellone. L’investimento, infatti, fatto dal governo di Formigoni è molto consistente e rischia di trasformarsi in un boomerang per una giunta già alle prese con tante grane politiche. Insomma, l’affaire Aironi si sta trasformando anche in una questione politica e quello di venerdì sarà un Consiglio Federale infuocato.