Gli imam replicano a Scola: “Grazie per la sua proposta. Ma scuole chiuse per ricorrenze islamiche come a Natale”. Salvini polemico

Gli imam rilanciano dopo la proposta dell’arcivescovo di Milano, Angelo Scola: “scuole chiuse per festività islamiche”. La Lega respinge la proposta

Non solo sono d’accordo e ringrazio Sua eminenza, ma mi spingo anche a proporre che le scuole restino chiuse in occasione di feste importanti come la fine del Ramadan o la Festa del sacrificio. Esattamente come per il Natale cristiano, così i bambini potranno celebrare la festa con la comunità“. Questa è la replica del portavoce del coordinamento delle moschee milanesi Caim, Davide Piccardo, all’arcivescovo di Milano, Angelo Scola, riportata da Repubblica.

Scola nei giorni scorsi aveva fatto un’apertura alle comunità islamiche italiane. Fermo restando che la scuola non deve cedere al laicismo, rinunciando ad esempio al presepe, per l’arcivescovo bisognerebbe prendere qualcuna delle feste islamiche ed inserirle nella dimensione pubblica. Ciò sarebbe necessario anche per l’aumento di bambini musulmani fra i banchi.

Ovviamente, c’era da aspettarselo, il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, non ha gradito la proposta e su Facebook ha replicato così: