Hollande incontra Angela Merkel: “La Germania deve fare di più contro l’ISIS”

La cancelliera tedesca ha promesso che invierà 650 soldati in Mali.

Il presidente francese François Hollande ha incontrato oggi a Parigi la cancelliera tedesca Angela Merkel e ha invitato la Germania a fare di più nella lotta contro il terrorismo e lo Stato Islamico:

Nessun Paese è al riparo da attacchi terroristici e per questo auspico che la Germania si possa impegnare di più contro l’Is in Siria e in Iraq. Sarebbe un bel segnale. É nostro dovere accogliere le persone che fuggono dalle guerre, soprattutto dalle stragi in Siria e dagli orrori dell’Is. È una questione delicata, la Germania ha fatto molto per le centinaia di migliaia di persone in arrivo. Abbiamo bisogno, insieme, di sviluppare una polizia efficace sul controllo delle frontiere esterne. […] Dopo gli attacchi di Parigi dobbiamo evitare una situazione insopportabile, l’associazione tra profughi e terroristi. Abbiamo appurato come alcuni terroristi possano utilizzare i percorsi dei profughi per introdursi ed è nostro dovere controllare chi arriva.

La replica della diretta interessata non si è fatta attendere. A margine dell’incontro, Merkel ha visitato insieme a Hollande place de la République e ha precisato che invierà 650 soldati in Mali per dare supporto ai soldati francesi, per poi spiegare:

Anche la Germania è stata colpita dagli attacchi di Parigi ed è spinta a fare tutto il possibile perché tragedie del genere non si ripetano. L’Isis non va combattuto solo a parole ma anche con mezzi militari. […] È necessario però trovare anche una soluzione politica in Siria, che richiede l’impegno di tutti perché tutte le parti coinvolte possono essere intorno al tavolo del negoziato. Il processo nato a Vienna deve continuare.

E, ancora:

La Germania partecipa al vostro dolore per le vittime degli attentati di Parigi, è stato un attacco contro il nostro modo di vita, la democrazia, l’Europa.

Il tour de force di Hollande alla ricerca di maggiore forza contro lo Stato Islamico proseguirà domani con l’incontro con Matteo Renzi, in programma per le 8 all’Eliseo, e poi sarà la volta del presidente russo Vladimir Putin, che sarà raggiunto da Hollande a Mosca.