La Gabbia | Puntata 18 novembre 2015

La Gabbia: la puntata del 18 novembre 2015

  • 21.14

    Paragone annuncia temi e ospiti della puntata.

  • 21.17

    Salvini in collegamento: “Evitiamo le boldrinate. La guerra non piace a nessuno. Sono a disposizione per l’unità; sono terrorizzato dall’idea che non si faccia niente. Se non è possibile il dialogo, occorre l’intervento armato”.

  • 21.20

    In onda la copertina.

  • 21.28

    Chiesa e Parenzo in studio, Fiano a Roma.

  • 21.29

    Fiano: “La dimensione militare dell’intervento non è da escludere, ma le recenti esperienze di guerra occidentali ci dicono che le guerre in quei posti non risolvono il problema. Ma dico anche che chi ha in mente la guerra santa sono nostri nemici e sono in guerra con noi”.

  • 21.31

    Salvini: “Mi fanno paura le persone che non condannano l’Isis. Il problema sono loro”.

  • 21.33

    Salvini attacca Boldrini che aveva inviato alla Camera Tayyeb, grande imam di al Azhar. Fiano precisa che anche lui si oppose.

  • 21.35

    Chiesa: “Obama ha cominciato la guerra nel 2011. La guerra l’abbiamo iniziata noi bombardando la Libia”.

  • 21.38

    Scontro verbale tra Chiesa e Fiano.

  • 21.39

    Chiesa: “Quanti sanno che le indagini su Charlie Hebdo sono state fermate col segreto militare?”

  • 21.42

    Salvini chiede una “mega operazione di Polizia” che porti all’espulsione di “decine di migliaia di persone”.

  • 21.46

    In onda il retroscena sui soldi dell’Occidente nelle tasche dell’Isis.

  • 21.49

    Fiano si dice scioccato dalla notizia appena appresa di un insegnante di una scuola ebraica di Marsiglia accoltellato.

  • 21.55

    In un servizio si racconta “la banlieue dove si nascondono i terroristi”.

  • 22.02

    Salvini: “Mi sta facendo imbestialire che qualcuno dia la colpa degli attentati a noi che non siamo abbastanza buoni con gli altri. E basta con una immigrazione fuori controllo”.

  • 22.04

    Salvini: “Abbiamo visto lo ius soli in Belgio e in Francia! Blocchiamo l’immigrazione senza controllo che alimenta il terrorismo”.

  • 22.05

    Piccardo: “Studentesse hanno boicottato e hanno sbagliato! Va condannato, ma non è la norma”.

  • 22.07

    Piccardo: “L’odio nasce da un fortissimo disagio e da senso di vuoto”. Fiano e Salvini non concordano.

  • 22.10

    Capuozzo: “La guerra è sempre una cosa sporca, ma se te la dichiarano bisogna farla. Ma farla bene, facendola durare il meno possibile”.

  • 22.11

    Capuozzo: “Anche io ho paura, ma sono fiducioso, sono convinto che nessun fondamentalismo abbia la meglio sulla voglia di vivere”.

  • 22.12

    In un servizio si parla della crescita della popolazione musulmana in Europa.

  • 22.17

    Salvini: “Una certa interpretazione dell’Islam è compatibile con alcuni valori della nostra società? Lo chiese anche Bendetto XVI!”

  • 22.19

    Salvini: “Un partito islamico in Italia io non lo vorrei”.

  • 22.21

    Piccardo: “Come la democrazia cristiana potrebbe esistere democrazia islamica”.

  • 22.29

    In un servizio sono raccolte le testimonianze dei parigini sabato sera.

  • 22.37

    Michele Karaboue in collegamento, Daniela Santanchè in studio. In onda le dichiarazioni di un imam di Centocelle che non condanna gli attentati di Parigi.

  • 22.40

    Karaboue commenta il servizio: “È allucinante rispondere in questa maniera, spero che non avesse capito la domanda della giornalista. Doveva condannare senza se e senza ma”.

  • 22.41

    Santanchè: “Questo imam è un predicatore di odio, mi auguro che questo servizio l’abbiano visto le autorità competenti. Una persona del genere nel nostro Paese non può starci”. Karaboue: “La mamma degli imbecilli è sempre incinta”.

  • 22.43

    Karaboue: “Noi condanniamo gli attentati. Se c’è una legge arrestate chi non condanna gli attentati”.

  • 22.44

    Santanchè propone di introdurre il reato di concorso esterno terrorista. In onda la “profezia della Fallaci”.

  • 22.48

    Capuozzo: “Fallaci ha avuto ragione un po’ troppo presto”.

  • 22.49

    Parenzo: “Il titolo ‘Bastardi islamici’ è vergognoso”. Santanchè: “Gli attentati sono vergognosi”.

  • 22.51

    Per Santanchè la priorità è “togliere le sanzioni alla federazione russa”.

  • 22.51

    Santanchè: “Non dico che tutti i musulmani sono terroristi, dico che tutti i terroristi sono musulmani”.

  • 22.53

    Chiesa: “Fallaci aveva torto totalmente”.

  • 22.55

    Le parole di Crozza ieri a DiMartedì.

  • 23.02

    In un servizio si racconta il quartiere Tor Pignattara a Roma, dove “comanda l’Islam”.

  • 23.07

    Capuozzo a Crozza: “Ci siamo commossi anche per la morte del bambino sulla spiaggia turca”.

  • 23.08

    Karaboue: “Santanchè condanna la violenza verbale dei cittadini di Tor Pignattara contro i musulmani?”. La risposta: “Certo che sì, sono contro tutte le violenze”.

  • 23.10

    Karaboue chiede a Santanchè se vuole cacciare anche gli italiani allo stesso modo dell’imam. Capuozzo: “Quelli sono degli stronxi italiani e ce li dobbiamo tenere, quello è uno stronxo straniero e va fuori!”.

  • 23.11

    Karaboue: “La guerra la state facendo voi”. Santanchè: “La guerra l’hanno fatta a Parigi!”.

  • 23.12

    Paragone rivela che alcuni parcheggiatori abusivi hanno menato l’inviata Monica Raucci.

  • 23.14

    In un servizio si parla degli islamici di Bologna convinti che “l’Isis salva dalla povertà”.

  • 23.20

    Piccardo: “Voi ascoltate le voci che volete voi, io non mi riconosco nel ritratto della comunità dei musulmani che è stata fatta oggi”.

  • 23.25

    Sulle studentesse di Varese, Paragone precisa: “Non sono state mica inseguite dai giornalisti”.

  • 23.27

    Parenzo: “Non criminalizzo le studentesse”. E sostiene che vadano create mense separate tra cristiani e musulmani.

  • 23.28

    In un servizio la “jihad che cresce nella tranquilla provincia italiana”.

  • 23.41

    In un servizio si parla del pericolo attentati. Le testimonianze di un poliziotto sull’aeroporto di Fiumicino a Roma.

  • 23.49

    Chiesa: “Putin ha vinto la guerra, senza l’intervento della Russia l’esercito islamico sarebbe già a Damasco”.

  • 23.51

    Chiesa: “L’Isis può rinascere in qualsiasi momento. Il problema è che l’Occidente deve fermare gli alleati”.

  • 23.53

    In un servizio il linguaggio e la strategia comunicativa dei terroristi dell’Isis.

  • 00.05

    In un servizio i buchi nella sicurezza di Roma a 20 giorni dal Giubileo.

  • 00.12

    Un venditore ambulante lascia il suo banchetti incustodito in piazza Santa Maria Maggiore.

  • 00.14

    Viene riproposto, a sorpresa, il talk che ha aperto la puntata.

  • 00.42

    Finisce la puntata.

La Gabbia torna in onda questa sera su La7 alle ore 21.10 con la conduzione di Gianluigi Paragone. Il programma va in onda in diretta dagli studi di Milano. Su Blogo il liveblogging.

La Gabbia: anticipazioni e ospiti puntata stasera 18 novembre 2015

La Gabbia torna in onda stasera. Tra i temi in primo piano le conseguenze degli attentati di Parigi e la paura in Italia, a partire da Roma per il Giubileo.

Tra gli ospiti Daniela Santanchè di Forza Italia, Matteo Salvini della Lega Nord, Emanuele Fiano del Pd, i giornalisti Toni Capuozzo, David Parenzo, Massimo Fini, Giulietto Chiesa, il docente universitario Michele Karaboue e Davide Piccardo, coordinatore del CAIM, Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano.

Non mancherà la Skassakasta, la rock band con la quale il conduttore chiuderà la puntata. Presente nel cast anche Giuseppe Longinotti.

La Gabbia: come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate de La Gabbia, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il consueto liveblogging.

La Gabbia: second screen

La Gabbia ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter @LaGabbiaTw

I Video di Blogo.it