Elezioni amministrative 2016: il M5S vuole presentarsi in 1283 Comuni

Il MoVimento 5 Stelle punta a essere presente in tutti i Comuni che andranno al voto nel 2016.

In vista delle elezioni amministrative del 2016 il MoVimento 5 Stelle ha già avviato le pratiche per la certificazione delle liste e sul sito di Beppe Grillo oggi si legge che l’obiettivo è quello di presentare una lista “ovunque”, ricordando che i Comuni che andranno al voto sono 1283 e la speranza è dunque quella di concorrere in ognuno di essi.

Nel blog si precisa anche che

“Saranno scoraggiate ed eventualmente invalidate votazioni in cui siano coinvolti gli iscritti online al MoVimento 5 Stelle senza una preventiva presentazione della documentazione per la certificazione delle liste e del candidato sindaco”

per questo per candidarsi con il M5S non è sufficiente essere iscritto al movimento, ma occorre ottenere la certificazione per poterne usare il simbolo.
Le regole per poter concorrere sono riportate a questo link. Per quanto riguarda i requisiti di ogni candidato, non deve essere iscritto ad alcun partito o movimento politico, non deve aver riportato sentenze di condanna in sede penale, deve necessariamente risiedere nella circoscrizione del Comune per il quale si candida, mente per i capoluoghi di provincia viene precisato che i candidati possono risiedere anche in uno dei Comuni appartenenti a quella provincia a eccezione del capolista.

Chiunque si candidi con il M5S si impegna a rimettere il mandato elettorale ricevuto nel caso in cui perda i requisiti. Sul sito del M5S saran pubblicato l’elenco dei componenti di ciascuna lista e i curriculum vitae di ogni candidato con il programma di governo.

La certificazione viene rilasciata solo a chi presenta tutta la documentazione necessaria, ossia il certificato penale o la visura delle iscrizioni presente i nel casellario giudiziale di ohi candidato, la copia di un documento di identità, l’accettazione delle condizioni per la presentazione di una lista civica e di una lista regionale.

Viene poi precisato:

“Il blog www.beppegrillo.it può revocare la certificazione di un singolo candidato o dell’intera lista e quindi rimuoverne le informazioni dal sito nel caso in cui non sussistessero più le suddette condizioni”

Una volta che viene ottenuta la certificazione ogni capolista riceve un’e-mail con i dati per accedere a un’area dedicata alla propria lista e da lì potrà aggiornare i contenuti e creare le aree per gli altri candidati.

Una curiosità: nel post del blog di Beppe Grillo con cui si invitano i cittadini a candidarsi, è stata inserita la foto di una bandiera del M5S con sullo sfondo il Colosseo. Sicuramente non è una scelta casuale perché tra i tanti comuni al voto ci sarà anche Roma (a meno che il commissariamento non venga prolungato fino alla fine del Giubileo come ha paventato Paola Taverna) e il M5S punta dritto al Campidoglio.

Ultime notizie su Elezioni comunali

Tutto su Elezioni comunali →