Rugby&Olimpiadi: nel seven la solita Italia senza qualità

Marco De Rossi e Luca Martin hanno convocato venti giocatori per il raduno dell’Italseven.

Un paio di scarti della nazionale maggiore, un paio di giovani interessanti e un nugolo di nomi pressoché sconosciuti. L’Italia del seven si conferma un parcheggio per giocatori piuttosto che un progetto serio che punti alle Olimpiadi. Insomma, la solita pagliacciata che non ci porterà da nessuna parte.

Marco De Rossi e Luca Martin, infatti, hanno convocato venti giocatori per un raduno di preparazione all’attività internazionale in programma da questa sera a Parma.

ITALSEVEN
Matteo APPIANI (Cammi Calvisano)
Cristian BECERRA (Med Italia Pro Recco)
Ivan CRESTINI (Prato-Sesto)
Giacomo DEL RY (Med Italia Pro Recco)
Hamid EN NAOUR (Banca Monte Parma Crociati)
Enrico ENDRIZZI (Marchiol Mogliano)
Francesco FAVARO (Petrarca Padova)
Marco GAZZOLA (Rugby Casale)
Marco GENNARI (Banca Monte Parma Crociati)
Filippo GUARDUCCI (Marchiol Mogliano)
Simone MARINARO (Accademia FIR)
Luca NOSTRAN (Petrarca Padova)
Giulio RUBINI (Banca Monte Parma Crociati, 4 caps)
Edoardo RUFFOLO (Banca Monte Parma Crociati)
Riccardo RUSSO (Petrarca Padova)
Valerio SANTILLO (Donelli Modena)
Tito TEBALDI (Aironi Rugby, 14 caps)
Pietro TRAVAGLI (Petrarca Padova, 9 caps)
Marcello VIOLI (Rugby Noceto)
Matteo ZITELLI (Fiamme Oro Roma) 

I Video di Blogo