La Gabbia | Puntata 4 novembre 2015

La Gabbia: la puntata del 4 novembre 2015

  • 21.21

    Inizia la puntata.

  • 21.22

    L’editoriale di Paragone sugli arresti in Vaticano: “Il Papa non dice niente sui soldi spesi da vescovi e cardinali, ma commenta la gestione degli immigrati e le coppie gay!”

  • 21.23

    Dove finiscono i soldi delle messe è il titolo del primo servizio.

  • 21.26

    Tra gli ospiti della puntata Vittorio Feltri, Matteo Salvini, David Parenzo, Enrico Zanetti, Mario Adinolfi e Claudio Messora.

  • 21.30

    Feltri: “Gli uomini di Chiesa sono fatti di carne e la carne è debole”.

  • 21.35

    Il pubblico in studio non si fida della Chiesa. Adinolfi: “È un dato emotivo. La Chiesa non è un’attività filantropica”.

  • 21.38

    Salvini: “Mettano in galera chi devono mettere in galera, ma fortuna che esistono gli oratori”.

  • 21.40

    Salvini e Adinolfi ‘salvano’ la Chiesa, nel gioco proposto da Paragone.

  • 21.42

    Salvini: “La Chiesa dovrebbe pagare l’Imu”. Zanetti: “La normativa già lo impone per i locali che esercitano attività commerciali. Che non vogliano è un altro discorso”.

  • 21.43

    In un servizio si parla degli hotel delle suore che non pagano tasse.

  • 21.54

    Un servizio si occupa del processo Mafia Capitale. La cooperativa di Buzzi però è ancora operativa.

  • 22.01

    Chi salverà Roma? Zanetti: “Solo Papa Francesco, perché servirebbe un miracolo”.

  • 22.04

    Feltri: “Marino ha già dato, lo scarterei, Cantone pensi a fare il magistrato. Di Battista non lo conosco, stimo la Meloni ma non è attrezzata per vincere. Marchini ha più possibilità”.

  • 22.04

    Adinolfi: “Roma non sarà salvata da un romano, e lo dico da romano”.

  • 22.06

    Adinolfi: “Chi salverà Roma? L’annessione allo stato Vaticano”.

  • 22.06

    Parenzo: “La corruzione in Italia è una forma di welfare, dà lavoro”.

  • 22.08

    Parenzo sceglie Marchini come salvatore di Roma.

  • 22.09

    Salvini ricorda le dichiarazioni di Renzi pro Marino. E sceglie la Meloni.

  • 22.10

    In un servizio si mettono a confronto Roma e Milano: chi ha più senso civico?

  • 22.14

    L’evasione sui mezzi pubblici a Milano, secondo Atm, è sotto l’1%. A Roma sopra il 40%. Atm è in attivo, Atac in rosso.

  • 22.20

    Una faccia per Milano, Feltri: “Ho la residenza a Brescia, non posso fare il sindaco di Milano”.

  • 22.20

    Feltri: “Del Debbio guadagna come conduttore tv 20 mila euro al mese, andare a fare il sindaco per 6 mila euro sarebbe da pirla”.

  • 22.21

    Salvini: “Ci sono alcune zone di Milano dove la monnezza è quella di Roma, ci sono alcuni quartieri con i topi, in condizioni romane”.

  • 22.25

    Zanetti punta su Sala, idem Adinolfi.

  • 22.31

    Si parla delle truffe dei dipendenti ai danni dell’Inps. Boeri: “Seguo con attenzione, vogliamo collaborare coi magistrati”.

  • 22.38

    Salvini: “Secondo la ConfCommercio una sola Regione ha zero come eccesso di spesa per cittadino: la Lombardia”. Parenzo: “La Lombardia ha i suoi problemi”.

  • 22.42

    Salvini: “La legge Fornero è una legge del caxxo”.

  • 22.43

    Zanetti: “L’età pensionabile non la si fa guardando le curve dei sondaggi, ma le curve demografiche”.

  • 22.44

    In un servizio i falsi invalidi e gli assenteisti.

  • 22.48

    Adinolfi: “Sono intollerabili i milioni di italiani che sono andati in pensione a 42 anni di età. Sono tanti e pesano”.

  • 22.49

    Parenzo: “La sanità è una centrale di spese fuori controllo”. Zanetti: “Veramente è la più controllata”.

  • 22.50

    In un servizio si parla degli scontrini di Renzi quando era sindaco e Presidente di Provincia di Firenze.

  • 22.56

    Il sindaco Nardella: “Noi rispettiamo la legge alla lettera, abbiamo pubblicato le spese sul sito”. Ma la giornalista spiega che non ci sono né scontrini, né dettagli sulle spese indicate.

  • 23.03

    In un servizio si raccolgono le lamentele degli imprenditori e artigiani per le tasse che aumentano nonostante le promesse di Renzi.

  • 23.09

    La manovra di Salvini e i giudizi degli ospiti.

  • 23.11

    Zanetti: “Nel 2017 ridurremo le aliquote, intervenendo sul ceto medio”. E boccia la proposta di Salvini dell’aliquota unica al 15%.

  • 23.15

    Salvini: “Chiamparino ha detto che se i tagli alla sanità sono quelli pensati da Renzi non potranno dare i farmaci salvavita”.

  • 23.20

    Zanetti: “Fuori dal mondo mettere al primo posto battaglia per abolire gli studi di settore”.

  • 23.21

    Salvini: “L’euro finirà perché è una moneta sbagliata, non perché lo dico io”.

  • 23.22

    In un servizio si parla di ragazzi down che chiedono di lavorare alla Camera.

  • 23.36

    In un servizio si parla di insetti cucinati.

  • 23.44

    Messora sull’accordo Ttip tra Usa e Ue: “Il vero scopo è aggirare l’organizzazione mondiale per il commerciale. Vogliono costituire un blocco di 51 Paesi, ma 3 milioni di europei hanno firmato una petizione per dire di no al Ttip”.

  • 23.48

    Messora: “Ma il peggio deve ancora arrivare, questa normativa restituirà tutto il potere nelle mani dei banchieri. Ttip minaccia la democrazia”.

  • 23.49

    In onda un servizio sulle spogliarelliste che hanno fatto soldi grazie all’Expo.

  • 23.57

    I fuggitivi, il ministro Madia al quinto posto.

  • 23.58

    Al quarto posto la commerciante di cosmetici cinese.

  • 23.59

    Al terzo posto il Premier Renzi.

  • 00.00

    Al secondo posto Piccione, parlamentare Pd.

  • 00.02

    Pecoraro Scanio al primo posto. Con vitalizio a 49 anni.

  • 00.07

    In un servizio si parla di Scientology che conquista Milano, dove è sorta la prima Chiesa: ma da dove arrivano i soldi?

  • 00.15

    In un servizio il mistero del caveau della banca di Bordighera.

  • 00.24

    In un servizio si parla della Brevemi, l’autostrada che collega Milano a Brescia. E che costa 320 milioni di euro.

  • 00.32

    Finisce la puntata.

La Gabbia torna in onda questa sera su La7 alle ore 21.10 con la conduzione di Gianluigi Paragone. Il programma va in onda in diretta dagli studi di Milano. Su Blogo il liveblogging.

La Gabbia: anticipazioni e ospiti puntata stasera 4 novembre 2015

La Gabbia torna in onda stasera. Tra i temi in primo piano la situazione politica a Roma dopo l’addio di Ignazio Marino, gli arresti in Vaticano, il processo Mafia Capitale e le truffe all’Inps.

Per il momento non sono stati resi noti i nomi degli ospiti che in studio animeranno il dibattito.

Non mancherà la Skassakasta, la rock band con la quale il conduttore chiuderà la puntata. Presente nel cast anche Giuseppe Longinotti, nei panni dell’ispettore Aguzzo, funzionario Ue incaricato di controllare il rispetto delle direttive comunitarie al grido di ‘Ce lo chiede l’Europa’.

La Gabbia: come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate de La Gabbia, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il consueto liveblogging.

La Gabbia: second screen

La Gabbia ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter @LaGabbiaTw

I Video di Blogo