Base Jumping: Jérôme Rochelle a Punta Giradili, Sardegna

Il base-jumper francese (ma anche arrampicatore di fama europea) Jérôme Rochelle è stato protagonista in settembre del primo salto dalla parete di Punta Giradili, descritta da molti come una delle pareti più spettacolari in Sardegna, base di arrampicate e scorci sbalorditivi sul Mediterraneo, 400 metri più in basso. Su ilportalesardo la si descrive così: Il

di trab

Il base-jumper francese (ma anche arrampicatore di fama europea) Jérôme Rochelle è stato protagonista in settembre del primo salto dalla parete di Punta Giradili, descritta da molti come una delle pareti più spettacolari in Sardegna, base di arrampicate e scorci sbalorditivi sul Mediterraneo, 400 metri più in basso. Su ilportalesardo la si descrive così:

Il panorama è davvero unico e maestoso: alla nostra sinistra le falesie di Punta Giradili alla cui base si sviluppa la mulattiera costruita dai carbonai; essa è ancora in ottime condizioni dopo più di cent’anni dalla sua costruzione. Alla nostra destra, in lontananza, le bellissime falesie a strapiombo di Punta Argennas, poco più avanti di noi lo strapiombo e in basso la vallata che termina in uno scenario fantasy con lo straordinario monumento nazionale della guglia di Pedra Longa o Agugliastra.

Inotre la parete di Roccadoria, nell’entroterra di Alghero, dal 2005 ha visto una crescita esponenziale delle vie di arrampicata sino ad arrivare alle 90 di oggi, grazie alla fatica di un piccolo pool di attrezzatori capitanato da Maurizio Oviglia. Climber, per le prossime vacanze siete avvisati.