Elezioni Argentina 2015: Mauricio Macrì presidente. La danza della vittoria [Video]

Tutto sulle elezioni presidenziali 2015 in Argentina. I risultati del ballottaggio tra Daniel Scioli e Mauricio Macri

[blogo-video id=”363574″ title=”Mauricio Macrì festeggia ballando la vittoria nelle elezioni” content=”” provider=”askanews” image_url=”http://engine.mperience.net/cdn/static/img/tmnews/20151123_video_10351791.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”20151123_video_10351791″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzYzNTc0JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PHNjcmlwdCB0eXBlPSJ0ZXh0L2phdmFzY3JpcHQiIHNyYz0iaHR0cDovL2VuZ2luZS5tcGVyaWVuY2UubmV0L0VuZ2luZVdpZGdldC9zY3JpcHRzL3dpZGdldF8xIj48L3NjcmlwdD48ZGl2IGNsYXNzPSJtcGVfd2lkZ2V0IiBkYXRhLW1wZT0ndHlwZT1wbGF5ZXJ8YXBwSWQ9MTl8dGFyZ2V0SWQ9MjAxNTExMjNfdmlkZW9fMTAzNTE3OTF8cGxheWVyT3B0aW9ucz17ImF1dG9wbGF5Ijoibm9uZSIsImFkdlVSTCI6Imh0dHA6Ly9vYXMucG9wdWxpc2VuZ2FnZS5jb20vMi92aWRlby5ibG9nby5pdC9hc2thbmV3cy9wbGF5ZXJAeDUwIiwidXNlSW1hU0RLIjp0cnVlfSc+PC9kaXY+PHN0eWxlPiNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zNjM1NzR7cG9zaXRpb246IHJlbGF0aXZlO3BhZGRpbmctYm90dG9tOiA1Ni4yNSU7aGVpZ2h0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7b3ZlcmZsb3c6IGhpZGRlbjt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O30gI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM2MzU3NCAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM2MzU3NCBpZnJhbWUge3Bvc2l0aW9uOiBhYnNvbHV0ZSAhaW1wb3J0YW50O3RvcDogMCAhaW1wb3J0YW50OyBsZWZ0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDtoZWlnaHQ6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9PC9zdHlsZT48L2Rpdj4=”]

lunedì 23 novembre 2015 – Il nuovo presidente dell’Argentina, Mauricio Macrì, ha festeggiato ballando un’elezione storica che mette fine nel paese all’era Kirchner dopo 12 anni. Il liberale, sindaco di Buenos Aires ed ex presidente della squadra di calcio del Boca Juniors, ha vinto il ballottaggio sconfiggendo il candidato peronista Daniel Scioli col 53% dei voti contro il 47%.

Cristina Kirchner, alla guida del paese dal 2007 dopo la morte del marito, non poteva candidarsi per un terzo mandato consecutivo.

“Voglio dire che questa giornata è storica, è un cambiamento epocale, io ve l’avevo detto e voi mi avete creduto, sarà meraviglioso. Sarò il presidente di quelli che pensano in modo diverso di quelli che hanno nuove idee, di quelli che non rinunciano, di chi lotta contro il narcotraffico, di chi non lascia che la politica, la giustizia e i funzionari siano corrotti. Voglio essere il presidente che mette tutto il paese al lavoro”,

ha detto a caldo dopo la vittoria.

22.10 – È Mauricio Macri il nuovo presidente dell’Argentina, secondo gli exit poll diffusi dai media locali subito dopo la chiusura dei seggi. Il liberale Macri ha battuto al ballottaggio il peronista Daniel Scioli.

Elezioni presidenziali Argentina 2015: ballottaggio Daniel Scioli – Mauricio Macri

Non è bastato il primo turno per decidere chi sarà il nuovo presidente dell’Argentina. Un po’ a sorpresa, il candidato del centrodestra Mauricio Macri ha ottenuto un buon risultato che gli permette di raggiungere al ballottaggio il peronista Daniel Scioli.

Sarà di origini italiane dunque il successore di Cristina Kirchner. Daniel Scioli, esponente FVP, ha ottenuto il 36% dei voti, mentre Mauricio Macri, leader di Cambiemos, il 34%. Per la prima volta si andrà dunque al secondo turno, dato che l’elezione diretta era prevista solo al raggiungimento del 45% dei voti (o del 40% con 10% in più del secondo classificato).

Terza forza è Sergio Massa, di Una, con il 21%. Più staccati gli altri candidati, sotto al 4%.

Alta l’affluenza: su 32 milioni di aventi diritto ha votato l’80,5%. Il ballottaggio si terrà il 22 novembre 2015.

I risultati del primo turno segnano il successo di Mauricio Macri: non era immaginabile che arrivasse ad insidiare così da vicino il candidato kirchnerista Scioli. In vista del ballottaggio diventa decisiva anche il dissidente peronista Sergio Massa, terzo al 1° turno, che ha detto di voler annunciare presto la sua posizione.