Stasera su Current TV le drug wars messicane di Laura Ling

Stasera su CurrentTV, c’è un documentario molto interessante sulle drug wars messicane: anche noi, nel nostro piccolo ne abbiamo scritto, ma Current è Current. E’ già l’autrice – una delle autrici – dovrebbe farci scattare il campanello d’allarme: è Laura Ling, ricordate la giornalista arrestata – insieme alla collega Euna Lee – in Corea del

Stasera su CurrentTV, c’è un documentario molto interessante sulle drug wars messicane: anche noi, nel nostro piccolo ne abbiamo scritto, ma Current è Current. E’ già l’autrice – una delle autrici – dovrebbe farci scattare il campanello d’allarme: è Laura Ling, ricordate la giornalista arrestata – insieme alla collega Euna Lee – in Corea del Nord, e poi liberata grazie all’intercessione dell’ex Presidente Usa Bill Clinton? Ecco: lei.

Da Juarez e Tijuana, il viaggio del narcotraffico arriva fino sotto casa nostra, tra governi complici e misure repressive che reprimono solo il piccolo spaccio, ma lasciano intatti i grandi commerci su scala planetaria. E noi italiani, con la ‘ndrangheta, siamo purtroppo in prima fila, almeno a rileggere le parole di Nicola Gratteri, della Direzione Antimafia di Reggio Calabria:

egemonica nel «traffico internazionale di cocaina, grazie ai canali diretti di approvvigionamento dai Paesi del Sudamerica e alla dimostrata abilità nel gestire complessi sistemi di riciclaggio». Agli occhi dei narcos colombiani, «la ‘Ndrangheta è l’organizzazione più affidabile, perché quasi impermeabile al fenomeno del pentitismo

La vera domanda che si pongono i giornalisti di Current però, è un’altra: si vuole davvero fermare questo mercato? Io, ho come l’impressione di no. E voi?

Ultime notizie su Ndrangheta

Tutto su Ndrangheta →