Elezioni 2013: le date dell’election day

Verso l’accorpamento di tutte le consultazioni a febbraio. Fuori, per ora, il solo voto nel Lazio.

di

L’election day, in qualche modo, ci sarà. In seguito alla crisi di Governo e alle dimissioni di Monti, che verranno dopo l’approvazione del Dl stabilità, si andrà al voto il 17 o il 24 febbraio per le elezioni politiche 2013 e contemporaneamente si voterà anche per le Elezioni regionali in Lombardia e per quelle in Molise. L’annuncio arriva attraverso l’Ansa e direttamente per bocca del Ministro dell’Interno, Anna Maria Cancelleri.

Sulle regionali nel Lazio, invece, pesa la sentenza del Tar che ha fissato le consultazioni elettorali il 3 e 4 febbraio; di mezzo ci sono anche le comunali: ovviamente, visto che ad accorpare il voto si risparmia, l’idea è quella di procedere per logica e buon senso. La Cancelleri ha spiegato:

«Ci stiamo ragionando per verificare se ci sono le condizioni o meno. Certamente ci sarà l’accorpamento di politiche e regionali di Lombardia e Molise. Per quanto riguarda le comunali ci sono contatti con l’Anci e con i comuni».


E sul Lazio:

«se il Tar decidesse per un’altra data saremmo ben felici di adeguarla all’election day».

Naturalmente, la data definitiva dipende da quando Giorgio Napolitano scioglierà effettivamente le Camere.

Come spiegavamo, per votare il 17 di febbraio è necessario che le Camere vengano sciolte entro il 2 gennaio 2013. Per votare il 24, entro il 9 gennaio 2013.