Sondaggi politici, 25 settembre 2015: continua la crescita del Movimento 5 Stelle

Nei sondaggi politici di oggi si registra sale ancora il M5S, bene anche il Partito Democratico.

I sondaggi politici di Ixè, trasmessi stamane ad Agorà, confermano il trend cui ormai si assiste da settimane: cresce senza sosta il Movimento 5 Stelle, buone performance del Partito Democratico, stabili o in leggera difficoltà Lega Nord e Forza Italia. Partiamo dal Pd di Matteo Renzi, che sembra ormai aver messo via la tendenza al ribasso dei mesi passati ed essere ripartito, molto probabilmente sulla scia di alcune (timide) buone notizie dai vari indicatori economici; difficile invece che la pace momentaneamente ritrovata nel Partito Democratico sia già stata rilevata dai sondaggi. Fatto sta che il Partito Democratico guadagna mezzo punto, dal 34,2 al 34,7%.

Ma soprattutto i sondaggi di oggi mostrano come sia il Movimento 5 Stelle a essere di gran lunga il partito più in forma di tutti: anche questa settimana segna un +1,1% che lo fa arrivare al 24,2%. Ancora molto distante dal Pd, quindi, ma in linea con il suo storico miglior risultato, quello ottenuto alle politiche del 2013.

Chi invece non vede una crescita netta da molto tempo è la Lega Nord. Curiosamente, il partito guidato da Matteo Salvini si è arenato proprio nel pieno della cosiddetta “emergenza migranti”, in cui si sarebbe potuto attendere che il Carroccio facesse il pieno di voti. Probabilmente, Salvini paga quella sorta di black out mediatico in cui è finito, in cui non ha trovato la giusta angolazione per affrontare l’argomento in un momento estremamente delicato. La Lega rimane sostanzialmente stabile al 14,6%.

Perde mezzo punto Forza Italia. Alle prese con i transfughi che continuano ad abbandonare i gruppi parlamentari ormai dimezzati per approdare alla corte di Verdini; il partito di Berlusconi è ormai la pallida ombra di se stesso.

Per quanto riguarda i partiti minori, tiene bene Sel (4,8%), scende Fratelli d’Italia (3,4%), sempre su percentuali minime il Nuovo Centrodestra (2,2%).