Russia, Caso Eston Kohver: Condannato l’agente segreto estone a 15 anni. Ue e Usa insorgono

L’agente di sicurezza estone, Eston Kohver, è stato condannato a 15 anni di carcere da un tribunale della Russia. Ue e Stati Uniti protestano e chiedono l’immediato rilascio dell’ufficiale

Continua a salire la tensione tra Russia e Occidente. Motivo del contendere questa volta non è l’Ucraina, ma la condanna Eston Kohver, il responsabile della sicurezza estone (KaPO). All’ufficiale 44enne è stata inflitta una pena di 15 anni di carcere dalla corte regionale di Pskov, con l’accusa di spionaggio, contrabbando di armi e attraversamento illegale del confine di Stato.

Dopo la decisione del tribunale, l’ambasciata americana a Tallin (capitale dell’Estonia) ha subito protestato, sostenendo che Kohver stava indagando su un contrabbando di armi gestito dai servizi segreti di Mosca. Inoltre, la diplomazia statunitense ritiene che l’agente sia stato sequestrato, lo scorso settembre, in territorio nazionale e successivamente condotto illegalmente in Russia.

Che la Casa Bianca abbia intenzione di mettere in piedi una vera e propria campagna internazionale sul caso, è testimoniato dal fatto che le stessa ambasciata ha deciso di dare il proprio sostegno su Facebook all’ufficiale: “Siamo profondamente turbati dalla estrema ingiustizia di una condanna a 15 anni imposta dalla Russia a Eston Kohver. Invitiamo Mosca a liberarlo subito

Deeply troubled by the extreme injustice of a 15-year sentence imposed by Russia on Eston Kohver. We call on Russia to…

Posted by U.S. Embassy Tallinn, Estonia on Mercoledì 19 agosto 2015

Di tutt’altro avviso Mosca, che ha replicato affermando che Kohver è stato arrestato dopo aver varcato la frontiera. Secondo le autorità russe, poi, all’ufficiale sarebbero state requisite una pistola, 5mila euro e speciali apparecchiature di registrazione, ritenute strumenti atti a perseguire una missione di spionaggio.

Taavi Roivas, primo ministro dell’Estonia, respinge la versione fornita dalla Russia e, dopo aver lanciato un appello alla comunità internazionale affinché intervenga per la scarcerazione dell’ufficiale, ha twittato: “Condanno fermamente il verdetto su Eston Kohver; la sua detenzione illegale costituisce una grave violazione del diritto internazionale da parte della Federazione Russa“.

Non è tardato ad arrivare anche l’intervento dell’Alto rappresentante per la Politica estera dell’Unione Europea, Federica Mogherini . In una nota ufficiale, l’ex ministro degli Esteri italiano ha usato parole molto dure, parlando di “sequestro“, “detenzione illegale” e di “violazione del diritto internazionale“.

Per la Ue, lo 007 “non ha avuto diritto ad un processo imparziale“, alludendo al fatto che le udienze del procedimento non erano pubbliche e che il console estone non ha potuto prendervi parte. Mogherini, dunque, chiede formalmente a Mosca di rispettare gli obblighi internazionali e di rilasciare immediatamente Kohver, garantendo così “il suo ritorno in sicurezza in Estonia“.

Il caso Kohver si inserisce nella crescente conflittualità tra paesi baltici e la Russia di Vladimir Putin. I sospetti sorvoli dell’aviazione del Cremlino sull’Estonia, la presenza di sottomarini americani al largo delle coste baltiche e l’invio di armamenti pesanti da parte di Washington lungo le linee di confine sono il chiaro segnale di un’escalation militare che non si registrava dai tempi della guerra fredda.

A tutto ciò vanno aggiunti anche i forti attriti tra il Cremlino e la Finlandia, che insieme a Danimarca, Norvegia e Svezia hanno stilato un comunicato congiunto, in cui si annuncia una cooperazione contro possibili atti di aggressione. E non è un caso che tutte questi Stati abbiano prontamente chiesto il rilascio di Kohver.

Ultime notizie su Unione Europea

Tutto su Unione Europea →