Roland Garros 2015: Djokovic in finale, Murray ko al quinto set

Roland Garros 2015. Djokovic-Murray, la semifinale

Roland Garros 2015. Novak Djokovic conquista la terza finale in carriera nello Slam parigino. Murray sconfito 6-3; 6-3; 5-7; 5-7; 6-1 in oltre 4 ore di gioco complessive.

Sospeso ieri, sul 3-3 del quarto set, il match è ripreso sotto il sole cocente parigino con Murray protagonista. La sfuriata iniziale dello scozzese e il break ottenuto sul 5-5 portano la partita al quinto. Djokovic, tuttavia, non si lascia intimorire e, riordinate le idee, impone la propria superiorità nel momento decisivo, agevolato anche dal rivale che, con quattro errori gratuiti, subisce il break nel secondo game del quinto parziale e si avvia a una rapida sconfitta, la quarta stagionale contro l’invincibile numero uno del mondo.

Domani, Djokovic affronterà Wawrinka in finale. Mai come stavolta, l’unico titolo Slam che manca al suo palmares è stato così vicino.

Roland Garros 2015 | Il Live di Djokovic-Murray

[live_placement]

Roland Garros 2015 | Djokovic-Murray, il pre partita

17.10: Wawrinka è il primo finalista del RG 2015. Sconfitto Tsonga 6-3; 6-7; 7-6; 6-4 in quasi quattro ore di gioco. (qui la cronaca). Tra circa venti minuti in campo Djokovic e Murray.

16.10: Wawrinka vince il terzo set della semifinale contro Tsonga ed ora conduce 2-1. Ritarda ancora l’inizio di Djokovic-Murray previsto, provvisoriamente, non prima delle 17.30

15.00: E’ ancora in corso la prima semifinale tra Wawrinka e Tsonga. Un set pari, è appena iniziato il terzo. Djokovic e Murray in campo non prima delle 16.30 ma l’orario è assolutamente provvisorio.

Roland Garros 2015 | Djokovic – Murray, presentazione

Roland Garros 2015. Alle 15.30 (ma l’orario può subire variazioni), seguiremo in diretta, il match tra Djokovice Murray, semifinale della parte bassa del tabellone del torneo maschile. Si gioca sullo Chatrier, stesso campo sul quale si disputa, dalle 13, la prima semifinale tra Tsonga e Wawrinka.

Riuscirà Murray a fermare l’avanzata trionfale di Djokovic verso la conquista dell’unico titolo Slam che manca al suo palmares ?. Difficile, difficilissimo che possa farcela. Tuttavia, al momento, Andy è l’unico avversario che quantomeno può provare a impensierire l’invincibile serbo sulla terra battuta. Proprio sulla superficie di gioco a lui meno congeniale, lo scozzese ha centrato i migliori risultati del 2015. Dall’Atp di Monaco di Baviera, al Masters di Madrid, passando per il primo turno degli Internazionali e il cammino finora compiuto a Parigi, Andy ha raggiunto quota 15 vittorie consecutive sul rosso, un ruolino di marcia impronosticabile fino a un mese fa.

Djokovic ha fatto ancora meglio. Il serbo è infatti imbattuto dalla finale dell’Atp di Dubai dello scorso febbraio persa contro Federer. Da allora sono arrivati 26 successi di fila e quattro titoli, Indian Wells, Miami, Montecarlo e Roma. Uno score impressionante che Nole sa di non poter interrompere a un passo da un titolo che insegue, invano, da almeno quattro stagioni.

Precedenti nettamente dalla parte del serbo che conduce 18-8. L’ultimo confronto sul rosso risale addirittura a quattro anni fa, alla semifinale degli Internazionali d’Italia vinta per un soffio da Djokovic 7-5 al quinto, nella stagione di grazia, nella quale, per la prima volta, sarebbe diventato numero uno del ranking Atp. Nel 2015, Nole si è già imposto in tre occasioni sul rivale, nella finale degli Australian Open, in quella di Miami e nella semifinale di Indian Wells.

Indubbiamente sarebbe davvero sorprendente non ritrovare Djokovic in finale domenica. Speriamo almeno di assistere a una sfida equilibrata e combattuta, magari con un epilogo in cinque set, difficile ma non impossibile almeno con questo Murray.

Ultime notizie su Roland Garros

Tutto su Roland Garros →