Giro d’Italia 2015: Aru ha vinto la 20esima tappa, ma la Maglia Rosa è di Contador

Seconda vittoria consecutiva per Fabio Aru. Contador, in difficoltà oggi, si è comunque assicurato la Maglia Rosa del Giro d’Italia 2015.

Fabio Aru ha ottenuto il suo secondo successo consecutivo al Giro d’Italia 2015 e chiude con soli 2′ 02″ di ritardo dalla Maglia Rosa Alberto Contador. Il sardo sale dunque un gradino del podio rispetto all’anno scorso quando arrivò terzo. Oggi, grazie al supporto della sua squadra e soprattutto di Mikel Landa, Aru ha trionfato all’arrivo della 20a tappa al Sestriere staccando il gruppetto dei migliori negli ultimi due chilometri e tagliando il traguardo a braccia alzate proprio come ieri.

Alberto Contador ha avuto una crisi, più tecnica che fisica, sullo sterrato della seconda parte della salita del Colle delle Finestre, la Cima Coppi di quest’anno (che si è aggiudicato Landa), ma è riuscito a contenere il distacco dai due Astana e ha salvato grazie alla sua immensa classe la meritatissima Maglia Rosa. Ancora una volta la sua squadra, la Tinkoff-Saxo, non si è dimostrata alla sua altezza e lo ha lasciato solo in salita.

Ecco l’ordine d’arrivo di oggi:

Schermata 2015-05-30 alle 17.31.21
Le classifiche
Giro d’Italia 2015: la classifica generale della Maglia Rosa
Giro d’Italia 2015: la classifica giovani della Maglia Bianca
Giro d’Italia 2015: la classifica a punti della Maglia Rossa
Giro d’Italia 2015: la classifica scalatori della Maglia Azzurra

Giro d’Italia 2015: la cronaca della 20a tappa

[live_placement]

14:23 – Tra pochi minuti comincia la nostra cronaca della fase decisiva della penultima tappa del Giro d’Italia 2015. Restate su questa pagina per tutti gli aggiornamenti.

Giro d’Italia 2015: la 20a tappa

[blogo-video id=”355326″ title=”Giro d’Italia 2015: Presentazione 20esima tappa” content=”” provider=”dailymotion” image_url=”http://media.outdoorblog.it/c/c39/x240-p5b-jpg.png” thumb_maxres=”0″ url=”http://www.dailymotion.com/video/x2p2cq5_giro-d-italia-2015-presentazione-tappa-20-stage-20-presentation_sport” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzU1MzI2JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHA6Ly93d3cuZGFpbHltb3Rpb24uY29tL2VtYmVkL3ZpZGVvL3gycDJjcTUiIHdpZHRoPSI1MDAiIGhlaWdodD0iMjgxIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzU1MzI2e3Bvc2l0aW9uOiByZWxhdGl2ZTtwYWRkaW5nLWJvdHRvbTogNTYuMjUlO2hlaWdodDogMCAhaW1wb3J0YW50O292ZXJmbG93OiBoaWRkZW47d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9ICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zNTUzMjYgLmJyaWQsICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zNTUzMjYgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Il Giro d’Italia 2015 arriva alla sua penultima giornata e sarà quella decisiva e anche una delle più dure se non la più dura in assoluto visto che prevede la scalata della Cima Coppi, che quest’anno è il Colle delle Finestre a quota 2.178 metri. Un appuntamento assolutamente da non perdere che seguiremo in diretta qui su questa pagina di Blogo.

La ventesima tappa da Sain Vincent al Sestriere è a due facce: è lunga in totale 199 km, ma i primi 150 non hanno alcuna difficoltà altimetria. Al km 97,1, a Venaria Reale, c’è il primo traguardo volante, poi a Pianezza (km 108,5) c’è il rifornimento fisso. 4k prima dell’inizio dell’ascesa del Colle delle finestre c’è il secondo e ultime traguardo volante a Susa.

Il gran premio della montagna del Colle delle Finestre è, come detto, la salita più dura di questa edizione del Giro e chi scollinerà per primo si aggiudicherà il Trofeo Torriani. L’ascesa è lunga in totale 18 km e per metà è asfaltata, ma per la seconda metà è sterrata e dunque richiede grandi abilità da biker. La pendenza media e costante è del 9,2%, ma a Meana di Susa c’è un picco del 14%. La discesa è molto tecnica e pericolosa perché la strada è stretta e per nel primo tratto non ci sono protezioni laterali. La prima parte della salita del Colle delle Finestre ha concentrati in 4 km ben 29 tornanti e in totale fino alla cima i tornanti sono 45.

Superato questo incredibile ostacolo, il gpm conclusivo, l’ultimo di tutto il giro, ossia l’arrivo al Sestriere è praticamente una passeggiata, perché è di terza categoria, lungo 9,2 km, su una strada (la ss. 23) asfaltata e ampia. A 500 metri dalla fine c’è una rotatoria, poi gli ultimi 400 metri sono in rettilineo su asfalto di 6,5 metri di larghezza. Bisogna comunque ricordare che si arriva con 199 km nelle gambe e soprattutto dopo aver la terribile scalata del Colle delle Finestre.

L’andamento della tappa dipenderà dalla composizione della fuga e toccherà alla Tinkoff-Saxo e all’Astana cercare di contenere il gap. È molto probabile che oltre agli uomini della classifica generale si muovano anche quelli della classifica della Maglia Azzurra. Giovanni Visconti della Movistar è stato all’attacco per tutto il giorno ieri, ma dovrà difendere la leadership nella classifica scalatori e dunque la sua squadra deve inventarsi qualcosa. Il siciliano ha 125 punti e deve guardarsi soprattutto da Steven Kruijswijk della Lotto NL-Jumbo che ne ha 109, mentre l’altro Movistar Beñat Intxausti è terzo con 107 e dunque la squadra spagnola ha due possibilità per conservare la maglia, se Visconti oggi non ce la fa, toccherà a Intxausti farsi avanti. Kruijswijk è uno dei sorvegliati speciali di questa tappa perché finora in salita ha tenuto sempre benissimo, all’altezza dei primi tre della generale, e ha la possibilità di scalare numerose posizioni nella generale.

Insomma, oggi sono attesi al varco tutti gli uomini della top-ten, Alberto Contador della Movistar, che deve difendere la Maglia Rosa e che magari vuole aggiungere la ciliegina sulla torta vincendo anche la tappa, mentre Fabio Aru e Mikel Landa dell’Astana potranno contare sulla straordinaria forza della propria squadra per approfittare di ogni possibile inconveniente della Maglia Rosa. Poi ci sono Andrey Amador della Movistar, che però ieri non è sembrato brillantissimo, ma che comunque con la sua squadra dovrà necessariamente muoversi anche per la Maglia Azzurra, Leopold König del Team Sky e che è stato tra i protagonisti del finale di ieri e che può contare sull’aiuto di Vasil Kiryenka che al Sestriere ha vinto nel 2011, poi ancora Yuri Trofimov del Team Katusha, Ryder Hesjedal della Cannondale-Garmin, secondo ieri e sempre molto combattivo anche nelle precedenti tappe, Damiano Caruso della BMC Alexandre Geniez della FDJ e il già citato Kruijswijk.

Considerate che oggi si decidono le posizioni della classifica finale e nel giro di 2′ 06″ ci sono sei uomini che sono dunque chiamati a muoversi per migliorare la propria posizione, mentre Contador, Aru e Landa devono difendere il loro podio.

Giro d’Italia 2015: planimetria 20a tappa Saint Vincent-Sestriere

Planimetria 20a tappa Giro d'Italia 2015

Giro d’Italia 2015: altimetria 20a tappa Saint Vincent-Sestriere

Altimetria 20a tappa Giro d'Italia 2015 Sain Vincent-Sestriere

Giro d’Italia 2015: altimetria Gpm Colle delle Finestre

Altimetria Colle delle Finestre Giro d'Italia 2015

Giro d’Italia 2015: altimetria Gpm Sestriere

Altimetria Sestriere Giro d'Italia 2015

Qui il tratto tra il Colle delle Finestre e il Sestriere.

Colle delle Finestre e Sestriere

Ultime notizie su Giro d'Italia

Tutto su Giro d'Italia →