Giro d’Italia 2015: Gilbert ha vinto la 12esima tappa. Contador ha incrementato su Aru

Diretta della 12esima tappa del Giro d’Italia da Imola a Vicenza (Monte Berico).

17:08 – Ecco l’ordine di arrivo di oggi:

[live_placement]

Giro d’Italia 2015 | 12esima tappa Imola-Vicenza

[blogo-video id=”354431″ title=”Giro d’Italia 2015: Presentazione Tappa 12″ content=”” provider=”dailymotion” image_url=”http://media.outdoorblog.it/9/9d5/x240-d1z-jpg.png” thumb_maxres=”0″ url=”http://www.dailymotion.com/video/x2p2bbm_giro-d-italia-2015-presentazione-tappa-12-stage-12-presentation_sport” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzU0NDMxJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHA6Ly93d3cuZGFpbHltb3Rpb24uY29tL2VtYmVkL3ZpZGVvL3gycDJiYm0iIHdpZHRoPSI1MDAiIGhlaWdodD0iMjgxIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzU0NDMxe3Bvc2l0aW9uOiByZWxhdGl2ZTtwYWRkaW5nLWJvdHRvbTogNTYuMjUlO2hlaWdodDogMCAhaW1wb3J0YW50O292ZXJmbG93OiBoaWRkZW47d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9ICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zNTQ0MzEgLmJyaWQsICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18zNTQ0MzEgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Il Giro d’Italia 2015 vivrà oggi un’altra tappa intensa e davvero particolare per la quale è difficilissimo fare previsioni. Noi la seguiremo in diretta qui su questa pagina di Blogo fino all’arrivo a Vicenza, per scoprire chi vincerà e se cambierà qualcosa in classifica generale dove Alberto Contador è sempre al comando ma con soli 3″ di vantaggio su Fabio Aru.
Anche oggi, come ieri e come abbiamo visto in altre emozionanti tappe, la fuga di giornata potrebbe arrivare a destinazione, ma se così non fosse, se i battistrada saranno presi prima del traguardo, saranno i finisseur a darsi battaglia, mentre per i velocisti puri la giornata potrebbe essere complicata dai numerosi sali e scendi del finale.

La tappa infatti è praticamente divisa in due parti: è lunga in totale 190 km, ma i primi 130 km sono completamente piatti, non c’è neanche un piccolo dislivello perché si pedala nella Pianura Padana. Tutt’altra storia, invece, negli ultimi 60 km dove troviamo in sequenza tre gran premi della montagna,il primo e l’ultimo, quello di arrivo sul Monte Berico, di quarta categoria, il secondo di terza categoria.
Ci sono anche due traguardi volanti: il primo a Rovigo, al km 95,5, il secondo a Galzignano Terme al km 126,1. Il rifornimento fisso è posto Boara Pisani, al km 100.

Si parte verso le 12:35 da Imola, con un trasferimento di 4,8 km verso il km 0. Durante la prima parte in pianura si passa da Masa Lombarda, Conselice, Lavezzola, Argenta, Consandolo, Portomaggiore, Voghiera, Malborghetto di Correggio, Polesella, Bosaro, poi c’è lo sprint intermedio a Rovigo, il rifornimento a Boara Pisani, si prosegue per Stanghella, Mnzelice, si arriva al secondo sprint a Galzignano Terme e dopo Torriglia cominciano le salite: c’è prima la salita pedalabile di Castelnuovo sui Colli Eurganei, poi dopo i saliscendi di Teolo, Rovolon e Bastia si si passa nella pianura che porta ai Berici e si arriva alla salita di terza categoria di Crosara da Mossano che ha quasi 2 km a una pendenza del 10% e picchi del 17%.

La discesa di Lapio è piuttosto impegnativa ed è seguita dagli ultimi 15 km in cui assisteremo molto probabilmente agli attacchi dei big o, se la fuga avrà molto vantaggio e non sarà stata ancora presa, a una doppia corsa, con i battistrada in lotta per la tappa e gli uomini di classifica a darsi battaglia sul filo dei secondi.
Dopo Torri di Arcugano e Fimon, c’è una salita di 2 km con una pendenza media dell’8-9% e punte dell’11%, seguono un breve falsopiano e una discesa breve, ma impegnativa, soprattutto se, come si prevede, la strada sarà bagnata. Ci sono infine quasi 4 km completamente piatti e negli ultimi 1,2 km la salita finale che ha una pendenza media del 7,1% con punte dell’11% proprio nell’ultima parte. Il percorso si conclude con 300 metri di rettilineo lungo una strada piuttosto ampia.

Difficile fare i nomi dei favoriti, perché potrebbero arrivare i fuggitivi di giornata o potrebbero decidere di lottare fino al traguardo gli uomini di classifica. Il percorso si adatta a finisseur come Philippe Gilbert della BMC, Diego Ulissi della Lampre-Merida, Simon Gerrans dell’Orica GreenEdge, ma anche il suo compagno Michael Matthews potrebbe dire da sua. La Bardiani potrà farsi vedere con Sonny Colbrelli o Enrico Battaglin, mentre la Movistar potrebbe puntare su Giovanni Visconti o Juan José Lobato, la Cannondale-Garmin ha Tom-Jelte Slagter e Davide Formolo che potrebbero tentare di vincere, mentre la CCC Sprandi-Polkowice ha Grega Bole che ieri si è piazzato piuttosto bene. L’Etixx-Quick Step, se non avrà altri guai con Rigoberto Uran, potrebbe puntare alla vittoria di tappa con Tom Boonen.

Giro d’Italia: planimetria tappa Imola-Vicenza

Planimetria 12a tappa Giro d'Italia 2015

Giro d’Italia: altimetria tappa Imola-Vicenza

Altimetria 12a tappa Giro d'Italia 2015

In alto l’altimetria di tutta la tappa, qui di seguito i particolari dei gpm e l’arrivo.
Salite Tappa 12 Giro d'Italia 2015

Ultime notizie su Giro d'Italia

Tutto su Giro d'Italia →