Pubblicità: Kevin Roberts, da Saatchi&Saatchi agli All Blacks

Il CEO della famosa agenzia di pubblicità svela la sua passione per il rugby e come la palla ovale sia un esempio di azienda che funziona.

E’ il CEO worldwide di Saatchi & Saatchi, la famosa agenzia di pubblicità. E’ uno degli uomini più potenti al mondo, il suo nome e quello della sua società sono tra i più famosi sul globo. Ma Kevin Roberts ha un amore segreto: il rugby.

A raccontarlo è Luxury24, la rubrica del lusso e del design de Il Sole 24 Ore, che ha intervistato Roberts, chiacchierando di crisi economica, di creatività e, appunto, di palla ovale.

Ecco come Kevin Roberts racconta il rapporto tra creatività e rugby, tra un’azienda vincente e una squadra sportiva vincente, con uno sguardo particolare verso la Nuova Zelanda, dove il creativo si è trasferito nel 1989. E poi ci sono gli All Blacks, sicuramente una fonte di ispirazione per questo entusiasta guerriero della comunicazione. Il mondo è un campo da gioco dove battere lealmente gli avversari, l’agenzia di pubblicità uno spogliatoio in cui motivare i propri giocatori da bravo coach. Come nel rugby: «Gioco a rugby da quando avevo cinque anni. Mi piace che sia una tribù globale. Amo il contatto fisico, la violenza legalizzata, il cameratismo, è tutta una questione di sacrificio e sangue per gli altri»”.