Giro di Turchia 2015: a Durasek la generale, a Mas l’ultima tappa. Che sfortuna Rebellin! | Video

Davide Rebellin costretto al ritiro da una caduta provocata da un cane.

[blogo-video id=”351549″ title=”Lluís Mas vince l’ultima tappa del Giro di Turchia 2015″ content=”” provider=”youtube” image_url=”https://i.ytimg.com/vi/2gDwMISFMyc/hqdefault.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=2gDwMISFMyc” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTQ5JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNTAwIiBoZWlnaHQ9IjI4MSIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC8yZ0R3TUlTRk15Yz9mZWF0dXJlPW9lbWJlZCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM1MTU0OXtwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTQ5IC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTQ5IGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Il Giro di Turchia 2015 si è concluso con un colpo a sorpresa di Lluís Guillermo Mas: lo spagnolo della Caja Rural ha anticipato i velocisti e nell’ultimo chilometro e mezzo ha allungato approfittando della strada in ciottolato e leggermente in salita, nessuno è riuscito a riacciuffarlo e così si è aggiudicato l’ottava e ultima tappa della corsa turca. Mark Cavendish dell’Etixx-Quick Step, che ha vinto tre tappe ed era favorito anche per questa, si è dovuto accontentare del secondo posto, battendo tutti gli altri velocisti del gruppo. Terzo si è piazzato un altro Caja Rural, Carlos Barbero, mentre dal quarto al settimo posto troviamo in fila quattro italiani: Alessandro Petacchi della Southeast, Daniele Colli della Nippo-Vini Fantini, Daniele Ratto della UnitedHealthcare e Davide Appollonio dell’Androni.

Sfortunatissimo, invece, Davide Rebellin, il capitano della CCC Sprandi Polkowice che ha indossato la Maglia Turchese nei giorni scorsi e che avrebbe chiuso la corsa al secondo posto, ma che si è dovuto ritirare perché a trenta chilometri dalla fine un cane gli ha attraversato la strada ed è caduto.
La vittoria della classifica generale va a Kristijan Durasek della Lampre Merida, sul podio salgono Eduardo Sepúlveda della Bretagne-Séché Environnement e Jay McCarthy della Tinkoff-Saxo.

Per quanto riguarda la tappa di oggi, la fuga è partita quasi subito, animata da Eduard Grosu della Nippo-Vini Fantini, Kevin de Mesmaecker del Team Novo Nordisk, Boris Vallée della Lotto Soudal e Carlos Quintero del Team Colombia. Il loro vantaggio è stato sempre tenuto sotto controllo dal gruppo guidato dalla squadra della Maglia Turchese, la Lampre-Merida, ma anche dalle squadre dei velocisti che puntavano alla vittoria di tappa come Etixx-Quick Step, Orica GreenEdge e Southeast. A 5 km dalla fine sono stati ripresi tutti i fuggitivi, a un chilometro e mezzo dal traguardo ecco l’azione geniale di Mas che gli è valsa la vittoria.

Cavendish si è aggiudicato la classifica a punti, Juan Pablo Valencia del Team Colombia quella del Re della montagna, mentre Lluís Guillermo Mas si è aggiudicato la speciale classifica Bellezze della Turchia. Nella foto ecco tutti i vincitori.

Questo è il video della caduta di Rebellin:

[blogo-video id=”351551″ title=”Caduta e ritiro di Davide Rebellin al Giro di Turchia 2015″ content=”” provider=”youtube” image_url=”https://i.ytimg.com/vi/lulPWsQyxaw/maxresdefault.jpg” thumb_maxres=”1″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=lulPWsQyxaw” embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTUxJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNTAwIiBoZWlnaHQ9IjI4MSIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9sdWxQV3NReXhhdz9mZWF0dXJlPW9lbWJlZCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93ZnVsbHNjcmVlbj48L2lmcmFtZT48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM1MTU1MXtwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTUxIC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzUxNTUxIGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Questi i primi dieci al traguardo dell’ultima tappa a Istanbul, tutti con lo stesso tempo:

    1) Lluís Guillermo Mas (Caja Rural) 2h 45′ 03″
    2) Mark Cavendish (Etixx-Quick Step)
    3) Carlos Barbero (Caja Rural)
    4) Alessandro Petacchi (Southeast)
    5) Daniele Colli (Nippo-Vini Fantini)
    6) Daniele Ratto (UnitedHealthcare)
    7) Davide Appollonio (Androni)
    8) Eduard Prades (Caja Rural)
    9) Roy Jans (Wanty-Groupe Gobert)
    10) Magnus Cort (Orica GreenEdge)

E queste le prime dieci posizioni della classifica generale finale:

    1) Kristijan Durasek (Lampre-Merida) 31 06′ 44″
    2) Eduardo Sepúlveda (Bretagne-Séché Environnement) +32″
    3) Jay McCarthy (Tinkoff-Saxo) +56″
    4) Alex Cano (Team Colombia) +1′ 30″
    5) Serge Pauwels (MTN-Qhubeka) +1′ 32″
    6) Mirko Selvaggi (Wanty-Groupe Gobert) +1′ 58″
    7) Enrico Barbin (Bardiani-CSF) +2′ 01″
    8) Tomasz Marczynski (Torku Şekerspor) +2′ 02″
    9) Adam Hansen (Lotto Soudal) +2′ 11″
    10) Javier Mejias (Team Novo Nordisk) +2′ 15″

Foto © Tour of Turkey