Caso Roman Polański: il regista afferma di aver risarcito Samantha Geimer, la Francia fa dietro-front “nessuno è al di sopra della legge”

Continuano ad emergere dettagli sul caso Roman Polański, arrestato a Zurigo lo scorso 26 settembre per uno stupro da lui commesso nel 1978 ai danni di una bambina di 13 anni, Samantha Geimer.Mentre il regista si trova ancora in carcere, il Los Angeles Times ha rivelato che Polański, nel 1993, si era impegnato per versare


Continuano ad emergere dettagli sul caso Roman Polański, arrestato a Zurigo lo scorso 26 settembre per uno stupro da lui commesso nel 1978 ai danni di una bambina di 13 anni, Samantha Geimer.

Mentre il regista si trova ancora in carcere, il Los Angeles Times ha rivelato che Polański, nel 1993, si era impegnato per versare alla vittima una somma di 500 mila dollari.

Non è chiaro, dai documenti pubblicati dal giornale, se l’accordo sia effettivamente andato in porto o meno. Quello che è certo è che tre anni dopo, nel 1996, Samantha Geimer era ancora in causa per avere il denaro. Polański sostiene che in quell’anno fu raggiunto l’accordo e che lui pagò per chiudere la vicenda una volta per tutte. Di questo versamento, però, non vi è alcuna traccia.

Questo dettaglio non è stato rivelato da Samantha, oggi bibliotecaria alla Hawaii, che si è limitata a ribadire che per lei il regista ha già pagato abbastanza. La vicenda ha fatto riemergere, inevitabilmente, anche i particolari più raccapriccianti di quella violenza, dettagli che la giovane ha dovuto ripercorrere in alcuni interrogatori.

Dal suo racconto è emerso che Polański la costrinse a spogliarsi e la molestò una prima volta in piscina, poi la obbligò ad entrare in casa e lì la sodomizzò.

Nel frattempo cominciano i dietro-front di chi in un primo momento si era schierato per chiedere agli Stati Uniti la grazia per il regista. In particolar modo ci riferiamo al governo francese, che ha recentemente fatto sapere che resterà estraneo alla vicenda, perché “nessuno è al di sopra della legge“.

Via | Los Angeles Times

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →