Amanda Knox e Raffaele Sollecito: pubblicate le motivazioni della sentenza di assoluzione

Sono state pubblicate le motivazioni della sentenza di assoluzione dei due ex fidanzati, che erano stati accusati del delitto di Meredith Kercher.

Giovedì scorso sono state pubblicate le motivazioni della sentenza di assoluzione in secondo grado di Raffaele Sollecito e Amanda Knox, accusati di avere ucciso Meredith Kercher.

Come leggiamo sul Corriere i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Perugia hanno segnalato che “manca la prova di colpevolezza”:

“La Corte d’Assise di primo grado ha avvertito la necessità di cogliere un movente che però, mentre non è corroborato da alcun elemento di prova, è esso stesso niente affatto probabile […] La scelta improvvisa da parte di due giovani, bravi e disponibili verso gli altri, del male per il male, così senza altra utilità, tanto più incomprensibile perché diretta a sostenere l’azione criminosa di un giovane, Rudy Guede, con il quale essi non avevano nessun rapporto, e diverso dalla loro storia personale, carattere e condizione umana”

In merito alle accuse di Amanda nei confronti di Patrick Lumumba i giudici hanno spiegato che:

“Al di là dell’aspetto formale il contesto nel quale sono state rese quelle dichiarazioni era chiaramente caratterizzato da una condizione psicologica divenuta per Amanda Knox davvero un peso insopportabile. In quel contesto è comprensibile che la Knox, cedendo alla pressione ed alla stanchezza, abbia sperato di mettere fine a quella situazione, dando a coloro che la stavano interrogando quello che, in fondo, essi si volevano sentire dire: un nome, un assassino. Dando quel nome ‘in pasto’ a coloro che la stavano interrogando così duramente Amanda Knox sperava, verosimilmente, di porre un fine a quella pressione, ormai dopo lunghe ore un vero tormento, mentre aggiungere dei particolari, costruire una breve storia intorno a quel nome non era certo particolarmente difficile, se non altro perché molti particolari e molte illazioni erano apparse già il giorno successivo su molti giornali e circolavano comunque in città, considerate le modeste dimensioni di Perugia”

Infine

“Una volta esclusa la sussistenza della prova di colpevolezza a carico degli attuali imputati, non spetta a questa Corte prospettare quale possa essere stato il reale svolgimento della vicenda. Nè se l’autore del reato sia stato uno o più di uno, nè se siano state o meno trascurate altre ipotesi investigative”

(fonte immagine)

LINK UTILI

Amanda Knox, messaggio agli italiani: “A chi mi è stato vicino, vi voglio bene”

La cronistoria del processo su Notitia Criminis: ecco tutti gli articoli

Rudy Guede: si parla di revisione dopo l’assoluzione di Amanda Knox e Raffaele Sollecito

Processo Perugia: Amanda Knox e Raffaele Sollecito assolti

Processo Meredith, parla la famiglia: “Faremo appello”