Elezioni UK 2015, chi è Nick Clegg, leader dei Liberal-Democratici

Dal 2015 è vice Primo Ministro in un governo di coalizione con i conservatori di David Cameron.

Nicholas William Peter Clegg, detto più semplicemente Nick Clegg, è il leader del partito Liberal Democratico che guida dal 2007 e dal 2010 è vice Primo Ministro nel governo di coalizione con David Cameron, leader dei Tories. Clegg si propone come alternativa tra i conservatori e i laburisti, di certo sa di non poter avere la maggioranza, ma punta a restare comunque al governo, perciò è lecito aspettarsi che si allei con chi vincerà, proprio come ha fatto cinque anni fa.

Di recente il suo partito è stato coinvolto in uno scandalo relativo a dei finanziamenti illeciti, mentre in passato si è attirato l’odio degli studenti perché prima di andare al governo, in campagna elettorale, aveva promesso di ridurre le tasse universitarie, invece, una volta diventato vice Primo Ministro, ha votato a favore dell’aumento delle tasse e questo gli è valso per un periodo un vero e proprio tracollo nei sondaggi e l’accusa di essere inaffidabile.

Adesso si è però guadagnato l’endorsement degli analisti dall’agenzia Bloomberg, che si occupa di finanza ed economia, i quali sono conviti che i Lib-Dem, comunque andranno le elezioni, saranno il vero ago della bilancia, più di Nigel Farage, e resteranno al governo.

Per quanto riguarda la sua storia, Nick Clegg è nato a Chalfont St. Giles nel 1967, terzo di quattro figli. Suo padre ha origini russe e sua madre olandesi, per questo lui parla senza problemi, oltre all’inglese, anche l’olandese come lingua madre, in più conosce il tedesco, il francese e lo spagnolo, la lingua della moglie Miriam González Durantez, originaria di Valloadolid, con la quale ha tre figli, Antonio, Alberto e Miguel.
È ateo, ma ha avuto un’educazione cristiana e così anche i suoi figli. Si è diplomato alla Westminster School, poi ha frequentato il Robinson College a Cambridge, dove si è laureato in Archeologia e Antropologia. Da giovane è stato per un periodo a New York dove è stato l’assistente di Christopher Hitchens, giornalista di Vanity Fair, The Nation e Slate, attualmente columnist per il Wall Street Journal. Lo stesso Clegg ha lavorato come giornalista per The Nation e per il Financial Times, poi dal 1994 ha fatto il consulente per Leon Brittan, commissario europeo per il commercio.

Il suo exploit politico è stato proprio nel 2010, quando, grazie ai dibattiti in tv, è riuscito a guadagnare dieci punti percentuali e poi a formare il governo di coalizione con il vincitore di quelle elezioni, David Cameron.