Messico: ucciso in redazione il giornalista Norberto Miranda Madrid, alias El Gallito

Ucciso a colpi di pistola nella redazione della radio per cui lavorava, a Nuevo Casas Grandes, da almeno cinque sicari. Norberto Miranda Madrid, 44 anni, alias El Gallito, era un giornalista di Radio Vision e scriveva per alcuni quotidiani locali oltre ad essere un importante membro del Partito della Rivoluzione Democratica (PRD).Il giornalista era molto

di remar


Ucciso a colpi di pistola nella redazione della radio per cui lavorava, a Nuevo Casas Grandes, da almeno cinque sicari. Norberto Miranda Madrid, 44 anni, alias El Gallito, era un giornalista di Radio Vision e scriveva per alcuni quotidiani locali oltre ad essere un importante membro del Partito della Rivoluzione Democratica (PRD).

Il giornalista era molto impegnato sul fronte drugwar e nelle ultime settimane si era occupato in particolare della situazione del traffico di droga nello Stato di Chihuahua, al confine con gli Usa. Questa zona del paese ha il triste primato del più alto numero di omicidi (circa 1500 all’anno), riconducibili ai contrapposti cartelli della droga, di tutto il Messico.

Da queste parti avere in pugno il mercato locale degli stupefacenti significa, anche, poter controllare il traffico di cocaina verso gli Stati Uniti. Mercato ben più redditizio quello a stelle e strisce, con guadagni annuali per i narcos pari a 63 miliardi, come sottolineato di recente dal ministro della sicurezza pubblica messicano.

Dal 2006 ad oggi la guerra della droga ha causato qualcosa come 14.000 omicidi in Messico. Solo tra martedì e mercoledì a Ciudad Juarez – che secondo i dati raccolti da una Ong messicana anche per il 2008 si conferma come la città più pericolosa del mondo (130 omicidi ogni 100.000 abitanti) – sono state uccise 17 persone.

Foto | Peace Reporter