Rifiuti tossici in Campania: nel Triangolo della Morte diossina nel sangue 6 volte il limite

A Saviano si muore di cancro, e lo Stato fa finta di non saperlo. Sono parole forti le mie, ma come potrebbero essere altrimenti dopo aver letto la lettera che 3 persone hanno inviato al Presidente Napolitano. Gennaro A. Allocca, Gennaro Esposito e Bruna Gambardella hanno chiesto più volte di fare esami per verificare il

A Saviano si muore di cancro, e lo Stato fa finta di non saperlo. Sono parole forti le mie, ma come potrebbero essere altrimenti dopo aver letto la lettera che 3 persone hanno inviato al Presidente Napolitano. Gennaro A. Allocca, Gennaro Esposito e Bruna Gambardella hanno chiesto più volte di fare esami per verificare il livello di diossina nel loro sangue:

Estremamente preoccupati per l’aumento esponenziale dei livelli di diossina riscontrati dalle nostre parti (abbattuti migliaia di capi di bestiame contaminato) abbiamo formalmente chiesto alle autorità sanitarie (ASL NA4; Assessorato regionale alla sanità; Ministero della Salute) di essere sottoposti ad indagini diagnostiche per verificare il livello di contaminazione del nostro organismo: siamo stati ignorati!

Questi cittadini hanno dovuto provvedere da soli. E sapete cosa hanno scoperto? Che hanno in circolo 6 volte – sottolineo SEI volte – il livello di diossina critico per l’uomo. “L’ASL NA 4 , a cui sono stati resi noti detti risultati, tace. Tace vergognosamente. Tace scandalosamente“, scrivono adesso amareggiati. E hanno riconsegnato le tessere elettorali al Presidente della Repubblica, dato che ritengono inutile votare: “Abbiamo fondato motivo di credere che per noi abitanti del “Triangolo della morte” nulla cambierà, siamo e continueremo ad essere cittadini di serie B“.

Il testo integrale della missiva è riportato su eCostiera.it, e invito tutti a leggerlo per capire l’orrore di una situazione senza apparenti speranze e la grandissima dignità di persone che sono condannate ad ammalarsi per l’indifferenza delle istituzioni, quando non per la connivenza dei politici con il sistema criminale di gestione dei rifiuti. E’ doloroso ammettere che di fronte a questi scempi a volte mi vergogno di essere campano. E non sono l’unico. Eppure, quelli che dovrebbero vergognarsi sono ben altri. Sono quelli che spero di vedere in galera il prima possibile.

I Video di Blogo