Uk: uccide le due figlie adolescenti per fare un torto all’ex marito, al via il processo per Rekha Kumari-Baker

E’ iniziato in queste ore a Cambridge il processo che vede imputata la signora Rekha Kumari-Baker, 41 anni, responsabile dell’omicidio delle sue due figlie, Davina e Jasmine, rispettivamente di 16 e 13 anni.La donna, impiegata in un hotel, ha accoltellato a morte Davina mentre dormiva: in preda ad un raptus l’ha uccisa con 39 coltellate,


E’ iniziato in queste ore a Cambridge il processo che vede imputata la signora Rekha Kumari-Baker, 41 anni, responsabile dell’omicidio delle sue due figlie, Davina e Jasmine, rispettivamente di 16 e 13 anni.

La donna, impiegata in un hotel, ha accoltellato a morte Davina mentre dormiva: in preda ad un raptus l’ha uccisa con 39 coltellate, poi ha riservato lo stesso trattamento a Jasmine.

Dopo averle uccise si è vestita ed ha fatto un giro in macchina, poi ha chiamato un suo amico ed ha confessato di aver “fatto qualcosa di terribile“.

A quanto pare il movente del duplice omicidio è stata la vendetta: la Kumari-Baker voleva solo vendicarsi dell’ex marito, David Baker, che non si era comportato bene con lei.

E’ chiaro che la donna soffre di un disturbo mentale, così come hanno dichiarato i suoi legali e per questo potrebbe ottenere un notevole sconto di pena.

Lei, nel frattempo, continua a negare l’omicidio, nonostante le prove schiaccianti e la confessione resa alle autorità al momento dell’arresto.

Via | Daily Mail