UK: è in corso il processo per i due giovanissimi fratelli torturatori di Edlington, che ora rischiano il carcere a vita

Si sta svolgendo in queste ore in Inghilterra il processo a carico di due pericolosi fratelli torturatori di Edlington, di cui ci siamo occupati un paio di volte nel corso dell’ultimo anno. I due, che hanno solo 10 e 11 anni, sono riusciti a terrorizzare la cittadina di Edlington, South Yorks, per tre anni. Un

Si sta svolgendo in queste ore in Inghilterra il processo a carico di due pericolosi fratelli torturatori di Edlington, di cui ci siamo occupati un paio di volte nel corso dell’ultimo anno.

I due, che hanno solo 10 e 11 anni, sono riusciti a terrorizzare la cittadina di Edlington, South Yorks, per tre anni. Un lungo periodo in cui sono stati liberi di commettere una serie di brutali aggressioni.

Appiccavano incendi e distruggevano recinti con una certa regolarità, lanciavano mattoni alle auto e ai vetri delle finestre, si divertivano ad insultare pesantemente le persone in sovrappeso e quelle di colore. Ma non è tutto.

Questi due piccoli mostri hanno fatto quanto segue a due bambini di 9 e 11 anni:

– li hanno picchiati con bastoni e mattoni
– costretti ad avere rapporti sessuali tra di loro
– urinato addosso, mentre sorseggiavano birra
– bruciato le palpebre e le orecchie del bambino di 9 anni
– costretti a mangiare aghi
– messo un cappio al collo del bambino di 11 anni

Nell’aprile scorso ve lo avevamo così descritto:

A dare l’allarme è stata la signora Lisa Meenhan, residente nella zona, dopo che sua figlia si è imbattuta nel bambino di 9 anni, barcollante e stordito, poco lontano dalla sua abitazione. Il suo amico, invece, è stato trovato dopo circa un’ora e mezzo di ricerche da parte delle autorità: ha riportato profonde ferite alla testa e le sue condizioni sono molto critiche.

E questo riguarda solo l’ultimo caso denunciato. Considerate che ce ne sono almeno altri otto, sempre ai danni di altri bambini, sempre con la stessa ferocia.

I due, soprannominati “devil kids” erano ormai lasciati allo stato brado. La madre adottiva si era semplicemente limitata ad affiggere un cartello davanti alla propria abitazione: “Beware Of The Kids“, fate attenzione ai bambini!

Al momento non è ancora chiaro cosa succederà a questi due ragazzini e quale sarà la loro condanna: la sentenza è rimandata di qualche mese, ma pare assai probabile che i due verranno rinchiusi per sempre.

Nel frattempo sono in molti a porsi una serie di domande: dove stavano gli assistenti sociali? perché le autorità non sono intervenute prima?

Via | Daily Mail e Daily Record

I Video di Blogo.it