Napoli, altro omicidio: Biagio Scagliola ucciso a Secondigliano

Scagliola, di 55 anni, era ritenuto un affiliato agli Scissionisti, il clan contrapposto ai Girati nella nuova faida di Scampia.

Ancora un agguato di camorra a Napoli, un altro omicidio che sarebbe collegato alla nuova faida di Scampia. La vittima si chiamava Biagio Scagliola, di 55 anni. L’uomo, con precedenti per associazione mafiosa, omicidio e tentato omicidio, era ritenuto un affiliato agli Scissionisti, il clan contrapposto ai Girati di via Vanella Grassi, in questa fase della guerra per il controllo delle piazze di spaccio a Scampia e nell’area di Napoli nord.

Una faida senza esclusione di colpi e che non ammette zone franche come dimostra l’omicidio compiuto presso una scuola dell’infanzia di Scampia 15 giorni fa. Scagliola, detenuto in carcere fino al 2011, è stato ucciso ieri sera intorno alle 20 alla terza traversa Cupa Capodichino, tra Secondigliano e Miano.

Sul posto sono poi arrivati i carabinieri secondo cui il 55enne è stato raggiunto da almeno sei colpi di pistola al torace e al viso. Ad esploderli un sicario sceso da un’auto. L’ultimo omicidio a Napoli c’era stato quattro giorni fa con l’uccisione di un ragazzo di 24 anni, figlio del presunto boss del clan Grimaldi.

Foto © TMNews

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →