RWC 2011 – Gli USA ancora ko con il Canada

Tanto possesso, pallino del gioco in mano per buona parte del match, ma anche tanti, troppi errori. Gli Stati Uniti perdono per 27-7 anche il secondo incontro preparatorio alla Rugby World Cup contro il Canada. Tre mete a uno il passivo per il XV di O’Sullivan che a settembre sfideranno l’Italrugby ai Mondiali.Una meta subito

Tanto possesso, pallino del gioco in mano per buona parte del match, ma anche tanti, troppi errori. Gli Stati Uniti perdono per 27-7 anche il secondo incontro preparatorio alla Rugby World Cup contro il Canada. Tre mete a uno il passivo per il XV di O’Sullivan che a settembre sfideranno l’Italrugby ai Mondiali.

Una meta subito al via, dopo 5 minuti, grazie a una palla vagante raccolta da DTH van der Merwe che corre per cinquanta metri prima di schiacciare in meta. Gli Stati Uniti spingono, creano, costringono il Canada a prendere due gialli, ma i punti finiscono ancora in bacheca per gli ospiti con un piazzato che fissa il punteggio sul 10-0. E’ di Blaine Scully l’unica meta americana che accorcia momentaneamente il punteggio, ma poi è ancora solo il Canada a concretizzare le occasioni. Arrivano, così, le mete di Aaron Carpenter e Phil Mackenzie che fissano il punteggio sul 27-7 finale.