Ping Pong: botte (e risposte) della giornata politica

Leggi e commenta la Top NewsTerremoto elettorale: il Pd può perdere il 10 per cento dei voti. E’ il risultato della “questione morale” abbattutasi sul partito di Veltroni. Lo dice Renato Mannheimer ad Affaritaliani.it dopo gli ultimi arresti a Napoli. Veltroni: “Bisogna prendere il toro per le corna”. Donadi: “Nel Pd, marcio dilagante. Colpa di

Leggi e commenta la Top News

Terremoto elettorale: il Pd può perdere il 10 per cento dei voti. E’ il risultato della “questione morale” abbattutasi sul partito di Veltroni. Lo dice Renato Mannheimer ad Affaritaliani.it dopo gli ultimi arresti a Napoli. Veltroni: “Bisogna prendere il toro per le corna”. Donadi: “Nel Pd, marcio dilagante. Colpa di Veltroni, sopraffatto dalle correnti”.

Il nostro commento
Il Pd è con l’acqua fino al collo. Ma il partito di Veltroni non ha ancora toccato il fondo. E’ ovvio che il Pd ha anche molti amministratori seri, onesti e competenti. Ma il tarlo corrode oramai le fondamenta. Non sono stati scoperti tutti gli “altarini” di una gestione del potere locale (e non solo) dominate sempre più da logiche affaristiche e clientelari. La laedership di Veltroni è alla frutta e gli annunci di rinnovamento dei gruppi dirigenti e dei metodi resteranno tali. Una situazione al limite dell’implosione. La riunione della Direzione di venerdi 19 può essere l’occasione per la resa dei conti. La crisi del Pd è l’iceberg della crisi di tutti i partiti, trasformatisi da centri di partecipazione, di confronto, di idee e valori in comitati elettorali o di affari.

Andrea Orlando (portavoce Pd): “Lavoreremo per un profondo rinnovamento, per una gestione del potere più sobria e attenta ai problemi dei cittadini. In alcune regioni sono emerse vicende interne ai gruppi dirigenti. In altre la magistratura ha mandato in blackout il partito”.

Massimo Donadi (Idv): “Non è una nuova Tangentopoli, è diversa ma non è meglio di Tangentopoli. Tutti i partiti hanno messo sempre la testa sotto la sabbia e dal ’92 ad oggi non hanno mai fatto pulizia del marcio interno. Il Pd non sta peggio del Pdl: c’è una questione morale della politica italiana”.