Isis è in Yemen: il primo video dei jihadisti del Daesh

Altissima qualità grafica e strumentazione di propaganda d’avanguardia: così il Daesh avvisa gli houthi yemeniti

Qualche ora fa è stato pubblicato il primo video di propaganda girato dai miliziani jihadisti dello Stato Islamico in Yemen: il primo video dello dell’Isis nel paese della penisola arabica è un filmato spettacolare nel corso del quale si osservano alcune fasi di addestramento e, da circa metà filmato, si ascolta l’arringa di un uomo che annuncia ufficialmente l’arrivo dei soldati del Califfo nel Paese arabo.

“Siamo venuti per sgozzarvi, con uomini assetati del vostro sangue per vendicare i sunniti e riprendere le terre che avete occupato […] Giuriamo fedeltà al Califfo Abu Bakr Al Baghdadi Al Quraishi […] giovani dell’Islam monoteista unitevi al Califfato per combattere gli infedeli.”

Le minacce che i miliziani muovono sono tutte verso altri arabi musulmani sciiti: nell’annuncio pronunciato nel video si dice infatti che lo Stato Islamico è nello Yemen per “sgozzare” le milizie sciite houthi. Quella contro gli sciiti è per il Daesh la guerra principale, il motivo per il quale è nato lo Stato Islamico: la “purificazione” dell’Islam tramite la jihad verso gli infedeli, su tutti gli sciiti.

Secondo quanto si legge su Wikipedia (in tal senso, una buona fonte) gli houthi appartengono alla variante sciita dell’Islam zaidita, noto anche come “Pentimani”, una branca sciita presente nel solo Yemen.

Il video, postato oggi in rete dalla provincia di San’a, dicono i miliziani nel video, arriva all’indomani delle fine dell’offensiva di una coalizione araba guidata dall’Arabia Saudita contro proprio i ribelli houthi, accusati di “golpe” contro il presidente Abd Rabbo Mansour Hadi. Come ricorda Askanews il 20 marzo scorso l’organizzazione terroristica ha rivendicato tre attacchi kamikaze ad altrettante moschee sciite nel Paese arabo; due nella capitale San’a e una nella provincia di Saada. Attacchi che sono costati la vita a 137 persone.