Sel: “Pinotti va sfiduciata, continua a investire in F35”

Sel lamenta il fatto che nel Def non c’è traccia del dimezzamento dell’acquisto di F35 nonostante sia stata approvata una mozione a riguardo.

Il capogruppo di Sel alla Camera Arturo Scotto ha convocato una conferenza stampa a Montecitorio per manifestare la profonda delusione del suo partito in relazione all’operato del ministro della Difesa Roberta Pinotti, annunciando l’intenzione di presentare una mozione di sfiducia se il governo non provvederà autonomamente a cambiarla.
Sel lamenta il fatto che il ministro non ha un rapporto corretto con il Parlamento e con la sua maggioranza perché nel Documento economico e finanziario varato dall’esecutivo Renzi non è stato inserito il dimezzamento dell’acquisto di F35.

E dire che a settembre la Camera ha approvato una mozione per la riduzione del budget destinato all’acquisto dei caccia presentata proprio dal Pd, il partito di Pinotti. In quell’occasione il ministro della Difesa aveva commentato dicendo che gli investimenti in armamenti vanno fatti ragionando sulla “compatibilità finanziaria del Paese e sui possibili ritorni” e che per quanto riguarda gli F35 occorre da una parte garantire la sicurezza dell’Italia e dall’altra essere consapevoli che questo tipo di provetti possono essere molto onerosi e dunque devono pesare meno sulla finanza italiana e possibilmente produrre lavoro.

Sel nei giorni scorsi ha definito il Def come una “manovra di galleggiamento, di distrazione di massa” che non investe realmente sulla ripresa economica e l’assenza di tagli è solo una bugia perché ci sono sulla sanità, sui trasporti pubblici e sui servizi sociali. Sel ha anche presentato un Def alternativo che prevede una patrimoniale su grandi patrimoni e, appunto, il dimezzamento della spesa per gli F35.

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →