Livorno, uova e pomodori contro Salvini che risponde: “Solo sfigati”

Cori, striscioni e uova hanno accolto questa mattina il segretario della Lega in Toscana.

Il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini questa mattina era a Livorno, ha fatto visita al gazebo elettorale del suo partito indossando la classica felpa con il nome della città visitata. L’accoglienza che gli è stata riservata non è stata pero delle migliori, com’era anche facile prevedere, al punto che sembra quasi una strategia quella di visitare le piazze calde per farsi contestare. Durante il suo discorso i contestatori hanno intonato molti cori contro il deputato, poi gli hanno dedicato “Bella Ciao”.

Il momento più caldo si è avuto quando Salvini è stato fatto bersaglio del lancio di uova e pomodori, in via Grande a pochi passi dallo storico mercato di piazza Cavalotti. In tutta risposta il segretario della Lega ha mostrato il dito medio ai contestatori ringraziando la Livorno democratica per la bella accoglienza e chiedendo di dare una lezione, alle prossime elezioni regionali, a quelli che definisce “soltanto degli sfigati“. Ha poi promesso di far ritorno nella città toscana, non una ma più volte, finché “non sarà possibile anche qui manifestare liberamente e Livorno diventi una città sicura e democratica”.

Nel suo discorso ha ovviamente parlato del prossimo impegno elettorale, si è detto sicuro che il 31 maggio la Toscana e il suo presidente Rossi riceveranno una bella sorpresa. Alla fine del suo intervento il deputato leghista ne ha approfittato per scattare qualche foto con i suoi sostenitori, materiale che poi ha pubblicato anche sul suo profilo Twitter.

© Foto contropiano.org | Via Twitter