Broken Britain: gli omicidi salgono nonostante la costosa campagna “anti coltello”

Ci siamo occupati più volte della cosiddetta Broken Britain, di adolescenti o poco più uccisi a coltellate da coetanei a seguito di risse o discussioni di ogni genere. A questo proposito il governo inglese si era adoperato promuovendo una campagna di sensibilizzazione contro l’uso dei coltelli da parte dei giovani. 12 milioni di sterline spesi


Ci siamo occupati più volte della cosiddetta Broken Britain, di adolescenti o poco più uccisi a coltellate da coetanei a seguito di risse o discussioni di ogni genere.

A questo proposito il governo inglese si era adoperato promuovendo una campagna di sensibilizzazione contro l’uso dei coltelli da parte dei giovani. 12 milioni di sterline spesi per convincere i giovani che ci sono altre strade oltre all’uso della violenza.

Il risultato, però, non è stato quello sperato. Negli ultimi nove mesi, infatti, gli omicidi di adolescenti in tutta la Gran Bretagna sono saliti a 103, rispetto ai 96 dell’anno precedente.

Ma questo, secondo il Governo, è tutt’altro che scoraggiante:

Stiamo iniziando a vedere dei segni positivi. Il primo approccio, in questi casi, non è quello di ridurre i reati, ma di evitare che aumentino. Poi si potrà pensare alla riduzione.

Tackling Knives Action Programme
Tackling Knives Action Programme
Tackling Knives Action Programme

Questo programma, denominato Tackling Knives Action Programme, è quindi ben lontano dall’essere abbandonato. Per i prossimi mesi è infatti previsto un aumento dei fondi a disposizione di circa 5milioni di sterline.

Di diverso parere è invece una parte dell’opinione pubblica, che si basa sulle statistiche e non sulle promesse: solo nell’ultima settimana ci sono state circa 100 denunce di aggressioni, e in alcuni casi di violenza sessuale, da parte di giovani armati di coltello.

Tackling Knives Action Programme

Via | Daily Mail

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd