Sondaggi politici, 21 aprile 2015: la Lega Nord riprende a crescere

Nei sondaggi politici Emg nuova avanzata di Matteo Salvini, mentre gli altri partiti restano fermi al palo.


Poco si muove nei sondaggi politici Emg andati in onda ieri sera durante il TgLa7; poco si muove anche perché il momento è di quelli sicuramente di attesa: il varo di una riforma importante come l’Italicum – atteso per la fine della settimana – e soprattutto le elezioni regionali 2015 che si terranno il 31 di maggio – che renderanno più chiari i rapporti di forza al di là di quello che quotidianamente ci raccontano i vari sondaggi – produrranno sicuramente degli scossoni importanti.

Poco si muove, in verità, tranne in un caso: quello della Lega Nord. Che riprende a crescere dopo settimane di stallo e avanza di ben mezzo punto percentuale, raggiungendo così quota 16%. Le ragioni per cui il partito di Matteo Salvini riprende a crescere in questo particolare momento sembrano abbastanza evidente: la nuova tremenda strage di migranti fornisce, come sempre, grande visibilità a Salvini, che regolarmente cresce ogni volta avvengono tragedie di questo tipo.

Sondaggi politici 20 aprile 2015

Tutti gli altri, invece, restano al palo. A partire dal Partito Democratico, che scendendo di un solo decimale riesce quanto meno a frenare l’emorragia delle ultime settimane. Tutto stabile anche nel centrodestra, dove Forza Italia rimane al 12,1%. Leggero calo per Ncd-Udc, che perde tre decimali e passa al 2,6%. Fratelli d’Italia questa settimana non cresce, ma non passa inosservato quel 4,9% che lo pone parecchio al di sopra della sua controparte di sinistra, Sel, al 4,2%.

E il Movimento 5 Stelle? L’impetuosa crescita delle scorse settimane sembra essersi conclusa, almeno in questa settimana in cui il partito di Beppe Grillo cede due decimali e arriva al 21,1%. Lega Nord a parte, la situazione sembra davvero essere di quiete prima della tempesta, ma perché questa si scateni ci sarà da attendere ancora un po’.

I Video di Blogo