Servizio Pubblico | Puntata 16 aprile 2015

Servizio Pubblico: la puntata del 16 aprile 2015 in diretta streaming

00.04 Le vignette di Vauro. Finisce la puntata.

23.59 Bersani: “Votare no alla fiducia? Non penso metteranno la fiducia”.
23.55 Mentana difende Bersani: “Sono minoranza perché un anno e mezzo fa è stato scalato da un esterno. Loro sono una struttura molto forte ma un nuovo partito nel partito ha preso il potere del Pd”.
23.51 Travaglio: “Io voglio che l’Italicum non passi e visto che sono d’accordo con Bersani sul rischio democratico vorrei che votassero no in Parlamento”. Santoro: “Ma questo problema vale anche per il M5S, che vota sempre compatto”.
23.50 Santoro: “Bersani fa bene a non uscire dal Pd. Il problema è che dovrebbe fare qualcosa rimanendo dentro”.
23.48 Renzi in America ha confermato che l’Italicum diventerà legge tra qualche giorno e che le riforme saranno portate a casa. Annunziata corregge l’inglese di Renzi.
23.45 Travaglio fa notare nuovamente che la minoranza Pd non ha mai votato no contro Renzi. Bersani ripete che sarà leale col suo partito e invita Travaglio a rivolgersi alla destra perché “Renzi è il segretario del mio partito”.
23.43 Bersani: “Immagino che adesso gli Usa ci facciano pressione sulla questione di energia e di gas. E io ci farei attenzione”.
23.40 Annunziata: “Renzi viene riconosciuto come interlocutore da Obama, ma Obama è ormai un Presidente azzoppato”.
23.36 Renzi in America: “I primi responsabili della crisi in Italia sono i politici italiani”.
23.34 Collegamento con Giulia Innocenzi, che racconta il viaggio americano di Renzi, che ora sta parlando con gli studenti.

Giulia Inno

23.33 Sulla mozione Giachetti, Bersani: “Chiesi ai grillini se volevano votare il Mattarellum. Non volevano, volevano incasinarci noi; è stata una manovretta parlamentare”.
23.32 Bersani: “Non sono d’accordo a definirla svolta autoritaria. Trovo questo meccanismo troppo corrivo a tendenze strutturali populiste che ci sono in Europa e in Italia”.
23.28 Travaglio a Bersani: “Non è vero che i giornali non hanno parlato di questo. Noi abbiamo raccolto 350 mila firme e nessuno di voi ha voluto dire niente”.

23.27 Bersani risponde: “Quando ci sono 4 passaggi cerchi sempre di migliorare le leggi col massimo della lealtà nei confronti del tuo partito”.
23.24 Travaglio ironizza parlando di “50 sfumature di sì dei bersaniani”:

Il mio sì è molto diverso dal tuo, è più no che sì. I bersaniani sono gli oppositori di domani, anzi di dopodomani. ‘Qui lo voto e qui lo nego’.

23.21 Travaglio: “Il nuovo Parlamento sarà un Parlamento-zerbino dell’uomo solo al comando, senza controlli né contrappesi”.
23.17 L’editoriale di Marco Travaglio:

Bersani ha sempre votato l’Italicum. Due mesi fa scopre la svolta autoritaria e che fa? Vota No.

marco ta

23.07 Bersani ricorda: “Nel 2001 e nel 2007 cancellai le concessioni Tav per fare la gara d’appalto. Dopo due mesi sono state ripristinate”. E auspica la cancellazione della Legge Obiettivo.
23.05 Bersani: “Cambiare il Paese significa far cambiare le tasse e quindi perdere le elezioni. A noi è successo”
23.00 Annunziata: “Non ci sono proposte alternative sul Def”. Bersani: “Quando si discuterà di Def ci saranno un certo numero di proposte”.
22.59 Secondo Bersani la soluzione è in “alcune iniziative pubbliche per sollecitare investimenti pubblici per 10-15 miliardi di euro”.
22.57 Bersani: “Renzi dovrebbe dire ‘stiamo cercando di venirne fuori, ci sono delle condizioni buone, abbiamo alle spalle dieci anni in cui non abbiamo governato noi, il nostro problema oggi è trasformare liquidità in lavoro'”. Su Salvini: “Salvini non lo prendono alle Acciaierie di Terni, il Pd sì”.
22.54 Giordano: “Il problema non è la legge elettorale che avremo, ma che non avremo più elettori. Il problema del Paese è lo strapotere di Renzi”.
22.49 L’intervento di Dragoni, sul tesoretto annunciato da Renzi:

Quei soldi in più non esistono e comunque derivano da un debito. È solo il frutto della previsione di crescita riportata nel Def

22.43 Il servizio sulla visita di Salvini a Terni, tra contestazioni e selfie:

Mi alleo anche col diavolo per abolire la Fornero.

salvini operaio

22.37 Bersani ammonisce Renzi: “Aspettiamo a dire che siamo fuori dalla crisi. Perché altrimenti la gente potrebbe dire: ‘E a me?'”.
22.33 Bersani insiste: “Poche balle, si sta nel Pd e si combatte lì. Altrimenti mi riposerei”. Su Renzi: “Dice ‘per 20 anni…’ ma cosa fa, ammucchia Prodi e Berlusconi? Renzi ha grandissima energia, ma vedo una debolezza nella squadra”.
22.28 Bersani: “Io devo andare fuori dal Pd? No, non esiste. È casa mia. Il Pd durerà 100 anni, è giovane e imperfetto”.
22.26 Giordano critico: “La posizione di Bersani impoverisce la politica perché è incomprensibile ai più”.
22.24 Bersani assicura che non crede minimamente ai complotti e ai poteri forti alle spalle di Renzi.
MSRISRRX

22.19 Mentana fa notare che Renzi sull’Italicum non tocca le richieste di Forza Italia anche adesso che il Patto del Nazareno non esiste più.
22.16 Bersani: “Renzi è un patrimonio del Pd. È stato più capace di me nell’allargare il consenso del Pd, ma gli dico solo di stare attento a non tagliare le radici. Renzi però è un investimento per il Pd”.
22.15 Bersani: “Nessuno vuole usare questa cosa per far inciampare il governo. Noi crediamo in quello che diciamo. Siamo sorpresi che non ci sia la possibilità di ragionare nel partito”.
22.14 Annunziata a Bersani: “È vero che sta maturando l’idea dentro il Pd che Renzi non sia così forte alle elezioni e che non durerà fino alla fine della legislatura?”
22.08 Il retroscena di Renzoni. Il Premier avrebbe promesso alla minoranza una sessantina di posti da capilista e la direzione de L’Unità in cambio del sì all’Italicum. Ma tutto è stato vano e allora Renzi ha minacciato di andare alle elezioni. Tuttavia Mattarella non sarebbe disposta a sciogliere le Camere, ma interebbe cercare inizialmente una nuova maggioranza.
22.03 Viene proposto uno spezzone dello show di Crozza.
21.57 Mentana a Bersani: “Il problema è che questa legge terrificante l’ha proposta il suo partito! L’avesse fatta Berlusconi avreste fatto manifestazioni e girotondi”.
21.53 Giordano: “La battaglia di Bersani e della minoranza Pd è scarsamente comprensibile ai più. Il Paese non avverte come un pericolo i capilista bloccati. E’ difficile far capire alla gente che la riforma del Senato siano veramente un pericolo”. Bersani: “Tocca anche a voi, giornalista. Non è un capriccio di Bersani. Che la gente riesca a capire di cosa si sta discutendo non tocca solo i politici”.
21.46 Mentana chiede: “‘Non voto la legge elettorale’ significa che vota no o che non la vota?” Bersani: “Parlo per me, non faccio il capo corrente”. E aggiunge:

Non è questione né di disciplina né di coscienza, ma di responsabilità del singolo parlamentare. Preferirei non trovarmi in questa situazione, voglio credere che ci possa essere un modo di discutere. La speranza è l’ultima a morire, anche se è la prima a dimettersi.

21.45 Bersani: “L’idea che Renzi avrebbe cancellato Grillo ho sempre pensato fosse una sciocchezza. Se non è Grillo, è Salvini”.
21.40 Annunziata in premessa dice che Bersani è una persona perbene. Poi chiede:

Perché, per un argomento così importante, all’interno del Pd non si è trovata una linea comune?

21.38 Bersani: “Stavolta non me la sento di votare, è la prima volta che mi accade, non sono mai andato contro la ditta”.

wrsrbsr

21.33 Bersani: “Il rischio è andare verso un sistema che non è né parlamentare né presidenziale. Per 20 anni ho fatto la battaglia sul tema dell’uomo solo al comando. Il sistema del ghe pensi mi non lo accetto. Con le modifiche alla legge elettorale non risolviamo tutti i problemi, ma togliamo via alcuni rischi”.
Sul ballottaggio:

Correggiamolo, facendolo assomigliare di più ad un secondo turno. Dando flessibilità e rappresentativa al sistema.

21.25 La copertina si apre con Bertazzoni che interroga gli ospiti della prima del nuovo film di Veltroni. Poche le risposte.
21.14 Santoro entra in studio sulle note di Vieni via con me di Paolo Conte:

Oggi c’è Renzi il più bambino di tutti, quello che sa tutto. L’altro bambino è Salvini che smonta la democrazia come un treno. La nuova Italia è appena nata ed è una splendida bambina. It’s wonderful!

21.13 Inizia la puntata.

Servizio Pubblico stasera torna con una nuova puntata, seguita in liveblogging e diretta video streaming da Blogo dalle ore 21.10. Alla conduzione Michele Santoro.

Servizio Pubblico | Anticipazioni puntata 16 aprile 2015

Servizio Pubblico: la puntata di stasera è intitolata Zitto e pedala

In primo piano le divisioni interne al Pd dopo il voto in assemblea per la riforma elettorale e le dimissioni del capogruppo Roberto Speranza.

Ad animare il dibattito in studio ci saranno, tra gli altri, Pier Luigi Bersani, deputato ed ex segretario del Pd, Enrico Mentana, direttore del Tg La7, Lucia Annunziata, direttore dell’Huffington Post Italia e Mario Giordano, direttore del Tg4.

Nel corso della puntata gli interventi di Gianni Dragoni del Sole 24 Ore, del giornalista dell’Huffington Post, Alessandro De Angelis, e di Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano. In chiusura le immancabili vignette satiriche di Vauro.

rsrs

Servizio Pubblico | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Servizio Pubblico, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7, ma anche su Blogo, dove potete leggere pure il liveblogging.

Servizio Pubblico | Secondo screen

Servizio Pubblico ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter.