Primarie Pdl, Alessandra Mussolini si ritira

Alessandra Mussolini si è ritirata dalla corsa alle primarie del Pdl. Era facilmente prevedibile che il numero di 12 candidati sarebbe andato scremandosi, ma non si pensava così in fretta. La Mussolini ha spiegato la sua versione dei fatti, le sue ragioni, insomma: «Trasformare le primarie del Pdl in un congresso politico, o meglio, in

di

Primarie Pdl - I candidati: Daniela Santanché
Primarie Pdl - I candidati: Giorgia Meloni ha annunciato la candidatura in extremis, il 19 novembre
Primarie Pdl - I candidati: il segretario del Pdl Angelino Alfano
Primarie Pdl - I candidati: Giancarlo Galan, già deputato, ministro e Governatore del Veneto
Primarie Pdl - I candidati: Gianpiero Samorì, avvocato e imprenditore

Alessandra MussoliniAlessandra Mussolini si è ritirata dalla corsa alle primarie del Pdl. Era facilmente prevedibile che il numero di 12 candidati sarebbe andato scremandosi, ma non si pensava così in fretta.

La Mussolini ha spiegato la sua versione dei fatti, le sue ragioni, insomma:

«Trasformare le primarie del Pdl in un congresso politico, o meglio, in una squallida e poco credibile resa dei conti interna, è il più grosso errore che si possa commettere alla vigilia di una campagna elettorale»


E ancora:

«Se queste sono le premesse sarà una gara sotto i riflettori di chi ha lo scopo di distruggere senza costruire, che porterà a un ulteriore indebolimento politico di un partito e della sua classe dirigente».

Segue un commento sulla tenzone in pieno stile-alessandra-mussolini:

«Non si parli allora di primarie ma di correnti allo sbaraglio in cerca di riposizionamento politico»

E infine, una frecciata alla Meloni, che ha annunciato la sua candidatura ieri precisando che ha deciso di gettarsi nella mischia per dire il suo no al governo dei tecnici:

«Patetico poi è l’atteggiamento di chi tira fuori le unghiette contro il governo Monti solo ora, dopo che ne ha sempre dato l’appoggio durante il suo mandato. A questo punto, ancora una volta, il presidente Berlusconi ha avuto ragione a nutrire scetticismo per questo masochistico strumento politico al quale mi onorerò di non partecipare”.