Eccellenza – Grandi manovre in casa Rovigo

Tante partenze, alcune anche di lusso, per la Femi-Cz Rugby Rovigo Delta che dopo aver visto sfumare il sogno scudetto fa importanti rivoluzioni nella rosa. Soprattutto in prima linea e in mediana. A raccontarcelo l’amico e collega Emanuele Zago.Per quanto riguarda i primi tre uomini di mischia sono quattro gli addii, a fronte di un

Tante partenze, alcune anche di lusso, per la Femi-Cz Rugby Rovigo Delta che dopo aver visto sfumare il sogno scudetto fa importanti rivoluzioni nella rosa. Soprattutto in prima linea e in mediana. A raccontarcelo l’amico e collega Emanuele Zago.

Per quanto riguarda i primi tre uomini di mischia sono quattro gli addii, a fronte di un solo arrivo: il quasi quarantenne Vittorio Golfetti lascia il rugby giocato e si dedicherà ad allenare le giovanili rossoblu; Rik Dolcetto, diventato Vigile del fuoco, viene lasciato libero di tentare altre strade, così come Flavio Damiano che ha chiesto di potersi riavvicinare a Padova per motivi familiari. Per quanto riguarda Luigi Milani il Rovigo non ha chiesto il rinnovo del prestito agli Aironi.
Mentre si tratta con il giovane Giuseppe Datola e con il veterano Giovanni Boccalon (quest’ultimo pare voler seguire la strada di Golfetti o diminuire l’impegno scendendo di categoria), si attende di sapere la decisione di Massimiliano Ravalle, che stavolta non resisterebbe al richiamo di una franchigia della RaboDirect PRO 12 (la Celtic League fresca di nuovo sponsor).
Confermati da tempo il tallonatore neozelandese Luke Mahoney e il giovane pilone rodigino Nicola Quaglio.
Sul fronte arrivi in prima linea, il direttore sportivo Alejandro Canale annuncia l’ingaggio di Alessio Ceglie, pilone destro classe 1988, in arrivo dal Venezia retrocesso, che Canale conosce dalla sua esperienza in laguna.
Nebbia fitta in seconda linea: per conoscere il destino di Jean-Francois Montauriol occorrerà attendere il 30 giugno, se entro quella data, infatti, il giocatore dovesse ricevere una chiamata da un club francese o da una franchigia PRO12 allora lascerà Rovigo, in caso contrario sarà Bersagliere per un altro anno. Ha chiesto tempo anche il vicecapitano Tommaso Reato, che vorrebbe smettere col rugby giocato e dedicarsi ad altre attività, ma la società sta lavorando per poter contare ancora su di lui. Ancora nessun contatto tra il ds e Daniele Tumiati, al quale la società chiede maggior serietà, mentre Matteo Foschi, dopo una stagione condizionata dagli infortuni, lascia Rovigo.
In terza linea si tratta il rinnovo di Younes Anouer e del senatore Marco Barion; Aaron Persico ha già firmato per altri due anni e nessun problema neanche per Edoardo Lubian, a parte le quattro giornate di squalifica che dovrà scontare a inizio stagione. Lasciato libero di tornare in Argentina José Augustin Guzmàn.
Sul fronte della mediana tornerà in patria anche Juan Cruz Legora, la società ha deciso di non rinnovare il numero 9 a causa della carta d’identità e della sua cartella clinica. Servirà un rinforzo da affiancare al giovane Michele Zanirato che invece ha un altro anno di contratto.
Per quanto riguarda la maglia numero 10 a German Bustos non è bastata una delle sue migliori stagioni a Rovigo per guadagnarsi il rinnovo. Sia giocatore che società si sono presi del tempo per cercare soluzioni alternative, nel caso, però, che sia Bustos che il Rovigo non le trovassero l’argentino potrebbe restare un altro anno. Si preannuncia una trattativa lunga e travagliata, nella quale potrebbe inserirsi il probabile ritorno a Rovigo di Riccardo Bocchino. Il giovane numero 10 vorrebbe tornare in Eccellenza, dopo la parentesi con gli Aironi, per fare ancora esperienza e cercare di riconquistare la maglia azzurra. Confermato Davide Duca, che però non ha ancora firmato.
Nel reparto arretrato si registra un’altra partenza verso l’Argentina: quella di Pablo Calanchini, che sapeva da tempo questa sarebbe stata la sua ultima stagione a Rovigo. Hanno già firmato per un’altra stagione Roberto Pedrazzi e Samuele Pace, mentre per il centro Francesco Zarattini si tratta di espletare le ultime formalità.
Più complesse le situazioni di Joe Van Niekerk, Alberto Zorzi e Andrea Bacchetti. Il centro sudafricano ha un altro anno di contratto col Rovigo, ma questo prevede una clausola che implica una sua partenza immediata in caso di chiamata da una franchigia celtica. La società vuole confermare Alberto Zorzi, ma per farlo deve riscattarlo acquistando il suo cartellino dal Tarvisium. Il Rovigo è pronto a fare l’investimento, ma solo a fronte di un impegno pluriennale del giocatore.
Andrea Bacchetti
ha già firmato con la squadra della sua città per un altro anno, ma la sua permanenza dipende da una eventuale chiamata da parte degli Aironi. Marcello De Gaspari parteciperà al concorso per entrare nelle Fiamme Oro, ed è pronto a seguire le orme di Di Maura e Boarato. Confermatissimo da mesi il folletto sudafricano Sefan Basson, non è stato invece rinnovato l’accordo con Marko Stanojevic.
Ha già iniziato la preparazione con gli Aironi il trequarti della Rugby Roma Riccardo Pavan, ma in caso la franchigia non dovesse confermarlo il suo futuro sarà a Rovigo, società con il quale il giocatore ha già firmato un precontratto che scade il 30 giugno.
Sul fronte del vivaio sono promossi a titolo definitivo in prima squadra i giovani: Matteo Maran, Matteo Ferro, Andrea De Marchi, Lorenzo Lubian e Nicola Marzolla.
Infine capitolo allenatori: Polla Roux continuerà a guidare la prima squadra affiancato dal preparatore atletico Giorgio Da Lozzo. Fabio Coppo non ha ancora confermato, con lui si sta trattando per affidargli anche la guida della nuova squadra Under 23.

I Video di Blogo