Renzi, “rimpastino” di governo per andare presto alle elezioni anticipate?

Gli strattoni (o strattini?) di Pierluigi Bersani non animano le minoranze del Pd e anzi rafforzano Matteo Renzi non solo come segretario ma anche come premier.

In entrambi i posti, partito e governo, Renzi guadagna punti, rafforzandosi ulteriormente usando a destra e a manca la politica del bastone (tanto) e della carota (poco). Renzi pesa le debolezze dei suoi avversari interni ed esterni e agisce di conseguenza, con spavalderia.

Il “rimpastino” in atto dopo il caso Lupi è emblematico – ballano i sottoposti fedelissimi del premier Graziano Delrio e Maria Elena Boschi – confermando il completo dominio dell’esecutivo da parte di Renzi, un esecutivo sempre più “monocolore” Pd.

Proprio la vicenda Lupi, massacrato e costretto al forfait pur non essendo inquisito né prima e né dopo le dimissioni da ministro, ha dimostrato l’assoluta irrilevanza politica dei cosiddetti centristi del Ncd nonché la conferma di un Angelino Alfano, più inutile soprammobile che leader di partito e ministro degli Interni con gli “attributi”.

Di fatto, Ncd sta a galla, gestendo (malamente) lo spazio sempre più ristretto concesso da Renzi, sperando (invano?) di recuperare un ruolo e una dignità politica con la costituenda nuova formazione denominata Area Popolare, assieme al claudicante Udc, ridotto oramai ai minimi termini.

Lasciamo stare, qui, il ruolo e il peso di Berlusconi e di Salvini, alias Forza Italia e Lega, comunque uniti nella importante sfida elettorale delle regionali il prossimo 31 maggio.

In questo quadro, con il tam tam propagandistico renziano che vede l’uscita dal tunnel grazie a quelle riforme più annunciate che fatte, il premier-segretario sente puzza di bruciato e vuole bruciare i tempi con la conta elettorale. Insomma, Renzi punta alle elezioni politiche anticipate per stravincere, avere la piena legittimazione popolare e fare ciò che vuole, da solo.

Dice Luciano Ghelfi: “Se il premier sposta la Boschi alle Infrastrutture vorrebbe dire che il percorso delle riforme è destinato ad interrompersi e che quindi siamo prossimi alle elezioni”. Capito?

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia