Grecia in crisi di liquidità, l’incontro Tsipras-Merkel

Secondo il quotidiano greco Kathimerini le farmacie di Atene sarebbero a corto di farmaci. Oggi il faccia a faccia tra i due leader

20.57 – Al termine dell’incontro di Berlino tra la cancelliera tedesca ed il primo ministro greco si è tenuta una conferenza stampa di rito, con le dichiarazioni (anche quelle di rito) dei due leader europei. Angela Merkel ha tentato, con il suo classico stile, di gettare acqua sul fuoco, aprendo alle richieste della Grecia ma restando ferma su punti che classicamente vengono intesi come “chiave” dalla cancelleria tedesca.

Se da un lato la questione “riparazioni” dei danni di guerra è chiusa dall’altro i tedeschi sono “brave persone” e, con un colpo qui e uno là, i rapporti vengono mostrati ricuciti, anche se le ferite restano profonde.

Grecia in crisi di liquidità, oggi l’incontro Tsipras-Merkel

Nuovo faccia a faccia oggi a Berlino tra Alexis Tsipras e Angela Merkel, un colloquio definito dai più “cruciale” sia per l’importante tavolo di trattative a livello comunitario sugli aiuti ad Atene sia perchè nella penisola ellenica crescono le preoccupazioni sul calo delle riserve di liquidità della Grecia; stando a quanto riportano le agenzie stampa infatti i funzionari del governo Tsipras si stanno affrettando a dare gli ultimi ritocchi ad un elenco di riforme dettagliate in linea con le richieste dei creditori internazionali del Paese.

Secondo quanto riporta il quotidiano Kathimerini, citato dall’Ansa, uno degli aspetti più critici che in questi giorni i cittadini greci devono affrontare è la carenza di farmaci nelle farmacie: i rivenditori all’ingrosso nel settore farmaceutico sembrano infatti aver adottato una stretta sulle forniture, cosa che avrebbe provocato scarsità degli antidolorifici più diffusi e di farmaci anti-infiammatori, ma anche di antibiotici, insulina e vaccini.

“Alcune società ci costringono ad acquistare altri medicinali insieme a quelli di cui abbiamo bisogno altrimenti non accettano le nostre ordinazioni. […] Vi sono molte carenze di medicine e stanno aumentando. Ho bisogno di 70-80 unità di anticoagulanti ogni mese e di rado ne vedo più di 30.”

è quanto lamentano i farmacisti ellenici citati dal quotidiano: i professionisti ellenici per far fronte alle carenze nelle forniture avrebbero addirittura creato una rete di scambio parallela grazie a Facebook, di modo che i flussi dei pochi farmaci disponibili siano effettivamente indirizzati verso chi ne ha necessità. Secondo i dati raccolti dall’Associazione dei Farmacisti greci e pubblicati dal quotidiano ellenico Kathimerini il valore delle cosiddette esportazioni ‘parallele’ di farmaci ammontava a 1,4 miliardi di euro nel 2009 ma lo scorso anno è crollato ad appena 310 milioni di euro.

Per questi, e tanti altri, motivi l’incontro Tsipras-Merkel di oggi sarà fondamentale per ricucire i numerosi strappi nei rapporti tra il governo di Atene e quello di Berlino: nonostante i toni ottimistici del primo ministro greco però la situazione generale sembra essere veramente esplosiva: ieri è cominciata a circolare la notizia di una nuova crisi di liquidità per Atene, che non sarebbe in grado di pagare gli stipendi pubblici previsti per la fine di aprile.

Atene ha bisogno di circa 1,5 miliardi di euro per far fronte ai propri obblighi per marzo e due miliardi di euro per aprile, un problema non da poco per chi in Europa deve decidere se concedere nuove linee di credito alle disastrate finanze elleniche.