Enrico Letta: in uscita un libro dopo mesi nell’ombra. Non mancheranno critiche a Renzi

Enrico Letta sta per pubblicare un libro con Mondadori in cui critica alcune scelte del Governo Renzi. Dopo l’incontro con Landini della scorsa settimana, l’ex Dc sta pensando di tornare in campo?

Enrico Letta, dopo essere stato “spodestato” da Matteo Renzi (impossibile dimenticare l’hashtag #enricostaisereno) ha taciuto per mesi, senza mai entrare nel vivo della polemica politica. Il delfino di Beniamino Andreatta e nipote di Gianni è rimasto nell’ombra, dedicandosi principalmente all’insegnamento e ai convegni. Ma negli ultimo periodo pare che stia meditando un ritorno ad un ruolo più attivo.

Dieci giorni fa, tanto per cominciare, ha partecipato ad un incontro con Maurizio Landini al festival della rivista Limes. Qui ha difeso il ruolo del sindacato, lanciando un frecciatina al premier in carica. “Pensare che il sindacato debba essere marginalizzato, secondo me, è un errore madornale” , ha detto alla platea, che lo ha applaudito.

Oggi, invece, è stato reso noto che è in uscita un libro dell’ex Dc per la casa editrice Mondadori. Tommaso Ciriaco, su Repubblica, spiega che il pamphlet comprenderà una rilfessione sull’attività di governo svolta e sugli obiettivi che il nostro paese dovrebbe raggiungere per uscire dalla crisi. Ma non mancheranno anche critiche al Presidente del Consiglio.

Ecco cosa scrive il giornalista del quotidiano romano a riguardo:

“Uno che non mantiene la parola data, è l’identikit tratteggiato nelle ultime bozze dall’ex capo del governo […] Buffetti e autentiche sberle, fino alla sentenza definitiva: il presidente del consiglio non si è mostrato politicamente affidabile […] II pupillo di Andreatta boccia sonoramente l’azione del presidente del consiglio. E lo sfida sul terreno più delicato, oltre che politicamente significativo: gli ottanta euro in busta paga per i redditi medio bassi. Una misura che incide sul deficit – secondo Letta – ricalca cattivi esempi del passato, messi in atto dai governi di centrodestra che il Pd ha sempre contestato”

Ovviamente queste sono solo indiscrezioni, staremo a vedere se i toni saranno così aspri o più temperati. In ogni caso, dopo la notizia dell’uscita del libro (prevista ad aprile) sono in molti quelli che incominciano a sospettare che Letta si sia fatto da parte per ricomparire al “momento opportuno”. Qualcuno azzarda perfino l’ipotesi che stia preparando un asse sotterraneo per unire le componenti centriste più progressiste e la sinistra di Coffferati e Landini.

Resta il fatto, però, che il pallino è sempre nelle mani di Matteo Renzi, che dopo la fine del Patto del Nazareno ha acquisto un peso ancora maggiore in Parlamento e ha ridimensionato le polemiche con la sinistra del Pd.