Arrestato a Milano lo stalker Loredano Burano, pregiudicato che per mesi ha perseguitato la sua ex compagna

Avevano avuto una breve relazione, ma lui, il 60enne pregiudicato toscano Loredano Burano, non ne voleva sapere di rassegnarsi alla fine del rapporto. Così ha iniziato a perseguitare la sua ex compagna, la 32enne Maria, prima via sms da due cellulari anonimi, poi da un telefono pubblico.La vicenda è durata circa 3 mesi, con una


Avevano avuto una breve relazione, ma lui, il 60enne pregiudicato toscano Loredano Burano, non ne voleva sapere di rassegnarsi alla fine del rapporto. Così ha iniziato a perseguitare la sua ex compagna, la 32enne Maria, prima via sms da due cellulari anonimi, poi da un telefono pubblico.

La vicenda è durata circa 3 mesi, con una media di quasi due minacce al giorno, che andavano da “Ci sono molti modi per fartela pagare, prima a te e poi a lui” a “Hai scelto di fare il mestiere piu’ vecchio del mondo il tuo pappone sara’ contento“. Poi Burano, visto che le minacce verbali non funzionavano, ha deciso di passare all’azione.

Prima ha bucato le gomme dell’auto del nuovo compagno di Maria, poi ha otturato con del silicone la serratura della porta di casa della donna e infine le ha bruciato l’automobile, Mercedes Classe B.

Aveva minacciato di ucciderla domenica prossima. La polizia lo ha messo in manette prima che le sue intenzioni si trasformassero in realtà. Ieri l’ultima minaccia, “ti faremo vedere la Luna a mezzogiorno“, un sms inviato da una cabina telefonica di via Zuretti, nei pressi della Stazione Centrale e a pochi passi dal commissariato di Polizia.

La donna, al momento della ricezione del messaggio si trovava proprio in commissariato, a sporgere denuncia contro Burano, che è stato rintracciato ed arrestato poco dopo mentre si trovava ancora all’interno della cabina telefonica.

Via | OmniMilano